Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Luglio 2019

Amico co la A maiuscola

Amico co la A maiuscola

 ***

Si ne l’affetti io so’ esiggente,

Amico lo conzidero sortanto,

quello co “A” maiuscola, e de tanto,

no un’amicizzia che dà er conoscente …

***

… è pure vero, pari, artrettanto,

che quanno me sei Amico veramente,

co te stringo un legame che pe gnente

io so’ disposto a scioje, e me ne vanto.

***

Fra tutti l’artri affetti l’Amicizzia

quann’è a ‘sta magnera è assai er più forte,

e è bello fàlla cresce da che inizzia.

***

È er sentimento che cambia la sorte

da lagrima in soriso e che se sfizzia

de batte er Tempo e vince anche la morte.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Giugno 2019

Dar Vangelo der giorno: “seguì Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “seguì Gesù”

***

Pe annà a Gerusalemme era in cammino,

un tale lo fermò e je disse certo:

“Te seguirò pe ‘ndó annerai”, ma sverto

Gesù arispose a quello lì vicino …

***

… che Lui viveva sempre a cèlo aperto,

“Er Fìo de l’Omo, cui seguì er destino,

nun cià ‘ndó mette manco er capo chino”

l’artro nun repricò … ma nun fu scerto.

***

A un artro disse: “Seguime”, ma quello:

“Ciò prima qua da seppellì li morti”,

Gesù arispose: “Lassa stà ‘gni avello.

***

Ché chi Me cerca de seguì p’er Regno,

ma poi molla l’aratro e a passi corti,

se vorge indietro  … der Cèl nun è degno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Giugno 2019

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndò vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndò stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Giugno 2019

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta, e poi ar deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra er Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio e a Suo Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Giugno 2019

L’Eucaristia

L’Eucaristia

***

Quale artra religgione cià er suo Credo,

ner corpo e sangue, ossia ner pane e vino,

Corpo de Cristo, unione cor divino,

quale artra religgione? Io nun la vedo.

 ***

Mistero de la Fede, che un bambino

capisce ar volo, e ancora me lo chiedo

com’è che un omo adurto (e soprassiedo)

nun se sa più spiegà chi è l’Uno e Trino?

 ***

Ma ner Mistero de l’Eucaristia,

ner pane intinto ar vino ce sta Iddio,

che viè pe me e pe famme compagnia.

 ***

Fusse solo pe questo, ar dunque, io

do l’ostia da magnà a l’anima mia,

paresse poco, me nutro de Dio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Giugno 2019

Ciao Primavera

Ciao Primavera

***

Er 20 giugno Sora Primavera

chiude er negozzio, è er suo urtimo giorno,

saluta tutti e se leva de torno,

come le gran signore lo fa a sera.

***

E ner saluto preludio ar ritorno,

nun se fa mai mancà, da Donna vera,

de fasse ricordà un’annata intera,

co quer profumo suo e er verde attorno.

***

Ché lei ha portato er giorno a tirà tardi

e pe accorcià de contro le nottate,

come a volé pe lei tutti li sguardi.

***

Co oggi se ne va e le giornate

dovranno conzevaje ‘sti riguardi,

ner mentre viè e s’accomoda l’Estate.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Giugno 2019

La guera

la guera

La guera

***

Nun l’ho vissuta mai io, peffortuna,

solo su libbri o vista da ‘no schermo,

ma tremo come foja e nun me fermo,

sol’ ar penziero d’affrontanne arcuna.

***

Speranza de magnà pane raffermo,

e sopravvive a un chiaro de luna,

cor rischio che da mezzanotte a l’una,

ho perzo tutto ciò in cui me confermo.

***

Signore mio, nun fà scappà ‘sto monno,

incontro ar tetro mostro de la guera,

che lo farebbe quadro in un seconno.

***

Faje capì a li capi de la Tera,

aprennoje er cervello, anche ner sonno,

che razza de stronzata è ‘gni frontiera!

***

Stefano Agostino

________________________

***