Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Febbraio 2024

10 febbraio

10 febbraio

***

Santa Scolastica: dieci febbraio,

sorella de quer santo Benedetto,

da Norcia come lui e ar cui cospetto,

lei discoreva de Fede e de saio.

***

Li dialoghi famosi da l’effetto

der monachesimo dirimpettaio,

aperto ar monno ché ‘gni tizzio e caio

pò abbraccicà in pieno suo rispetto.

***

Pe me er dieci febbraio è ricorenza,

più intima pe affetto e più speciale,

de un giorno come l’artri in apparenza.

***

Pe me ‘sto giorno, infatti, cià de bello,

ch’è stato quello esatto der natale,

de ‘na parte de me: de mi’ fratello.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Febbraio 2024

Aria de Carnevale

Aria de Carnevale

***

Sò aria e tempo mó de Carnevale,

ma pe quarcuno (e tanti ce ne stanno)

nun cambia gnente, lui che tutto l’anno

è mascherato e finto tal’e quale.

 ***

Sò giorni “grassi” pe fà un quarche danno,

tra frappe e castagnole in rituale,

coriannoli, come da manuale,

stelle filanti e scherzi che se fanno.

 ***

Er giovedì fa come d’apripista,

ar sabbato che è de festa piena,

se chiude er martedì dopo ’sta lista.

 ***

Er Carnevale sverna e rasserena

e come fusse un gran illusionista,

co ’na maggìa poi esce de scena.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Febbraio 2024

Dar Vangelo der giorno: “la socera de Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “la socera de Pietro”

***

Gesù, inzieme a Giacomo e Giovanni,

annò da Pietro e dar fratello Andrea,

‘ndó c’era a casa, co la febbre rea,

la socera de Pietro a sudà panni.

***

Gesù, de cui se sparze la nomea,

la vide e je curò tutti l’affanni,

la febbre la lassò, lei, senza inganni,

prese a servì co forza che ricrea.

***

Così che venne a Lui un sacco de gente,

malata e indemognata, ma sicura,

d’èsse guarita immediatamente.

***

Fin’ar matino dopo quanno: “È  dura”,

disse lassanno er popolo accorente,

“ma devo portà a l’artri la Mia cura”.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Febbraio 2024

San Biaggio

San Biaggio

***

Er tre febbraio è er giorno de San Biaggio,

ch’è er santo protettore de la gola,

da medico guarì omo e bestiola,

che staveno in tutto er suo villaggio.

***

E diventò famoso e fece scòla,

quanno ‘na spina j’ostruì er passaggio,

in gola a ‘na signora de lignaggio,

lui la sarvò co la preghiera sola.

***

Così che pe credenza e devozzione,

 ce se fa benedì ‘na vorta a l’anno,

‘gni gola, tutti in fila e in processione …

***

… er tre febbraio, appunto, annà preganno,

San Biaggio pe la sua intercessione, 

fa scongiurà ‘gni malatia e malanno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Febbraio 2024

Dar Vangelo der giorno: “la Presentazzione de Gesù ar Tempio”

Dar Vangelo der giorno:

“la Presentazzione de Gesù ar Tempio”

***

Giuseppe co Maria sò iti ar Tempio,

pe presentà er Bambin Gesù ar Signore,

come previsto, e lì c’era un Dottore

de nome Simeone, un granne esempio …

 ***

… de omo giusto e pio, che co onore

quanno li vide disse: “Er còre riempio

de ’gni soddisfazzione e nun me stempio

si annerò già mó ar Creatore.

 ***

Ché posso dì co ’st’occhi d’avé visto,

Colui che porterà sarvezza ar monno,

de più che posso fà, pure che esisto?”

 ***

Prese Maria e je disse: “Ner profonno

verai trafitta un dì, ma Lui è er Cristo,

e dovrà fàllo sempre, fino in fonno”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Gennaio 2024

Trentuno de Gennaio

Trentuno de Gennaio

***

Urtimo giorno in merla de gennaio,

Don Bosco pe li Santi ‘sto trentuno,

der mese ch’è er più lungo, sarvognuno,

no pe li giorni, ma pe quer suo saio …

***

… da centro de l’inverno e celo bruno,

saluta e se congeda da quer guaio,

d’èsse lontani da vacanze e sdraio,

come tra l’artri nun ce n’è nisuno.

***

Pe questo quanno cede er testimone,

l’occhio se stenne guasi a primavera,

o quanto meno ar fine de staggione.

***

Trentuno de Gennaio dà la sfera

ar Carnevale che entra in azzione,

poi tira e segna e l’aria è più leggera.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Gennaio 2024

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

***

Gesù è ito quinni in sinagoga

de sabbato, così, pe Suo mannato,

quanno a un tratto un indemognato,

je se presenta in tutta la sua foga.

***

“Che vòi da noi?”, je dice, da ‘nvasato,

“Sei qui pe rovinacce e co la toga

d’èsse er Santo de Dio, er che t’aroga

diritto come Re de ‘sto Creato”.

***

“Taci” – Gesù risponne – “Esci de fòra,

spirito immonno, lassa stà ‘sto fìo”,

quello sortì, senza strazziallo ancora.

***

E l’artri tutti a dì: “Chi è ‘sto tizzio

che viè e commanna come fusse Dio?”…

E questo fu sortanto che l’inizzio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***