Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Febbraio 2019

Madrelingua

madrelingua

Madrelingua

***

Ner scrive in romanesco c’è er purista,

che usa puro, doppo, inzino, drento,

io no, perché nun sò de l’ottocento

e nun me va de stà a seguì ‘sta pista.

***

‘Gni lingua ch’è parlata e ‘gni suo accento,

der resto, senza uscì da la sua lista,

nun resta quella, già sentita e vista,

ma cambia cor passà de ‘gni momento.

******

Nun dico de violà la tradizzione,

de mostri sacri dar Trilussa ar Belli,

ma da conziderà l’evoluzzione.

***

Li tempi sò cambiati ormai da quelli

e pure er romanesco e la dizzione

se sò evoluti e tocca arivedelli.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Nun fa’ ‘na grinza! 😀

    Comment di principessa — 3 Febbraio 2012 @ 09:07
  2. Ciao Ste’ e bongiorno “puro” si piove a catinelle. Nun ce posso fa gniente, “puro doppo” ‘sta requisitoria der sonetto (bono come concetto d’aggiornamento) me vie’ spontaneo de scrive a ‘sta magniera. Sarà perché ho letto troppo Belli?!
    Cmq, senza polemizza’, me piace commenta’, così come la sento, cor penziero mio esteso e no a monosillabi, guasi pe’ fatte ‘n favore.

    Comment di 'svardo — 3 Febbraio 2012 @ 09:21
  3. Anche il romanesco s’è tarmente evoluto che puro er Belli nun è raro che necessita de interprete! Nun so se l’idioma c’abbia guadambiato o meno, ma so ch’er processo è irreversibile… L’importante è che er romanesco continui a esiste’! Per cui onore e gloria a quelli come te che lo perpetuano….

    Comment di Sololupo — 3 Febbraio 2012 @ 10:15
  4. Bello! Verità assoluta: che i tempi e anche che il linguaggio cambino è vero, oggi si infarcisce il discorso con parole in inglese, francese e anche cinese! Globalizzazione! Meno male che tu, Stefano scrivi in romano, la lingua più bella del mondo. GRAZIE!

    Comment di letizia — 3 Febbraio 2012 @ 12:15
  5. … bella Stefano … io, sull’argomento del sonetto, sono conservatore e progressista allo stesso tempo …

    Comment di Elio Malloni — 3 Febbraio 2012 @ 13:45
  6. Ner scrive in romanesco c’è er purista,
    che usa puro, doppo, inzino, drento,
    io no, perché nun sò de l’ottocento
    e nun me va de stà a seguì ‘sta pista. … (continua)

    Comment di Stefano — 7 Settembre 2017 @ 05:35
  7. Sono d’accordo su tutto: c’è un’evoluzione in tutte le cose!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 7 Settembre 2017 @ 11:40
  8. Sottoscrivo! Pienamente d’accordo. Anzi, puro drento, inzino… 😉

    Comment di Pabo BigHorn — 8 Settembre 2017 @ 23:54
  9. Ritengo che si possa essere dei puristi del romanesco e al contempo al passo con l’evoluzione linguistica.

    Comment di Silvio — 8 Febbraio 2019 @ 08:20
  10. Stefano, il tuo romanesco è bellissimo, perchè lo vuoi cambiare?!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 8 Febbraio 2019 @ 11:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>