Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Dicembre 2018

Un Natale vero

Un Natale vero

ééé

Nun dico de nun favve li regali,

ma è vero che ormai basta er penziero,

in de ‘sto monno nostro priggioniero

de li ricchezze tutte artificiali.

***

Provate a fà Natale pe davero,

no come tutti l’anni e li natali,

co tanti pacchi e visi sempre uguali,

quanno d’amore ce n’è poco o zero.

***

Provate a penzà un poco ar “festeggiato”,

così tanto pe aricordà ch’ha fatto

ner giorno in cui sarebbe er celebrato.

***

Pe un anno date ascorto anche a la voce

de un “pupo” che cià già contorni e tratto

de Chi pe noi s’è fatto mette in Croce.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Nun dico de nun favve li regali,
    ma è vero che ormai basta er penziero,
    in de ‘sto monno nostro priggioniero
    de li ricchezze tutte artificiali. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Dicembre 2018 @ 05:40
  2. Sono versi molto belli e da ricordare ogni giorno dell’anno! Il Natale è diventata la festa dei negozi e dei supermercati e ci dimentichiamo di Colui che è nato per noi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Dicembre 2018 @ 11:56
  3. <> è un invito magnifico a riportare la nascita del Salvatore nella dovuta centralità della festa del Santo Natale.

    Comment by Silvio — 12 Dicembre 2018 @ 15:13
  4. fantastico sonetto

    Comment by laura cugini — 13 Dicembre 2018 @ 12:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>