Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Giugno 2022

Si nun ce sta guadambio

Si nun ce sta guadambio

***

“Si nun ce sta guadambio”, dice er detto,

ce pòi giurà, la rimissione è certa.

E nun ho fatto mica ’na scoperta,

de quelle che te dànno poi er brevetto.

***

Però io resto sempre a bocca aperta,

quanno me se presenta ’sto verdetto,

così che m’aritrovo poi costretto,

a stà più attento e ben deppiù in allerta.

***

Da chi ce prova e che se crede furbo,

offrenno luna e monno a costo zero,

ciài da scappà, mettenno pure er turbo.

***

Aggratise, pe èsse più sincero,

nun è nemmanco più levà er disturbo,

co quer che costa un buco ar cimitero.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

11 Giugno 2022

Er concerto de Vasco

Er concerto de Vasco

***

So’ gonfio e stracco ormai de ’gni emozzione,

in fonno a l’occhi l’eco der concerto,

quello de Vasco (e de chi d’artri? Certo!)

e de ’gni sòno e de ’gni sua canzone.

***

Rimane come un senzo de deserto,

quanno finisce come da copione,

co “Albachiara” e co l’ovazzione

de chi ha vissuto er tempo ito sverto.

***

Ma è un deserto ch’apre a li ricordi

de musica, colori e de parole

che dentro sovrappongheno li bordi.

***

L’immaggine de te, in testa er basco,

le tue canzoni parteno da sole,

pe ’sto regalo dico GRAZZIE VASCO !!!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Giugno 2022

Ner traffico de Roma

Ner traffico de Roma

***

Ner traffico de Roma nun c’è coda,

nun c’è colonna, né imbottijamento,

né congestione, né rallentamento,

ma un unico serpente che se snoda.

***

Qui nun ciài tempo p’er ripenzamento,

né pe sperà che quarchiduno schioda,

o p’aspettà che passi mai ’sta moda,

così conviè lassà er motore spento.

***

Pòi légge un libbro o un’enciclopedia,

intavolà discorzi, si te sfizzia,

co tutti l’artri autisti de la via.

***

La circostanza pò èsse propizzia,

hai visto mai, pe fasse compagnia,

e fà sboccià un amore o un’amicizzia.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

8 Giugno 2022

Oceani

Oceani

***

Qui pe rimallo ce vorebbe un cantico,

’na goccia d’acqua in modo immagginifico,

diventa, a forza de un fiumà magnifico,

da quer suo stato ch’è più o meno quantico …

***

… a ingigantì ar passaggio più munifico,

nun solo pe l’appello suo semantico,

mare de qua, l’oceano Atlantico,

de là Indiano e ortre poi Pacifico.

***

Da goccia a un oceano pe meta,

ner ciclo inesauribbile da sfonno,

pe colorà de blù tutto er pianeta.

***

Dar tempo quanno Adamo fece un sonno

e Dio je diede Eva, che disseta

e fa da bagnasciuga a tutto er monno.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

7 Giugno 2022

La paura

La paura

***

Cià un sentore forte e penetrante,

che percepisci assai deppiù cor tatto,

e resti fermo, immobbile, contratto,

da piedi a busto e organo penzante.

***

Er primo istinto porta a fà ’no scatto,

pe tornà indietro, ch’è rassicurante,

ma pure che je riesci a stà distante,

lei prima o poi ritorna de soppiatto.

***

È murtiforme, varia pe natura,

er fonnamento resta ne l’ignoto,

su come ch’er destino se ’nfutura.

***

Pe questo tocca che te metti in moto,

così l’affronti in faccia la paura,

fermo ce pòi restà pe fà ’na foto.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

6 Giugno 2022

Tristi ricorenze

Tristi ricorenze

***

Ce sò li giorni che se fanno date,

che tojeremmo sì dar calennario,

e invece stanno a scrivece er diario,

che segna l’amarezze cadenzate.

***

Ché nun se ’mpara su l’abbecceddario,

de come ’ste tristezze sò pagate,

si in sàrdo, interamente oppure a rate,

co ’na gran voja de calà er sipario.

***

Ma ’nvece de guardacce sempre addietro,

quanno che viè ’na triste ricorenza,

sarebbe da usà ben artro metro …

****

… Fà quarche cosa che varga da benza,

pe fàcce tornà in pista e lavà er vetro,

zozzato da un “pit-stop” de sofferenza.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

4 Giugno 2022

Er fine settimana

Er fine settimana

***

Granne invenzione er fine settimana!

Er lunedì te pare più un miraggio,

er martedì, procura der disaggio,

mercoledì lo senti a la lontana.

***

Er giovedì, te ne vò dà un assaggio,

ma è solo er venerdì che te lo spiana,

pe richiamà l’arte leopardiana,

der sabbato famoso der villaggio.

***

Un attimo de più, e mó è domenica,

ch’er sabbato la notte se l’inghiotte,

come fusse pe ’na finzione scenica …

***

… nemmanco er tempo de capì ch’è notte,

ariva lunedì che già t’arsenica,

ma tanto tutto er monno se ne fotte.

***

Stefano Agostino

_______________________

***