Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Aprile 2020

Resta tutto chiuso

Resta tutto chiuso

***

Qui nun ce semo, oppure famo finta,

si ciànno detto de stà a casa ancora,

vor dì che nun se pò sortì de fòra,

se rischia ancora de dajela vinta …

***

… ar virus, che nun vede certo l’ora

de fà contaggi, e ce mette la quinta,

co ‘na velocità e co ‘na grinta,

ancora da studià e che se ignora.

***

Perciò sò da evità l’uscite adesso,

pe nun vanificà er lavoro fatto

da giorni in quarantena, tutti appresso.

***

A parte quarche idiota più che matto,

sò già tutti d’accordo a co permesso,

fin’a Pasquetta, resta tutto intatto.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

  1. Qui nun ce semo, oppure famo finta,
    si ciànno detto de stà a casa ancora,
    vor dì che nun se pò sortì de fòra,
    se rischia ancora de dajela vinta …

    Comment di Stefano — 2 Aprile 2020 @ 03:01
  2. Fintanto che tutto non finisce è molto meglio non uscire! E ringraziamo il Signore che finora stiamo bene! Continuiamo così.
    Buona giornata.

    Comment di letizia — 2 Aprile 2020 @ 12:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>