Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Gennaio 2022

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“Te devo battezzà? Me pare strano”.

***

Gesù je fece: “Vole sì er Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allor, più nun parlò invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprì er Celo e come ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Gennaio 2022

Epifania

Epifania

***

Epifania, la manisfestazzione,

pe un Dio che de noantri pìa natura,

inzieme a la divina, e che matura

man mano che je viè ‘sta percezzione …

***

… de èsse Cristo, Lui, de com’è dura,

ner mentre se fa Omo, la Missione,

a cui Dio Padre, pe Sua Vocazzione,

l’ha richiamato tra la gente impura.

***

Epifania, così, tra li pastori,

e tra li Magi, ar chiaro de ‘na stella

e a tutto er monno, quann’è ito fòri.

***

Pe dà a tutti la Bona Novella,

spece si pubbricani e peccatori,

pe la sarvezza che ce affratella.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

5 Gennaio 2022

Li Re Magi

Li Re Magi

***

Partiti da li tre pizzi der monno,

seguenno la gran scia de ’na cometa,

ciascuno da ’no spicchio der pianeta,

sfidanno mari, monti, freddo e sonno …

***

Forti de la parola der profeta,

senza fermasse mai, manco un seconno,

sò arivati tutti fino in fonno,

avenno inteso la notizzia lieta.

***

E ’gnuno aveva un dono stabbilito:

Gaspare l’oro, segno de corona,

Melchiorre incenzo, p’èsse riverito…

***

… e Baldassarre mirra che l’unziona,

pe quanno se sarebbe seppellito…

e anch’er presepio mó se perfezziona.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Gennaio 2022

Gennaio romano

Gennaio romano

***

Tutte le vorte che riviè Gennaio,

cor freddo che fa batte le brocchette,

co l’infruenza e un pacco de bollette,

più che a un mese fa penzà a un guaio.

***

Comincia co la sfirza de carzette,

che la Befana ariempie dar solaio,

dorce o carbone, si a seconna è Caio

o Tizzio a cui l’appenne a le cappette.

***

Sorzo de sole, quanno è tramontana,

ch’er celo de ’sti tempi spesso è scuro,

ce se ’mbacucca fra piumoni e lana.

***

Dar sette fino a che scavarca er muro,

’gni giorno dura mezza settimana,

ma l’artra mezza è mejo de sicuro.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Gennaio 2022

C’è arimasta solo la Befana

C’è arimasta solo la Befana

***

C’è arimasta solo la Befana,

che a le feste se le porta via,

anche se rima giusta Epifania,

ma la Befana è robba più romana …

***

… poi pe ‘na festa nova, mamma mia,

cià da passà qua ‘na staggione sana,

ché Pasqua è tarmente giù lontana,

che a penzacce pìa la nostargia.

***

Gennaio come viè cià già ‘sto vizzio,

che se lo porta appresso ‘sto fardello,

 ‘gni anno novo e pe ‘gni novo inizzio.

***

Co li Re Magi in fila giù ar casello

e ‘na cometa in cielo a dà un indizzio,

è presto pe dà er bacio ar Bambinello.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Gennaio 2022

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

***

Dapprima c’era er Verbo, ch’era Lui,

Lui ch’era presso Dio, Lui era Iddio,

tutt’era stato fatto da Lui, Dio,

Luce der monno tra sentieri bui.

 ***

Ma er monno ’ndó ’gni omo penza a l’io,

e a tutti l’affaracci che sò sui,

mica l’ha accòrto, no, raggion pe cui,

s’è fatto carne, da Dio Padre ar Fìo.

***

Eppoi è venuto a vive in mezzo a noi,

pe fàcce contemplà quela Sua Gloria,

a dicce: “So’ venuto qua pe voi …

***

… pe davve la sarvezza, co ’sta Voce”,

ma noi ar Re der Celo e de la Storia,

l’avemo appeso a chiodi inzù la Croce.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Gennaio 2022

L’anno novo

L’anno novo

***

Ecchelo qui, ariva er piccoletto

er novo anno appena cominciato,

un pupo che nun è manco svezzato,

gennaio e lui a poppà er latte a letto.

***

Ma crescerà ben presto da ch’è nato,

e a febbraio già sarà pupetto,

a marzo e aprile bimbo e regazzetto

a maggio e giugno un regazzo alato.

***

Pe lujo e agosto diverà maturo,

un omo che a settembre è tutto fatto,

a ottobbre e quarche acciacco de sicuro.

***

Novembre e poi dicembre e de un tratto,

sara vecchietto e aspetterà er futuro,

pe daje er testimone da contratto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***