Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Gennaio 2019

Li giorni de la merla

Li giorni de la merla

***

Se dice de ’sti giorni che ’na merla,

in lotta contro er gelo de Gennaio,

volle aspettà l’inizzio de Febbraio,

niscosta indentro ar centro de ’na gerla.

*** 

Bojaccia, era un comignolo! Che guajo!

Quanno sortì fu peggio de ’na sberla:

da ch’era entrata tinta griggio-perla,

mó era de un neraccio carbonajo.

*** 

Gennaio fu così che s’è allungato

logranno ar mese dopo, a fàllo corto,

un par de giorni interi ch’ha arubbato.

*** 

Quest’è er racconto, fórze un po’ contorto,

pe dì che pe combatte contro er Fato,

si t’annasconni, guasi sempre hai torto!

**

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2019

Dar Vangelo der giorno: “lo Spirito der Signore è sopra de Me”

Dar Vangelo der giorno:

“lo Spirito der Signore è sopra de Me”

***

Un sabbato Lui entrò in sinagoga,

je venne dato un rotolo de Legge

era Isaia, che lì cominciò a lègge,

parola pe parola e senza foga, …

***

“Lo Spirito de Dio” … disse a quer gregge …

“è su de Me, ché Lui m’ha dato toga,

d’annuncià er Regno e toje chi soggioga

pe dà libberazzione che soregge”.

***

Riavvorze quer papiro benedetto,

co l’occhi su de Lui, tutti a guardallo,

e allora disse: “Quer ch’ho appena letto …

***

… er passo de Isaia, oggi è compiuto”,

e in quer momento, da quer piedistallo,

‘gni omo in assemblea se fece muto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Gennaio 2019

Ciao Julen

Ciao Julen

***

Accomunato da la stessa sorte,

de ‘na traggedia assurda, tu bambino,

come quer pòro pupo de Arfredino,

stessa malaugurata infame morte.

***

Ché come lui quer giorno a Vermicino,

finito in dentr’a un pozzo senza scorte,

nun ce l’hai fatta … e che giornate corte

oh piccolo Julen ner tuo destino.

***

Ce l’hai pure ner nome l’angioletto

che anche quaggiù, tra noi, sei sempre stato,

nun solo adesso che lo sei perfetto …

***

… ner Monno novo ‘ndó  tutto è incantato,

da ‘ndove chi cià l’occhi da pupetto,

nun pò cadé mai più e vive beato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Gennaio 2019

La Converzione de San Paolo

La Converzione de San Paolo

***

Lui se n’annava là, verzo Damasco,

quer giorno e a un tratto venne forgorato

’na luce accesa, forte, l’ha cecato

stava a cavallo e disse: “Aiuto, casco!”

***

Poi udì ’na voce d’uno un po’ arterato:

“Saulo, e basta un po’ de stà a ricasco

de chi m’ammazza er gregge e fa’ er fuggiasco,

cambiete er nome e fa’ ch’Io sia lodato!”

 ***

La voce der Signore Gesù Cristo:

“Si t’ho cecato ce sta ’na raggione:

ché fino a oggi tu nun ciài mai visto”.

***

Pe Paolo fu lì la Converzione:

discepolo poi apostolo, ha rivisto

Roma, cambiati er nome e la missione.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Gennaio 2019

San Francesco de Sales

San Francesco de Sales

***

24 gennaio è San Francesco,

de Sales, granne e grosso letterato,

Ginevra, la città d’episcopato,

franzosa provenienza d’aria e desco.

***

La sua Missione, che l’ha connotato,

fu ariccontà er Vangelo e ‘gni suo affresco,

co un linguaggio semprice e acchiappesco,

che arivasse anche ar nun battezzato.

***

E pe ‘sta dote e pe ‘sta Vocazzione

e pe li scritti sua d’Amore e misti,

ancora oggi è la benedizzione …

***

… de li scrittori e de li giornalisti,

perciò nun manchi mai ‘na citazzione,

nemmeno tra noantri … sonettisti.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Gennaio 2019

Er cane e er gatto

cane e gatto

Er cane e er gatto

***

Se ama deppiù er cane o deppiù er gatto?

Seconno me, dipenne da un fattore,

nun c’entreno le razze e né er colore,

sinnò tanto varebbe fasse un ratto.

***

Motivo de ‘sto diferente amore,

è tutto contenuto in de quer fatto,

de l’èsse l’uno propio cor suo tratto,

opposto a l’artro in de ‘gni suo settore.

***

Er cane è più devoto e più fedele,

se ‘mmola pur de fà gioì er padrone,

anche si questi je dà solo fiele.

***

Er gatto è carmo, cecio e giuggiolone,

ma si la situazzione nun cià er miele,

le fusa nun le fa, mica è un cojone!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Gennaio 2019

Dar Vangelo der giorno: “le nozze de Cana”

Dar Vangelo der giorno: “le nozze de Cana”

***

I

Festa de nozze a Cana, in Galilea.

C’era Maria e un ber gruppo de invitati,

Gesù, co li discepoli attirati,

 da quanno s’era sparza la nomea.

***

Però li tini s’ereno svotati,

così che mancò er vino a la platea,

Maria chiese a Gesù: “Quarcosa crea,

ché nun c’è vino e sò tutti aggitati”.

***

Gesù allora j’arispose: “Donna,

che c’è tra te e me?  Mica è quell’ora,

in cui è er momento Mio”, ma la Madonna …

***

… co granne fede, a li servitori,

disse senza sospetti: “Vabbè, allora

quer che ve chiede, fatelo, signori”.

***

II

Ce staveno sei anfore de pietra,

usate pe la purificazzione,

che li Giudei, pe rito e tradizzione,

faceveno ar sòno de la cetra.

***

“Riempitele de acqua e, a razzione”,

fece Gesù, che mai pe gnente aretra,

“portatele a toje l’aria tetra,

a chi è er maestro de ‘sta libbaggione”.

**

E questi n’assaggiò e restò de stucco:

“In tavola”, esclamò; ” c’è er vino bono,

da dà a l’inizzio e l’artro dopo … è er trucco”

***

Eppoi a lo sposo: “Invece tu, signore,

che sei de un artro rango e un artro tono,

ce dài a la fine er vino più mijore!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***