Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

8 Ottobre 2019

Stavorta nun me passa

Stavorta nun me passa

***

Stavorta nun me passa, me dispiace,

‘sto senzo de disgusto che ciò addosso,

e me scurisce er còre giallorosso,

che nun ce riesce mica a dasse pace.

***

Succede da ‘na vita e a più nun posso,

mica me svejo adesso, chi lo tace,

ma er fatto de domenica un “qui giace”,

l’ha messo, senza manco scavà er fosso.

***

So’ stufo d’annà appresso a ‘sta menzogna,

de un carcio che, pe come ch’è aridotto,

cià solo connotati de vergogna.

***

Contro un marciume de chi cià corotto,

perzino anche er più fanciullesco sogno,

da oggi chiudo er conto e me ne fotto.

***

Stefano Agostino

***

  1. Stavorta nun me passa, me dispiace,
    ‘sto senzo de disgusto che ciò addosso,
    e me scurisce er còre giallorosso,
    che nun ce riesce mica a dasse pace. …

    Comment di Stefano — 8 Ottobre 2019 @ 05:31
  2. Per non seguire più la mia Roma devo tagliarmi un pezzo di cuore e questo è impossibile! Ma la AS Roma a chi da fastidio? oppure c’è qualcuno che la odia talmente da volerla distruggere!? Non ho nessuna spiegazione.
    Buona giornata.

    Comment di letizia — 8 Ottobre 2019 @ 09:59
  3. Una persona sana di mente e mediamente acculturata ha tutti i mezzi per non vivere scollegata dalla realtà. Pur essendo tutti legittimamente affezionati a dolci ricordi da bambino, se non mettiamo deliberatamente la testa sotto la sabbia non possiamo non vedere che il calcio non è più sport ma solo business. Ma non semplice business, è un business sporco, degradato, corrotto, inquinato da logiche politico-mafiose per i troppi interessi economici in ballo.
    Lo vado sostenendo da tempo: è da squilibrati, da folli, fare della fede calcistica una ragione di vita, scaldarsi, incazzarsi, spendere apprensione e denaro dietro a un teatrino in cerca di utenti/consumatori. E’ un sistema astuto che fa leva sull’orgoglio dei propri colori, bandiere, ideologie, identità culturali e geografiche. E’ un’industria che cavalca valori e simboli nei quali la gente “vuole” credere!
    Per carità, poi siamo tutti liberi di auto-ingannarci dentro una giostra colorata e luccicante, di crogiolarci con ciò che ci fa più piacere credere senza minimamente chiederci se è una cosa finta o reale. Libero arbitrio.

    Comment di Silvio — 8 Ottobre 2019 @ 10:22
  4. Che ce posdso fa’ si sto co’ la mente d’accordo co’ Sirvio e e cor còre d’accordo co’ Letizia. So’ du’ contrasti ‘nsanabili; poi se ce sta ‘na partita d’a Roma, è più forte e, davanti ar TV, l’incacchiature se sprecheno. Er giorno dopo arifletti e te “dici: ma che me sto a ‘ncacchioa fa’, nun vedo più er carcio”; mentre stai controlla’ qual’è ar prossimo aversario, e a che ora e giono se gioca.

    Comment di 'svardo — 8 Ottobre 2019 @ 10:52
  5. Silvio, tu hai ragione da vendere e so che quello che scrivi è vero, ma io sono innamorata della mia Roma e quando guardo la partita ho il cuore che balla e non posso farci niente, mi piacerebbe infischiarmene, ma non posso!
    Buonasera.

    Comment di letizia — 8 Ottobre 2019 @ 19:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>