Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

31 Gennaio 2022

Mortaccilorio

Mortaccilorio

***

Pure stavorta è ita cor proggetto

de ‘mbambolà er popolo italiano,

che poi de certo nun è mica strano,

nemmanco er primo caso co ‘st’effetto.

***

Ma qui se sò impegnati e nun invano,

pe fà vedé che ciànno gran rispetto

de istituzzioni e popolo cadetto,

tra schede bianche e un passà le mano.

***

Così che quattro dì de votazzioni,

je sò serviti pe ‘sta caramella,

facenno crede cambi e innovazzioni.

***

Arto profilo e ‘na donna in sella?

Abbasta nun s’arivi a l’elezzioni.

Lo scranno è sarvo: “Sergio Mattarella”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Pure stavorta è ita cor proggetto
    de ‘mbambolà er popolo italiano,
    che poi de certo nun è mica strano,
    nemmanco er primo caso co ‘st’effetto. …

    Comment by Stefano — 31 Gennaio 2022 @ 07:30
  2. A questi fetenti importa solo conservare la poltrona, alla quale sono attaccati con la colla cervione! LADRI e BUFFONI! Noi, purtroppo, siamo
    diventati un gregge di pecore, in altri tempi ci sarebbe stata una rivoluzione (forse).
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 31 Gennaio 2022 @ 14:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>