Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Giugno 2019

Nun ce faccio er “callo”

Nun ce faccio er “callo”

***

Quanno che ariva er callo più africano,

ch’er cèlo stigne er colorito in giallo,

er sole pare sprenne pe inondallo,

der suo calore tipico sahariano.

***

Co l’afa che nun dà mai un intervallo

e fa sudà che tutto pare vano,

le forze, pure quanno se va piano,

ce lassano ché ciànno troppo callo.

***

Ma si apri bocca e solo te lamenti,

de quant’è arta la temperatura,

ariva sempre chi batte li denti …

***

… pure quanno che strigne la calura,

che dice: “adoro er callo” e, armeno a intenti,

j’ammolli un carcio sotto la cintura.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

  1. Quanno che ariva er callo più africano,
    ch’er cèlo stigne er colorito in giallo,
    er sole pare sprenne pe inondallo,
    der suo calore tipico sahariano. …

    Comment di Stefano — 11 Giugno 2019 @ 05:42
  2. Contrariamente al nostro poeta a me il forte caldo non disturba, anzi lo accolgo con piacere. Naturalmente sarebbe meglio stare al mare o in montagna ma se ricordo le gelide mattine di inverno sullo scooter, tra i due estremi preferisco senz’altro la calura rovente!

    Comment di Silvio — 11 Giugno 2019 @ 09:29
  3. Mi dispiace per te Stefano, ma io preferisco il caldo dell’estate!
    Buona Giornata! (oggi calda e umida)

    Comment di letizia — 11 Giugno 2019 @ 14:17
  4. Caro Stefano, su questa………..sei rimasto solo!
    Io sto’ ar sole tutto l’anno

    Comment di romano cb — 11 Giugno 2019 @ 18:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>