Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Dicembre 2019

Immacolata Concezzione

Immacolata Concezzione 

***

Me immaggino quer giorno Bernadette,

chissà ner còre suo quanta emozzione,

co Lei, l’Immacolata Concezzione,

che sussurrava cose benedette.

**+

La piccola, che stava in confusione,

‘ste cose mai l’aveva scritte o lette,

nun le capiva quinni, ma l’ha dette,

memorizzate, senza cognizzione.

***

Er vescovo che ascortò la storia,

de Bernadette davanti a la Signora,

 Immacolata … da mannà a memoria …

***

… capì che la bambina vide allora,

propio Maria … la Madre de la Gloria,

che vorze in Lourdes stabbilì dimora. 

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Me immaggino quer giorno Bernadette,
    chissà ner còre suo quanta emozzione,
    co Lei, l’Immacolata Concezzione,
    che sussurrava cose benedette. …

    Comment by Stefano — 8 Dicembre 2019 @ 07:47
  2. Buona Festa dell’Immacolata a tutti!

    Comment by letizia — 8 Dicembre 2019 @ 11:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>