Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Febbraio 2021

Er teledipennente

Er teledipennente

***

Seduto apportronato sur divano,

come li Re che sudditi nun ciànno,

ma cor potere in quer telecomanno,

che ’mpugni forte e stretto ne le mano.

***

Schiacci li tasti e sbraiti de rimanno,

si te se ’nceppa er dito p’annà piano,

ché vòi vedé ’gni cosa e, da surtano,

tra li canali zompi sartellanno.

***

Questo nun fa pe te, nun t’appassiona,

l’artro nun pare male, ma t’annoia,

cambi programma e l’occhio t’abbandona.

***

Così t’addormi co ’sta paranoia,

senza avé visto gnente e in portrona,

sogni tutta la serie: “Mai ’na gioia”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Febbraio 2021

Er Carnevale

Er Carnevale

***

È er tempo che ’gni scherzo fatto vale,

semel in anno licet insanire”,

te pòi bardà perzino co du’ lire,

fregannotene de chi penza male.

***

Così che ’no straccione se fa sire,

o l’omo donna, anche si in finale,

pe certi nun s’aspetta er Carnevale,

pe travestisse, ma co artre mire.

***

Coriannoli qua e là, stelle filanti,

le frappe a campeggià tra castagnole,

in mezz’a strisce “spray” de coloranti.

***

Me chiedo, ma pe spenne du’ parole:

ar tempo de la fine de ’sti canti,

’ste maschere vivranno anche da sole?

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

12 Febbraio 2021

La Luna

La Luna

***

De vorte nun ce n’è nemmanco una,

che arzo l’occhi ar celo a tarda sera,

senza inchinamme a te, la condottiera,

der firmamento intero che s’abbruna.

***

Radiosa e tonna pari ’na specchiera,

quanno sei piena e er cosmo in te s’aduna,

ispiri amori e sogni de fortuna,

si cresci o cali, fin’a fatte nera.

***

Er Sole te corteggia e tu arossisci,

fai ammattì quer pòro innammorato,

quanno che sorge lui, prenni e sparisci.

***

Ariverà un ber giorno, in der Creato,

che poi te scioji e dorce te l’allisci,

tenennotelo stretto abbraccicato.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Febbraio 2021

Battaja quotidiana

Battaja quotidiana

***

Pià er bus a Roma è fà ’na guera,

ortr’a le attese bibbliche d’aspetto,

sali sur mezzo e te ce vò l’ermetto,

de li “marines” che sbarcheno in frontiera.

***

Sarò esaggerato, sì, l’ammetto,

ma appena che s’è chiusa la portiera,

tra spinte, carci e botte c’è ’na fiera,

solo pe fasse “obbriterà” er bijetto.

***

E nun se sa l’ossiggeno ’ndó regni,

ar punto che quann’esci paonazzo,

ar posto de le gambe ciài du’ legni.

***

Ma è normale che ce sia ’st’annazzo:

Sorreggersi agli appositi sostegni”,

in fonno è un modo d’attaccasse ar cazzo!

***

Stefano Agostino

____________________________

°°°

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Febbraio 2021

Li cinque senzi

Li cinque senzi

***

Un giorno sora Bocca disse ar Tatto:

“So’ mejo io ch’assaggio li sapori,

de te ch’avverti solo li dolori,

nun te se pò toccà ché fai ’no scatto!”

***

Naso fiutò, seguggio, ’sti sentori

e, annusati, poi sortì de un tratto:

“Er primo resto io che do l’orfatto,

senza de me, nun serveno l’odori.”

***

Un rombo forte, s’arintese Orecchio:

“Che conta straparlà, si poi sei sordo?

Ascorteme e bonanotte ar secchio!”

***

L’Occhio li furminò, sguardo balordo:

“È grazzie a me, si vedi ch’è ’no specchio”

e vinze lui …trovò tutti d’accordo.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

5 Febbraio 2021

La colazzione

La colazzione

***

Pòi dimme tutt’er cacchio che te pare,

nun ciarinuncio mica a ’sta delizzia:

nun ciò giornata mai che nun inizzia,

senza ’na bella colazzione ar bare.

***

Sarò signore (embè?), si è un’ingiustizzia,

allora finirò dietr’a le sbare,

ma pure ar gabbio tra sorci e zanzare,

nun me se torga ’st’unica letizzia.

***

E pe conclude a senzo ’sto sonetto,

qui ciò d’ariccontà com’ha da èsse,

’sto rito matutino benedetto.

******

È er matrimonio, e mica pe interesse,

tra Tazzadecappuccio e sor Cornetto,

che ne l’inzuppo è come si godesse.

***

Stefano Agostino

________________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

4 Febbraio 2021

La Carbonara

La Carbonara

***

È er sommo amplesso tra guanciale e ova,

co pepe e cacio sposi grattuggiati,

è er “nunpiusurtra” pe lingue e palati,

da ’ngolosì co un’emozzione nova.

***

E ce lo sanno scapoli e ammojati,

che mejo piatto ar monno nun se trova

e che magnà la “carbonara” giova,

a bocca, gola e stommico sazziati.

***

Pòi sceje er tonnarello o li spaghetti,

nun so da disdegnà li rigatoni,

basta ch’abbonni, quanno che li metti.

***

Nun fà che la cottura s’appapponi,

ché de la pasta scotta, a denti stretti,

è mejo un carcio in mezz’a li cojoni!

***

Stefano Agostino

________________________

***