Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

1 Settembre 2021

Primo settembre

Primo settembre

***

Primo settembre: ariparte tutto,

come l’incomincio de la scòla,

strilla la sveja e basta ’sta parola,

pe dà un’idea de come e quant’è brutto.

***

E nun la so fermà, la mente vola,

pe tojeme la sete cor preciutto,

a la vacanza, com’è ita e er lutto

d’aritornà ar presente che sconzola.

***

Le prossime vacanze sò miraggi,

ché prenne ferie adesso è un’utopia,

come fà go’ così, senza passaggi.

***

Mó basta co ’st’amara nostargia,

de posti, situazzioni e paesaggi,

qui ce sò solo carte e scrivania.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

31 Agosto 2021

L’ottavo colle

L’ottavo colle

***

In cima sur piazzale Garibardi,

da ’ndove tutta Roma se riassume,

pòi buttà l’occhio ovunque ortr’er fiume,

da quanno arbeggia fino a sera tardi.

***

E si ce vai de notte, se presume,

ch’è pe scambià parole dorci e sguardi,

co baci e tenerezze da mijardi

de stelle strapuntate a fà da lume.

***

Da sotto ar Faro puntuale er rito,

der gran cannone, a mezzoggiorno esatto,

avverte tutti ch’er pranzo è servito.

***

C’è poi er Fontanone ch’è da scatto,

l’affaccio der terazzo a l’infinito:

“Gianicolo” se chiama ’sto ritratto.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Agosto 2021

S.P.Q.R.

S.P.Q.R.

***

’Sta sigla che finisce co la “ere”,

e co una R sola, chiaramente,

dà l’inizziali a la Romana Gente,

eco d’antichi fasti, storia e guere.

***

“Senatus” sì, ma mica l’accidente

de quello d’oggi, servo der potere,

ma er “Populus”, de carci ner sedere,

n’ha presi allora, come ner presente.

***

L’acronimo che incute gran rispetto,

ar centro de ’no scudo rosso e oro,

quanno lo guardo m’arigonfia er petto.

***

E pure che dà freggio o fa decoro,

a un nasone, un cesso o un cassonetto,

co S.P.Q.R. me ’nnamoro!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

21 Agosto 2021

Saggezza arcolica

Saggezza arcolica

***

Diceva: “Si va, va, sinnò ’sti cazzi!”

Quanta morale dentro a ’sta battuta,

filosofà de ’na vita vissuta,

sotto a li ponti e mai dentro a palazzi.

***

Da tutti era perzona conosciuta,

come ubbriacone matto co li sprazzi,

che arternava sbronze, strilli e scazzi,

co attimi de ’na saggezza arguta.

***

Ar punto che nun era manco raro,

vedello barcollà pure a distanza,

’na bira in mano e lui: “Me chiamo Arvaro”.

***

Poi cor bucale usava la creanza,

de faccese ’na doccia, pe dì chiaro:

“Nun pò godé sortanto che la panza!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

19 Agosto 2021

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

a Roma nun c’è artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

prima de fà l’odierno gran museo.

***

Veloce come ch’è girato er vento,

da ch’era nato un dì mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

***

Ha preso er nome propio de Castello,

pe l’Angelo che sfoderò la spada,

sarvanno Roma da peste e macello.

***

Perciò, quanno l’incontri e sei pe strada,

ricorda de tiratte giù er cappello

e dije “grazzie” che Roma ce bada!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Agosto 2021

‘Na sera a Garbatella

‘Na sera a Garbatella

***

Si vòi gustatte, senza ghirigori,

piatti romani e beve a garganella,

fatte un giretto pe la Garbatella,

ch’è come magnà in casa, stanno fòri.

***

È er mejo posto ’ndó ce se stornella,

chitare ch’arintoneno li cori,

e nun ce sò poracci, né signori,

ma solo gente alegra in comunella.

***

Trippa, pajata, abbacchio scottadito,

li sartimbocca, un piatto de facioli,

er tonnarello a cacio e pepe è rito.

**+

Senza tovaja e senza tovajoli,

sur tavolo ch’è pure un po’ sdrucito,

ma come magni già t’ariconzoli.

**+

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

17 Agosto 2021

Er piromane

Er piromane

***

Che pò succede indentro a ’na capoccia,

pe incendià e dà foco a ’na foresta?

Nun ce lo so, ma so che quela testa,

nun riesco a piagne mica si se scoccia.

***

Te credi, che ne so, de fà ’na festa?

La benza su li tronchi a mo’ de doccia,

sfregà un cerino che ciài in saccoccia,

pe poi sfruttà quer vento de tempesta.

***

Chissà si mosso da ’sto strano gusto,

te sentirai potente o pressappoco

e penzerai de stà pure ner giusto.

***

Magara prima o poi pe fà ’sto gioco,

quarcosa te va storto e ner trambusto,

co ’na fiammata addosso te dài foco!

***

Stefano Agostino

_____________________

***