Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Aprile 2019

Passione de Gesù Cristo: “Giuda”

Passione de Gesù Cristo: “Giuda”

***

“In verità, in verità ve dico”,

disse Gesù in quela notte nera,

ner mentre che magnaveno e che c’era

er traditore più famoso e antico …

***

“Uno de voi me tradirà stasera”,

– “So’ io?” – chiedeva a turno, poi, ‘gni amico,

“Quello che intigne er pane, è lui er nemico,

ma guai a lui pe sempre su ‘sta Tera”.

***

Quanno che l’Iscariota fece er gesto,

Gesù je disse co la faccia cruda:

“Va’ e quer che ciài da fa’, tu fàllo presto”.

***

E quello annò pe aritornà de pari,

a daje er bacio de l’infamia, Giuda

co in tasca a tintinnà “trenta denari”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Aprile 2019

Le Pàrme

Le Pàrme

***

Le Pàrme: ’na domenica de festa,

serenità che carma e mette pace,

da quanno ch’è matina e tutto tace,

fino a ch’è sera e quer sentore resta.

 ***

Sarà pe ’sto motivo che me piace,

seguì la processione, Cristo in testa,

le pàrme addietro come a fà le gesta,

de quel’OSANNA trasformato in brace.

 ***

Ma poi me batte in testa ’sto penziero,

che quer ch’è stato allora accade adesso,

quanno esartamo e poi sparamo a zero.

 ***

Succede ar giorno d’oggi e pure spesso

de osannà un quarch’omo e accenne un cero,

ma dopo un “amen”, scaricallo ar cesso.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Aprile 2019

La Grotta de la Rivelazzione

In occasione del 72esimo anniversario dell’Apparizione

*

La Grotta de la Rivelazzione

***

È er posto ’ndó aricupero me stesso,

quanno che ciò ’na preoccupazzione,

si ciò bisogno de concentrazzione,

o senza un quarche quanno o un quarche nesso.

 ***

A la “Grotta de la Rivelazzione”,

nun sò spiegà er perché, ma già a l’ingresso,

er monno fòri e quer che je va appresso,

sparisce co ’gni sua conformazzione.

 ***

E come je successe ar Cornacchiola,

m’abbasta guardà in fonno a quela Grotta,

pe spegne ’gni artro sguardo e ’gni parola …

 ***

… e famme uscì, ma co la voce rotta,

“bella Signora”, e già ’sta frase sola,

m’abbasta a azzittì er còre che borbotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Aprile 2019

Vive la vita

Vive la vita

***

Co te ciài da passà tutta la vita,

trattete bene, quinni, sei importante,

nun buttà via er tuo tempo e pìa er volante,

pe governalla, ché nun è infinita.

***

Da’ ascorto a ‘gni conzijo rilevante,

ma conta armeno sempre dieci dita,

prima de stà a seguillo si te svita

o senti che pe te nun è carzante.

***

Nun dico certo da èsse egoista,

tutt’artro, anzi, ma de stà in campana,

decidi te chi e cosa mette in lista.

***

E si ‘sta cosa t’arisurta strana,

me sa che invece der protagonista,

tu vòi fà la comparza, vero?  … TANA!!!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Aprile 2019

Legami da slegà

Legami da slegà

***

Slegà er legame è un po’ contraddittorio,

ma vojo qui spiegà ‘st’intennimenti,

ner campo de l’affetti e sentimenti,

in modo da trasmette a l’uditorio …

***

… le regole da mette, intranzigenti,

no quelle sorte da Montecitorio,

che sò più o meno fatte co l’avorio,

quann’er potere è carie pe li denti …

***

… ma solo quelle che ‘gni relazzione,

se fonni già su libbertà e fiducia,

mai su ‘na forma de coercizzione.

***

Si nun se vò che poi un rapporto sdrucia,

fiducia e libbertà sò la pozzione,

che slega ‘gni legame e nun l’abbrucia.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Aprile 2019

Dar Vangelo der giorno: “l’adurtera”

Dar Vangelo der giorno: “l’adurtera”

***

L’adurtera in fragranza fu portata

da scribbi e farisei innanzi ar Maestro,

je dissero: “Mosè, dar granne estro,

ce inzegnò che una così è marchiata.

 ***

Ché co li serci, come a fà canestro,

pubbricamente pe quel’infamata,

senza pietà ha da èsse lapidata,

mó dicce si dovemo armacce er destro”.

***

Gesù, dapprima nun j’arisponneva,

nun li guardava, manco un po’ de sguercio,

co un dito, chino a tera, Lui scriveva.

 ***

Ma a l’inzistenza de quer monno lercio:

“Chi è senza ‘gni peccato, faccia leva,

cor braccio” – disse – “e  mó je scaji un sercio!”

***

E a ‘ste parole nessuno poteva

tirà più er sasso e fà un mezzo bercio,

“Donna, nun te condanno” … je diceva.  

***

Stefano Agostino

_____________________

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Aprile 2019

Oceani

Oceani

***

Qui pe rimallo ce vorebbe un cantico

‘na goccia d’acqua in modo immagginifico

diventa, a forza de un fiumà magnifico,

da quer suo stato ch’è più o meno quantico …

ééé

… a ingigantì ar passaggio più munifico,

nun solo pe l’appello suo semantico,

mare de qua, oceano Atlantico,

de là Indiano e ortre poi Pacifico.

***

Da goccia d’acqua a oceano pe meta,

ner ciclo inesauribbile da sfonno,

pe colorà de blù tutto er pianeta.

***

Dar tempo quanno Adamo fece un sonno

e Dio je diede Eva, che disseta

je fa da bagnasciuga tutt’er monno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***