Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Aprile 2010

La sedia der dentista

Tags: , , ,


sediadeldentista

La sedia der dentista

***

Lo eviteresti in tutti li modi,

ma tanto, prima o dopo, poi te tocca,

sedette lì davanti e apri’ la bocca,

a cui vòresti fa’ settanta nodi.

***

C’è come ‘n quarche cosa che te blocca,

te fa sembra’ er Pinocchio de Collodi,

quella “balena” vòi che presto schiodi,

ma l’ora c’hai finito mai rintocca.

***

Ar posto de st’avorio de sti denti,

nun se poteva trova’ ‘na maniera,

pe nun soffri’ e facce più contenti?

***

“Signore mio, ascorta sta preghiera,

qui ‘gni quarvorta magni te ne penti,

ma facce nasce già co’ la dentiera…”

***

Stefano Agostino

______________________________


  1. C’hai proprio ragione Stè, che brutti momenti mi ricorda quella poltrona………..

    Comment by Silvio — 20 Aprile 2010 @ 10:45
  2. …verissimo io ne sono terrorizzata, prego solo che finisca presto.

    Comment by Federica_perla — 20 Aprile 2010 @ 10:54
  3. Anche a me da’ un’elevata ansia andare dal dentista… per fortuna che il mio e’ tifoso della Roma.

    Comment by Principessa — 20 Aprile 2010 @ 11:01
  4. tanti tanti tanti anni fa’ andavo da un dentista(accompagnatore della roma) frequentato anche dai giocatori della ROMA…ho incontrato Tancredi, Oddi, Nela, Giannini, Pruzzo, Eriksson e il dott Alicicco…loro erano a bocca aperta dal dentista e io rimanevo a bocca aperta per la gioia…

    Comment by Federica_Perla — 20 Aprile 2010 @ 11:43
  5. Good, Very Good Stefano! C’e’ chi ccia’ il pane e non cia’ li denti e… chi rosica e so per…denti (ogni riverimento VERSO qualcuno e’ puramente voluto!) CIAO!

    Comment by luis60 — 20 Aprile 2010 @ 14:45
  6. Non posso che condividere. Soffro coi denti sin da piccolo e soffro i dentisti…..soffro tutto dello studio dentistico….tranne le assistenti.

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 20 Aprile 2010 @ 19:05
  7. cade a penello essendo che io ‘infazia l’ho buttata cosi ho fatto coi denti me nè sò rimasti 5 mie,ora no vengo più a cena mi vergogno,però dicevo avendo una paura matta del dentista nun l’ho mai curati poi l’ho tolti tutti insieme sotto i ferri per cui NO ME Nè PARLà PLEASE.
    AH
    SEMPRE FORZA ROMA

    Comment by pedro — 20 Aprile 2010 @ 23:45
  8. Coraggio che pe tanti li denti so’ come le corna: fanno male quanno spunteno, poi ce se magna sopre.

    Comment by 'svardo — 20 Aprile 2010 @ 23:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>