Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 Maggio 2019

FLORENZI e ronaldo

FLORENZI e ronaldo

***

Te sei permesso de stà a fà er bulletto,

ché tanto ‘ndó stai tu tutt’è concesso,

co quela maja addosso ciài er permesso,

de fà quer che te pare, senza effetto.

***

Ché poi tu sei Ronaldo, boni adesso,

davanti a te ‘gni artro omo è ometto,

perciò t’atteggi e sei pure scoretto,

nessuno te viè a dì che sbaji e spesso.

***

Ma peffortuna cià penzato er campo

a fà giustizzia piena de consenzi,

arovescianno er monno e senza scampo …

***

… quanno che t’ha segnato lui, Florenzi,

t’ha arintorzato, in meno che de un lampo,

quele stronzate che j’hai detto e penzi.

***

Stefano Agostino

***

  1. Te sei permesso de stà a fà er bulletto,
    ché tanto ‘ndó stai tu tutt’è concesso,
    co quela maja addosso ciài er permesso,
    de fà quer che te pare, senza effetto. …

    Comment di Stefano — 14 Maggio 2019 @ 05:34
  2. Cr7 sarà pure un campione, ma è certamente un gran cafone! Certi gesti osceni dopo aver segnato un gol ce li potrebbe anche risparmiare! è proprio un gran burino.
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 14 Maggio 2019 @ 10:19
  3. Alessandro Florenzi va rispettato come uomo, come calciatore e come capitano dell’AsRoma!

    Comment di Silvio — 14 Maggio 2019 @ 12:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>