Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romanesche’ Category

Poesie romanesche

27 Dicembre 2014

Trilussa – Natale de guera

Natale de guera

***

Ammalapena che s’è fatto giorno,

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno:

“Che freddo, mamma mia. Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia. Chi m’ariscalla?”

– “Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pe compralla” –

“E l’asinello mio ‘ndov’è finito?” –

“Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito” –

“Er bove?” – “Puro quello

fu mannato ar macello”.

“Ma li Re Maggi ariveno?” – “È impossibile

perché nun c’è la stella che li guida,

la stella nun vò uscì, poco se fida,

pe paura de quarche diriggibile”.

Er Bambinello ha chiesto: “Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta”.

– “Fijo, li campagnoli stanno in guera,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pe vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente

pe ammazzà la gente.

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti?, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?” – 

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar còre

e s’è asciugata l’occhi co le fasce.

Una lagrima amara pe chi nasce,

una lagrima dorce pe chi mòre.

***

Trilussa

____________________________

***

Poesie romanesche

8 Novembre 2014

Trilussa – Romanità

Romanità

***

Un giorno, ‘na signora forastiera,

passanno cor marito,

sotto l’Arco de Tito,

vidde ‘na gatta nera

spaparacchiata fra l’antichità.

***

“Micia, che fai?”, je chiese e je buttò

un pezzettino de biscotto ingrese,

ma la gatta, scocciata, nu’ lo prese

e manco l’odorò.

Anzi la guardò male

e disse co un’aria strafottente:

“Grazzie, madama, nun me serve gnente:

io nun magno che trippa nazzionale!”

***

Trilussa

_________________________

***

Poesie romanesche

14 Giugno 2014

Trilussa – La gente

La gente

***

Volle restà co me, perché la zia

j’aveva dato un’ombrellata in testa.

“Vedrai che sarò bona, sarò onesta.

Carlo – me disse – nun me mannà via.

Sinnò, lo sento, faccio ‘na pazzia”.

Io, che leggevo, j’arisposi: “Resta”.

***

Tutta la gente disse: “Ma ch’ha fatto?

S’è presa a casa quela scivolosa.

Povero Carlo. E’ diventato matto.

***

Naturarmente me ne innammorai:

l’amore è un’abbitudine, ma un giorno,

pe via d’un fregno che je stava attorno,

me disse: “Carlo, me ne vado, sai?

Vado a Milano e fórze nun ritorno”.

Io che scrivevo, j’arisposi: “Vai”.

***

Tutta la gente disse: “L’ha piantato.

Se vede che c’è sotto quarche cosa.

Era tanto carina. Che peccato”.

***

Un mese fa rivenne. Nun ve dico.

Quanno me vidde me baciò le mani

come p’aricordà l’amore antico.

Eppoi me disse: “Partirò domani,

però, si m’arivòi, pianto l’amico.

Io, che fumavo, barbottai: “Rimani”.

***

La gente subbito disse: “Hai sentito?

Se l’e ripresa e fórze se la sposa.

Povero Carlo. S’è rincojonito”.

***

Trilussa

_____________________________

Poesie romanesche

26 Gennaio 2013

Trilussa – La riconoscenza de li posteri

La riconoscenza de li posteri

***

Una vorta, per un caso / drento a l’orto d’un amico,

fu trovato un busto antico / d’un pupazzo senza naso,

co li boccoli de marmo / e una barba lunga un parmo.

***

Da le rughe der penziero / che j’increspeno la fronte,

ce se vedeno l’impronte / d’un filosofo davero;

ma chi diavolo sarà? / Ch’avrà fatto? Chi lo sa?

***

Sur davanti, veramente, / c’è er cognome scritto sotto:

ma, siccome è mezzo rotto, / se distingue poco o gnente

 e se legge tutt’ar più / ch’era Stefano der Q…

***

Come mai fu sotterato / fra li cavoli de l’orto?

Quann’è nato? Quann’è morto? / Ch’ha scoperto? Ch’ha inventato?

Li spaghetti o la cambiale? Fece bene o fece male?

***

Fu chiamato un antiquario: / “Questo” – disse – “è un mezzo busto,

fatto male, senza gusto / e d’un genere ordinario,

vale poco, sia che sia / è una vera porcheria!”

***

E fu messo in un cantone / come fosse un muricciolo,

deve spesso c’è un cagnolo / che pe fà quela funzione

forma un arco con la cianca / su la bella barba bianca.

***

Trilussa

________________

Poesie romanesche

31 Dicembre 2012

Er novo anno porti …

Er novo anno porti …

 

Er novo anno porti guariggione

a chi sta in malatia o a l’ospedale.

Trovi un lavoro e un’occupazzione

chi nun travaja e se la passa male.

 ***

Er novo anno porti più saggezza

in chi governa er popolo italiano,

co ‘na politica che sia a l’artezza

p’er bene der Paese ch’è sovrano.

 ***

Er novo anno porti pace ar monno

in de li posti ‘ndò ce sta ‘na guera,

e che se badi tutti come ponno,

a tené viva e veggeta ‘sta Tera.

 ***

Er novo anno porti quarche cosa

che si nun è esaudì un quarche sogno

ce serva a tutti a toje er “BI” a chiosa,

a ciò de cui ciavemo più “BI”sogno.

 ***

Er novo anno porti a te lettore

la gioia che rigali a me che scrivo,

‘gni vorta che me leggi e io, de core,

Te dico grazzie ora e finché vivo!

***

Auguri a tutti. Stefano Agostino.

***