Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Febbraio 2020

Un “sonettaro” in ricerca

Un “sonettaro” in ricerca

***

Me sento un “sonettaro” che va appresso,

a inzegui che? … voi ve starete a chiede:

er più mejo sonetto … che, se vede,

che armeno qui nun cià avuto accesso.

***

E nun me ‘mporta si nun me se crede,

io posso dichiarallo già da adesso,

che ‘sto cammino lo farò lo stesso,

perché me smove dentro ‘na gran fede …

***

… de chi sa che si cerca un ber tesoro,

co tutta l’anima e co tutto er còre,

nun sprecherà de certo er suo lavoro.

***

Come chi vò trovà er più granne Amore,

de quer che sluccica, si nun è oro,

lui ne fa a meno, senza arcun dolore.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Febbraio 2020

La Madonna de “Lourdes”

La Madonna de “Lourdes”

***

“Io so’ l’Immacolata Concezzione”,

così Maria je disse a Bernadette,

(che detto a la romana, si permette,

conzerva quer che in Francia fa elisione) …

***

… E si ‘sta pupa tosto je credette,

chissà che gioja granne e che emozzione,

de fronte a quela immenza Apparizzione,

e aripenzà poi a le parole dette.

***

E che nun fusse certo ‘na bucìa,

se pò intuì propio dar pronunciato

da la Madonna a quela pora fìa.

***

Ché nun capì er suo significato,

de dogma de la Fede su Maria,

nata senza un’anticchia de peccato. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Febbraio 2020

10 febbraio

10 febbraio

***

Santa Scolastica: dieci febbraio,

sorella de quer santo Benedetto,

come pe lui, da Norcia, e ar cui cospetto

lei discoreva de Fede e de saio.

***

Li dialoghi famosi er cui effetto

fu er monachesimo dirimpettaio,

aperto ar monno ché ‘gni tizzio e caio

pò ancora abbraccicà in pieno rispetto.

***

Pe me er dieci febbraio è ricorenza

più intima pe affetto e più speciale,

de un giorno che co l’artri sta in seguenza.

***

Perché pe me ‘sto giorno cià de bello,

ch’è stato quello esatto der natale

de chi è parte de me … de mi’ fratello.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Febbraio 2020

Dar Vangelo der giorno: “sale e luce de la Tera”

Dar Vangelo der giorno: “sale e luce de la Tera”

***

Gesù je disse a tutti: “Siate er sale,

ma quello che dà gusto e dà valore,

no l’artro che nun serve a dà un sapore

e invece de condì, fa solo male”.

***

Poi seguitò er discorzo Suo, er Signore:

“Siate la luce de ‘sto monno a scale,

no messa sotto ar moggio o ar capezzale,

ma che scaccia via er buio e dà calore.

***

Che sia ‘na Luce forte ch’arisprenne,

davanti a l’artri ommini der monno,

come da esempio pe addrizzà le antenne..

***

E vive da cristiani a tutto tónno,

co opere più bone e, quinni, rènne

la giusta Gloria a Dio, pe ‘gni seconno. 

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Febbraio 2020

Attenti a dà conziji

Attenti a dà conziji

***

Vabbè a dà conziji in amicizzia,

senza malizzia, senza doppio fine,

ma guai a passà er limite, er confine

ché ‘gni libbero arbitrio se sevizzia.

***

Si è semprice l’usà frasi carine,

co cui preggià quer che de l’artri sfizzia,

c’è da stà attenti a quanto sia propizzia

quela parola che punge co spine.

***

Così pure un conzijo in bona fede,

rivorto no ne la giusta magnera,

nun deve da travalicà né eccede …

***

… er raggio sacro de la propia sfera,

che in quello a cui è rivorto je risiede,

pe scerta de Chi ha fatto Celo e Tera.

***

Stefano Agostino

__________________________

**+

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Febbraio 2020

Sò momenti

Sò momenti

***

Ce sò momenti che, tutto de botto,

te cala giù un sipario de tristezza,

te chiedi anch’er perché, come ‘na brezza,

che un attimo te gela e paghi scotto.

***

Ma la risposta mai è a l’artezza

de dà ‘na spiegazzione a che s’è rotto,

ma ce lo sai che in fonno, sotto sotto,

si c’è, lei s’annisconne co destrezza.

***

Sò attimi, frazzioni de seconno,

er tempo pe buttà giù quer magone,

e rispedillo infin’a lo sprofonno.

***

Parentesi che ciànno ‘na raggione,

come qualunque incubbo ner sonno,

pe apprezzà deppiù le cose bone.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Febbraio 2020

San Biaggio

San Biaggio

***

Er tre febbraio è er giorno de San Biaggio,

ch’è er santo protettore de la gola,

da medico guarì ‘gni omo o bestiola,

che staveno a abbità ner suo villaggio.

***

E diventò famoso e fece scòla,

quanno ‘na spina j’ostruì er passaggio

in gola a ‘na signora de lignaggio,

lui la sarvò, co la preghiera sola.

***

Così che pe credenza e devozzione

 ce se fa benedì ‘na vorta a l’anno,

‘gni gola, tutti in fila e in processione …

***

… er tre febbraio, appunto, a annà preganno,

grazzie a San Biaggio e a la sua intercessione, 

pe scongiurà ‘gni malatia e malanno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***