Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Giugno 2020

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò fà un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte e ar tempo stesso in communione,

come pe dì che Dio è Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è normale, è ovvio, er Trio divino,

è un Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è argomento che lo spieghi, tanto

ce pòi arivà sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei e a quer Suo impianto,

che pòi intuì un solo Dio in cui crede:

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Giugno 2020

Abbi cura de te

Abbi cura de te

***

Ricorda de trattatte sempre bene,

ner giudicatte nun èsse severo,

sei solo te, te lo dico sincero,

che co te stesso scambi gioie e pene.

***

Perché un amico, pe quanto sia vero,

de quelli che ce magni pranzi e cene,

nun cià er tuo stesso sangue ne le vene,

nun pò campà co te ‘gni istante intero.

***

Dichi ch’er mio è un discorzo d’egoista?

Pò èsse, ma rifretti pe un momento,

si stai male co te, a chi te dista …

***

… da un parmo solo fino a più de cento,

lo guarderai appannato pe ‘na vista

a specchio su de te, cor còre spento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Giugno 2020

Ciao Magda

Ciao Magda

***

Sei annata incontro a ‘sto tuo Destino,

come hai vissuto, elegantemente,

senza rumori, senza dì più gnente,

guasi eclissata dentro ‘gni matino …

***

… che hai trascorzo da quer dì silente

lassata sola a un tratto da Agostino,

che mó pòi strigne ar petto da vicino,

ner Posto ‘ndove c’è solo er presente.

***

Ce mancherà quela tua lucetta

accesa anche de notte, ‘na fiammella,

pe ricordà un’amicizzia stretta …

***

… de chi sa èsse nonna, zia o sorella,

‘na vita intera che letta e riletta

t’accorgi solo mó quant’era bella.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Maggio 2020

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Celo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto ch’ha der portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e er velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio e er Suo Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

poi preserò a parlà lingue anniscoste,

da ’gni omo conosciute e da ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Maggio 2020

San Filippo Neri

San Filippo Neri

***

Un santo, passaporto fiorentino,

ma ch’ha vissuto tutto er tempo a Roma,

ar punto da intuì e parlà ‘st’idioma,

si nun è apostolo, ce va vicino.

***

Li tratti tutti sin dar cromosoma,

de chi soride ar sole der matino,

giullare più der mejo regazzino,

è San Filippo Neri cor diploma …

***

… de chi ha vissuto pe portà er Vangelo

e la Sua Gioia a stampo fisso in viso,

senza annisconne gnente addietro a un velo.

***

Famoso “State boni” cor soriso

“ma si potete” e l’occhi dopo ar Celo,

pe dì: io preferisco er Paradiso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Maggio 2020

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

***

Mancava poco a l’Ascenzione in Celo,

quanno Gesù je disse ner saluto,

’na cosa granne a l’urtimo minuto,

che indentro a sé cià er senzo der Vangelo.

***

“Io sargo ar Padre, ma nun vo via muto,

anzi starò co voi fin pelo pelo,

ch’er monno tira giù a sipario er telo,

finirà er tempo co un chi ha avuto, ha avuto.

 ***

Potrete chiede ar Padre, in nome mio,

qualunque cosa, Lui ve darà ascorto,

fidateve e credeteme, so’ er Fìo.

 ***

V’aricordate che Io ero morto,

(no, dico morto ?!?) e Lui, da vero Dio,

er terzo giorno dopo m’ha risorto!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2020

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

‘Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò a la fronte sua ner pianto,

e lì arimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero, e quela rosa,

ner pieno de un gennaio, a un tratto è sorta,

sboccianno ar punto esatto in cui ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***