Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

9 Giugno 2021

La pizza

La pizza

***

Servita ar piatto, mejo cotta a legna,

ma pure ar forno elettrico che sia,

presa d’asporto da la pizzeria,

lei de l’Italia a tavola è l’inzegna.

***

E nun ce vò chissà che archimia,

nemmanco un bravo coco che l’ingegna,

ma l’ojo bono, ’na farina degna,

p’er resto abbasta un po’ de fantasia.

***

Focaccia, margherita, co sarciccia,

fiori de zucca, bufala e pachino,

quattro staggioni, si più te scapriccia.

***

Quanno la gusti, nun fà er damerino,

e lassa ’gni posata ché te ’mpiccia,

usa le mano da capitolino.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Giugno 2021

L’automobbilista

L’automobbilista

***

Nun passa manco er tempo der rodaggio,

che già ce n’hai un’artra ch’è più bella,

te cambi l’auto come ’na modella,

se cambia in passerella a ’gni passaggio.

***

Ciài sempre quela scusa, cojonella,

che te la fà comprà ch’è un ber vantaggio:

quest’è pe la città, quella è p’er viaggio,

che poi te fermi a Santa Marinella.

***

Abbasta ch’esce un modello novo,

che stai già dentro dar concessionario,

pe te, ormai, un punto de ritrovo.

***

E fai cent’ore de straordinario,

pe poi pagà chi è pieno come un ovo:

er garaggista tuo, ch’è mijonario.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Giugno 2021

Er gatto e er cane

Er gatto e er cane

***

C’è chi je piace er cane e chi er gatto:

seconno me dipenne da un fattore,

nun c’entreno le razze, né er colore,

né er pelo o questione più de tatto.

***

Motivo der divario de ’st’amore,

pe me risiede tutto indentr’ar fatto,

de l’èsse l’uno propio cor suo tratto,

l’opposto paro e sorte qui er favore.

***

Er cane è più devoto e più fedele,

se fa scannà pur de servì er padrone,

anche si quello je dà solo fiele.

***

Er gatto è carmo, timido, sornione,

ma si nun c’è né zucchero, né miele,

le fusa nun le fa, mica è cojone!

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

4 Giugno 2021

Tutti ar mare

Tutti ar mare

***

Er fine settimana a giugno è rito,

de mettese sparmati tutt’in spiaggia,

pe fà la cosa ancor più mejo gaggia,

ciài da passà pe un traffico ’nfinito.

***

Dopo tre ore in fila se smiraggia,

er tuo stabbilimento preferito,

’ndό te ce sei ner tempo ’mpoverito,

a forza de bijetti da bambaggia.

***

Arivi e pe piazzà telo e lettino,

già solo pe ciuccià un’ombra de sole,

te devi straformà in Mago Merlino.

***

Quanno che ce l’hai fatta, si Dio vole,

a stà sdraiato, scommodo, supino,

penzi ch’er mare è bello … a parole.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Rioni e quartieri

Rioni e quartieri

***

Parioli, Pincio, Monti e Tuscolano,

Flaminio, Cassio, Appio, Esquilino,

Marconi, Garbatella, Aventino,

Prati, Trionfale, Eur e Nomentano.

***

Don Bosco, Monte Sacro, Casilino,

Testaccio, Aurelio, Marzio e Labbicano,

Preneste, Ostienze, Lido, Africano,

Trieste, Celio, Claudio e Alessandrino.

***

Trastevere, Quadraro, Portuenze,

Salario, Centocelle, De Vittoria,

Talenti, Coppedè, Gianicolenze.

***

Ma senza venti secoli de gloria,

’ste rime rimerebbero melenze,

ché Roma intera è tutta un’artra storia.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

3 Giugno 2021

Er cocommeraro

Er cocommeraro

***

Quann’è callo d’estate e se fa sera,

si cerchi un posto fresco pe riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro,

fàtte ’na fetta ch’è ’na bombognera.

***

Nun riesce mejo manc’ar gelataro,

succosa, dorce, morbida, leggera,

è come un sogno quanno che s’avvera,

e costa poco pure pe l’avaro.

***

’Na tinta rosa-rosso, tutta porpa,

come du’ labbra co li brillantini,

d’assaporà de baci senza corpa.

***

Ar criticone e a palati fini,

je potrai dì, puranche pe discorpa,

che fai la collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

1 Giugno 2021

Via der Corzo

Via der Corzo

***

Un friccico de luci, inzegne e vita,

senza un momento mai che je viè sonno,

e tira dritta, lunga, fin’in fonno,

da quanno che la ’mbocchi a l’uscita.

***

Piazza der Popolo è a l’artro monno,

si ce vai a passeggio come in gita,

dar Vittoriano pare sia ’nfinita,

poi sei a Largo Chiggi in un seconno.

***

E vedi ’no spaccato che dispenza

negozzi, banche, bar, vetrine e uffici,

turisti de ’gni spece de cadenza.

***

In mezz’a l’oro de l’incantatrici,

ch’ortraggia la più minima decenza,

un omo in stracci fà magnà li mici.

***

Stefano Agostino

______________________

***