Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Maggio 2021

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

***

“Io so’ la vite e voi li trarci tesi”,

così a li discepoli je disse,

“stampateve ’ste Mie parole fisse:

dovete da dà frutti e frutti resi.

***

Un trarcio che nun cià rese prefisse,

viè senza tanti giri sottintesi,

tajato via si, passeno li mesi,

e nun produce eppoi, famo a capisse, …

***

… si rimanete in Me portate frutto,

e ve se pota come a ’gni ramo,

perché rènna deppiù e quest’è tutto.

***

Si rimanete in Me, Io che ve amo,

nisuno fra de voi verà distrutto,

chiedete e ciavrete ar Mio richiamo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

1 Maggio 2021

Festa der lavoro

Festa der lavoro

***

È er primo maggio: festa der lavoro,

de chi tribbola e sgobba tutto l’anno,

de chi se suda er posto co l’affanno,

pe un po’ de pane e un sorzo de decoro.

***

Ma tanti ch’er lavoro nun ce l’hanno,

o sò pagati in nero o de straforo,

li penzionati, no a penzioni d’oro,

a festeggià, de certo, nun ce vanno.

***

A Roma è er giorno der granne concerto,

a San Giovanni o fava e pecorino,

pe chi se fa ’na gita a lo scoperto.

***

Volesse er Padrone der destino,

donà a tutti un lavoro certo,

come fa sorge er sole der matino.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Aprile 2021

La vera dignità

La vera dignità

***

In de ’no stato de democrazzia,

sarebbe da trovà modo e magnera,

de nun fà èsse solo ’na chimera,

la parità de tutti su ’sta via.

***

Ar giorno d’oggi conta la cariera:

te meriti saluto e cortesia,

solo si sei de l’arta-borghesia,

er resto è solo avanzo de galera.

***

La dignità però nun se misura,

dar grado conquistato ner lavoro,

da l’èsse fico, noto o de curtura.

***

Degno de stima e massimo decoro,

nun è er ricco, er furbo o chi fattura,

ma chi cià dentr’ar petto un còre d’oro.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Aprile 2021

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

***

“So’ bon pastore”, je disse er Signore,

“che dà la vita pe difenne er gregge,

che sempre se lo cura e lo soregge,

no com’er mercenario, ch’è a ore.

***

So’ bon pastore, quello che protegge,

ch’er pascolo conosce e dà Amore,

le pecore ricambieno er favore

seguennolo ner quanno dètta legge.

***

E pure si nun è de ‘sto recinto,

‘gni artra pecorella va seguita,

guidata perché ascorti co l’istinto.

***

Er Padre m’ha mannato a dà la vita,

che do e me riprenno, da Lui spinto,

a ‘sta “Missione” che j’è più gradita”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

22 Aprile 2021

22 aprile: giornata de la Tera

22 aprile: giornata de la Tera

***

’Sto dì p’er monno è er giorno de la Tera:

che gran vittoria pe l’ecologgia,

pulimo ’gni monnezza e zozzeria,

’sta sfera cià da èsse bombognera.

***

Peccato che ’sta bella fantasia,

dura sortanto da matina a sera,

ché da domani torna zella nera,

quer ch’arisprenne oggi in pulizzia.

***

Ma senza fà er guro o più l’asceta,

pe preservà la vita co l’ambiente,

c’è da capì, da l’A fin’a la Z …

***

… che nun è eredità da un parente,

ma va restituito ’sto Pianeta,

ch’è in prestito da la futura gente.

***

Stefano Agostino

_________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Aprile 2021

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ fantasma, ciò li connotati

de uno morto ch’è risorto poi.

***

Toccate mano e piedi traforati,

sò carne e ossa vive, no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, quinni ariprese,

“ciavevo da patì granne supplizzio,

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi risorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e no p’er suo Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

17 Aprile 2021

La notte

La notte

***

Mistero, buio, spazzio dato ar sogno,

la Tera che s’accuccia co le stelle,

un tiepido calore de fiammelle,

rimedio e stacco pe chi cià bisogno.

***

Piena de vita, friccico ribbelle,

come pe dije ar giorno: “Te sbologno,

pò èsse che domani me vergogno,

ma adesso me la godo su la pelle”.

***

Unisce l’ieri a l’oggi in un momento,

seconno de le storie de l’umani,

pò èsse schiocco maggico o tormento.

***

Ma prima che cor gallo s’allontani,

cojila tutta, finché er celo è spento:

la notte nun cià tempo pe domani.

***

Stefano Agostino

______________________

***