Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Agosto 2019

Assunta

Assunta

***

De certo Lei, Perfetta e Immacolata,

senza peccato, manco origginale,

senza sospetti dar regno der male,

senza ‘na macchia che l’ha mai toccata …

***

… quanno ch’ha chiuso l’occhi ner finale,

de ‘sta vita terena ormai lassata,

da l’Angeli è stata sì elevata,

fin’a portalla ar Monno Celestiale.

***

E da quer giorno nun smette un momento

d’arigalacce Grazzie co l’Aiuto

de Chi a la Trinità è collegamento.

***

Assunta cor Suo Còre ch’è ‘na fiamma,

a cui ricore sempre ‘gni minuto,

co l’occhi che cià un fiò pe la sua Mamma.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. De certo Lei, Perfetta e Immacolata,
    senza peccato, manco origginale,
    senza sospetti dar regno der male,
    senza ‘na macchia che l’ha mai toccata …

    Comment di Stefano — 15 Agosto 2019 @ 06:53
  2. Una vera e bellissima Poesia. E’ come una preghiera! Grazie e Buon Ferragosto a te e ai tuoi cari!

    Comment di letizia — 15 Agosto 2019 @ 13:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>