Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

17 Marzo 2020

Ciao Massimo

Ciao Massimo

***

Mai ‘na parola detta fòri posto,

un romanista, ma de quelli veri,

senza bisogno de strillà penzieri,

de fà “clienti” a qualunque costo.

***

Pe te la Roma, Massimo Ruggeri,

era da amà a prescinne e, sempre tosto,

tu te la difennevi da avamposto,

co l’occhi dorci tipici e sinceri.

***

De te ce resterà ‘sto ber ricordo,

de chi davero cià quer còre grosso,

co li colori de dentr’ar Raccordo.

***

E si ce penzo adesso io nun posso

più immagginalla Lei, senza er tuo accordo,

sto a dì de “La Signora in giallorosso”.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Mai ‘na parola detta fòri posto,
    un romanista, ma de quelli veri,
    senza bisogno de strillà penzieri,
    de fà “clienti” a qualunque costo. …

    Comment di Stefano — 17 Marzo 2020 @ 06:03
  2. Gran Signore di una bella trasmissione in GialloRosso.Vero cuore romanista. In tanti ricorderemo il tuo vòlto tranquilamente sardonico. Riposa in Pace!Q Condoglianze ai tuoi congiunti e amici!

    Comment di 'svardo — 17 Marzo 2020 @ 08:19
  3. Sono rimasta molto male a leggere della morte del “signore” in giallorosso. Seguivo sempre quella trasmissione e pensare che non c’è più lui mi fa molto dispiacere. E’ Un’altra stella che brilla nel cielo. Ciao Massimo R.i.P.

    Comment di letizia — 17 Marzo 2020 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>