Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Novembre 2020

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

***

La Festa pe la sua Dedicazzione,

de la Basilica de San Giovanni,

er nove de novembre, tutti l’anni,

cià ‘na sua ben specifica raggione.

***

Ché sta Basilica veste li panni

de Madre de le Chiese, pe missione,

de tutto er monno e ‘sta motivazzione

ne spiega, quinni, er festeggià li scranni.

***

E da li tempi antichi simboleggia,

da sede vescovile quale ch’era,

er popolo cristiano che Je inneggia …

***

ar Dio Artissimo, de giorno e sera,

perché giunga ar Suo Trono e a la Sua Reggia,

der monno intero, l’umile preghiera.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Novembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

***

C’ereno dieci vergini lì pronte

pe annà de fretta incontro ar loro sposo,

ch’era in ritardo e in modo sospettoso

nun se vedeva manco a l’orizzonte.

***

Le dieci s’addormirono e er riposo

durò fin quanno un grido come ar fronte,

a mezzanotte le svejò e la fonte

era lo sposo ner venì festoso.

***

Sortanto cinque vergini a quer punto,

co l’olio ne le lampade, da sagge,

potereno incontrallo sopraggiunto.

***

Le artre cinque, ar buio pesto e losco,

tardarono pe l’olio e come gagge,

lo sposo le gelò: “Nun ve conosco”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Novembre 2020

Bon viaggio Giggi

Bon viaggio Giggi

***

A Gi’, sai che succede stammatina?

Che tutta quanta Roma t’accompagna,

fin ‘ndó se pò, ner viaggio da cuccagna,

che stai pe fà Lassù, da ‘sta cantina.

***

Pe corpa de ‘sta gran zozza magagna,

de malatia, fìa de ‘na ballerina,

la gente nun pò statte lì vicina,

pe via der Corzo e pe piazza de Spagna.

***

Ma stanne certo, Giggi, che cor còre

staremo tutti assieme a te, lo “Zio”,

er mejo artista e er più granne attore.

***

Bon viaggio Gì’, te do ‘st’abbraccio mio,

tu sèguita a fà da mattatore,

de ride cià bisogno pure Dio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Novembre 2020

“Zio” Giggi, come uno de famija

“Zio” Giggi, come uno de famija

***

Da ieri io me sento un po’ più solo,

come si fusse ito via ‘no zio,

de quelli a cui vòi bene e dije addio

dà già un dolore senza riconzolo.

***

E manco credo che sto solo io

a raggionà così, e me ne dòlo,

ner mentre Giggi ha preso quer suo volo,

che lo ariporta certo in bracci’ a Dio.

***

Ma qui però arimane ‘st’amarezza,

mist’ar soriso de quarche ricordo

che affiora qua e de là, come ‘na brezza.

***

“Zio” Giggi io de te mica me scordo,

nisuno scorderà quela carezza

che ciài saputo dà … bon viaggio … a bordo!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Novembre 2020

Ciao Giggi

Ciao Giggi

***

Ma che se fa così, senza dì gnente?

Che prenni e te ne vai, manco un saluto…

Er tempo de capì … e in un minuto,

ce lassi soli a piagne solamente.

***

Tu che ciài fatto ride pure muto,

er mejo mattatore veramente,

artista de grannezza sorprennente,

che tutt’er monno t’ha riconosciuto.

***

Già te ne vai così, tu che de Roma,

hai riccontato gioie e anche magagne,

ner mejo modo, quello de ‘st’idioma.

***

Fàcce ‘na mandrakata, daje Giggi,

nun ce lassà così che stamo a piagne,

e piagne ‘sta città, che perde effiggi.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Ottobre 2020

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

***

Gesù salì sur monte a dì a chi c’era:

“Er povero de spirito, beato,

chi piagne mó, sarà ariconzolato,

er mite, ché erediterà la Tera.

***

Chi ha fame e sete ché verà sazziato,

ma quella de Giustizzia, quella vera,

chi cià misericordia, giorno e sera,

chi è puro assai de còre, a Dio affacciato.

***

Beato poi chi opera la pace,

verà chiamato, infatti, fìo de Dio,

chi è perzeguitato ingiusto e tace.

***

Beati voi quanno ve inzurteranno,

e soffrirete pe ‘sto credo Mio,

ve aricompenzerà Lassù ‘gni danno. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Ottobre 2020

Caos e Caso

Caos e Caso

***

In de ‘sta vita gnente sorte a caso,

seconno me c’è un filo conduttore,

pe ‘gni perzona ar monno a fà da attore

ner firm ch’è solo er suo, armeno a naso.

***

Quer che chiamiamo “caso” cià un Autore

che rima cor destino e raso raso

te crea l’occasioni e lassa invaso

l’arbitrio che fa libbero ‘gni còre.

***

Sta solo a noi provà o no a afferalle

ner mentre che ce passeno de fronte,

tiranno, più de un po’, fòri le palle.

***

Io la vedo così, sbajo orizzonte?

Pò èsse, ma ner dubbio si annà a valle

io scergo sempre de salì su un monte.

***

Stefano Agostino

______________________________

***