Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Novembre 2018

La “matitina”

La “matitina”

***

Che bello aricordà Madre Teresa,

quanno diceva ch’era ‘na matita,

in mano der Signore, pe ‘na vita,

da scrive tutta in punta e a Lui protesa.

***

Ché Dio l’accarezzava co le dita,

senza mai strigne troppo quela presa,

portannola in der monno a traccià Chiesa,

in cerca de ‘gni pecora smarita.

***

Er paragone d’èsse matitina

in mano a Lui, è arquanto pertinente,

si s’arifrette che, pure ch’è fina …

***

… pe scrive Dio s’ha da servì uguarmente,

de ‘na matita che metta la “mina”,

senza de quella, nun pò scrive gnente.

***

Stefano Agostino

__________________

***

  1. Che bello aricordà Madre Teresa,
    quanno diceva ch’era ‘na matita,
    in mano der Signore, pe ‘na vita,
    da scrive tutta in punta e a Lui protesa. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Novembre 2018 @ 05:38
  2. Se tutti fossimo docili strumenti che si lasciano guidare da Dio non ci sarebbero ingiustizie, fame né violenza!

    Comment by Silvio — 22 Novembre 2018 @ 09:43
  3. Dolcissimi versi per ricordare Madre Teresa: “una matita” nelle mani di Dio!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Novembre 2018 @ 09:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>