Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Novembre 2022

Dar Vangelo der giorno: “prima de la fine der monno”

Dar Vangelo der giorno:

“prima de la fine der monno”

***

Je chiesero: “Gesù, ce sarà un segno,

der quanno er monno abbassa le vetrine?”

Rispose: “Ce saranno Re e Reggine,

in lotta fissa, regno contro regno.

***

‘Na guera senza tempo, né confine,

ché toccherà poi tutti pagà pegno,

tra teremoti e carestie, disegno

senz’èsse ancora subbito la fine.

***

A voi, seguaci mia, ve ‘nzurteranno,

davanti a re e a li governatori,

pe causa mia ve perzeguiteranno.

***

Io ve dirò che dì, quanno è er momento,

a li processi e a l’interogatori,

de voi Iddio, quer dì, sarà contento.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Novembre 2022

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

***

La Festa pe la sua Dedicazzione,

de la Basilica de San Giovanni,

er nove de novembre, tutti l’anni,

cià ‘na sua ben specifica raggione.

***

Ché sta Basilica veste li panni

de Madre de le Chiese, pe missione,

de tutto er monno e ‘sta motivazzione

ne spiega, quinni, er festeggià li scranni.

***

E da li tempi antichi simboleggia,

da sede vescovile quale ch’era,

er popolo cristiano che Je inneggia …

***

… ar Dio Artissimo, de giorno e sera,

perché giunga ar Suo Trono e Sua Reggia,

der monno intero, l’umile preghiera.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Novembre 2022

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

***

Un gruppo de ferventi sadducei,

pe cui nun s’arisorge dopo morte,

pe fà cascà Gesù, chiesero sorte,

seconno li principi de l’ebbrei…

***

… der matrimonio, fatto sette vorte,

da quela donna che, si mòre lei,

da vedova ar marito e artri sei,

a chi va in moje, a l’anime risorte?

***

Gesù rispose che moje e marito,

è robba de ‘sta Tera e no der Celo,

‘ndó nun c’è morte e nun ce sta quer rito.

***

Sò angeli Lassù e ciascun “io”,

come certificato dar Vangelo,

è unito ne l’Amore e fìo de Dio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Novembre 2022

Novembre a Roma

Novembre a Roma

***

È er mese de li santi e de li morti,

de le castagne e der vino novello,

de quanno che t’accoppi co l’ombrello,

eppoi li giorni sò sempre più corti.

***

Le foje a tera a faje da mantello,

pe l’angoli de Roma a coprì torti,

der griggio de l’Autunno che l’ha smorti,

sotto a ’na pioggia fina pe fardello.

***

Callarostari a sostentà er passeggio,

la voja nulla de ’nfilà majoni,

li storni in celo in nuvole e vorteggio.

***

S’accenneno poi li termosifoni,

cor fumo de comignoli a sorteggio,

pe sluccicà lo sguardo a li barboni…

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Novembre 2022

L’appennicati

L’appennicati

***

Li morti nun sò morti, sò addormiti,

appennicati, stracchi de fatica,

in compagnia de ’na vecchia amica,

la sora “Vita” che mó l’ha sfiniti.

 ***

Ner sonno nun se ponno sognà mica,

chi già li piagne e li crede sortiti,

né si sò stati più nummeri o miti,

chi ha fatto da cicala o da formica.

***

Stanno gustanno er tempo senza l’ora,

der giorno in cui nun c’è più diferenza,

tra senzo der tramonto e de l’aurora.

***

Vabbè, pò èsse tutta ’na scemenza,

‘sto modo de penzà, ma un po’ me ‘ndora,

lo strazzio che de te ciò da stà senza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Novembre 2022

Er giorno de ‘Gnissanti

Er giorno de ‘Gnissanti

***

Primo novembre: er giorno de ‘Gnissanti,

nun solo quelli scritti ar calennario,

chi co ’na chiesa, chi co un santuario,

chi ner ricordo de preghiere e canti.

 ***

Nun è der santo che cià l’onorario

che sta ner paradiso de li fanti,

quello potente e ricco de contanti,

ch’è bono p’er lavoro e p’er salario.

 ***

Qui se festeggia er Santo de ’na vita

de dono, sacrificio, granne fede,

p’er prossimo e pe chi vive in salita.

***

Che spesso è tra de noi, ma nun se vede,

ce se n’accorge solo che a l’uscita,

quanno ch’è tardi pe baciaje er piede.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Ottobre 2022

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

***

Quer giorno c’era folla e pe vedello

Zaccheo salì su in cima a un sicomòro,

Gesù je disse: “Scenni, nun te ignoro,

anzi vengo da te, caro fratello!”

***

E lì s’arzò come da gnente er coro

de l’impiccioni e er solito macello:

“Ma che ce va a fà in quer bordello,

de pubbricani e gente come loro?”

***

Zaccheo fece a Gesù: “Dio sia lodato,

metà de quer che ciò lo do ar poraccio

e quattro vorte tanto a chi ho rubbato”.

***

Gesù arispose: “Fàtte dà un abbraccio,

ché oggi a fà così te sei sarvato,

de quelli come te, Io me compiaccio”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***