Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Maggio 2024

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria”


Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria” 

 ***

Dopo quer fatto de l’Annunciazzione,

Maria s’arzo e de tigna, in tutta fretta,

annò da la cuggina Elisabbetta,

pe visitalla in de la gestazzione.

***

Quanno arivò la salutò perfetta

e appena salutata … “Che emozzione”

– je fece la cuggina – “e che scossone,

m’ha dato er pupo  …  Tu sia benedetta …

***

… tra donne e che sia benedetto er frutto,

der Tuo grembo, perché Tu hai creduto

a la Parola, a Dio e ar Suo Costrutto”.

***

No come Zaccaria che era muto,

ché nun credette a l’Angelo, ber putto,

sur fìo Giovanni che ciavrebbe avuto.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Maggio 2024

A petto in fòri

A petto in fòri

***

Ciài tutto contro? Embè, tu fàtte forte!

Ariempi er petto e butta fòri l’aria.

C’è Vita che sta lì, straordinaria,

t’aspetta abbasta che j’apri le porte.

***

Ché si ‘gni cosa pare che te caria,

tu mostraje che ciài ben artra sorte,

che sai lottà puranche co la morte,

e ciài ‘na forza rivoluzzionaria.

***

Ce vole impegno, tigna e un ber coraggio,

ma nun se vince si nun se combatte,

e la vittoria è de affrontà ‘sto viaggio …

***

… senza dové rimpiagne o dì ch’è ita,

pe ciancicà le peggio frasi fatte,

ma ‘ndó ‘gni giorno varga er prezzo Vita.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Maggio 2024

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte, ma pe sempre in communione,

come pe dì che Dio è Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è ovvio: ce sta er Trio divino,

Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è discorzo che lo spieghi, tanto

lo pò capì sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei che quest’incanto

se pò intuì così: Dio in cui crede,

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Maggio 2024

Er vero inzegnante

Er vero inzegnante

***

Quella de l’inzegnante è ‘na missione,

come p’er medico o er sacerdote,

pe cui se nasce già co quela dote,

stile de vita più che professione.

***

Ché l’inzegnante, no a parole vote,

forma er futuro a ‘na generazzione,

dà li strumenti a bona imitazzione

a ‘gni suo alunno, più de voti e note.

***

Quinni er suo nun è solo un mestiere,

(e andrebbe tanto più valorizzato),

che lo se fa sortanto pe dovere.

***

È impegno de importanza, la più seria:

la bona scòla forma un bono Stato,

artro che spiegà solo ‘na materia.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2024

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

’Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò in fronte a lei ner pianto,

e lì rimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero e quela rosa,

ner pieno de gennaio che j’è sorta,

sboccianno ar punto ’ndove s’ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Maggio 2024

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Celo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto granne portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio in Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

sapeveno parlà lingue niscoste,

de ‘gni paese ar monno e de ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Maggio 2024

Storie da la Bibbia: er sogno de Giacobbe

Storie da la Bibbia: er sogno de Giacobbe

***

Ner mentre che scappava dar fratello,

p’er fatto de la primoggenitura,

Giacobbe, pe la strada arquanto dura,

se riposò da sotto a un arberello.

***

E s’addormì e sognò ‘na cosa oscura,

‘na scala che da tera pe sgabbello,

saliva fin’ar Celo e poi da quello

un sueggiù de angeli a sutura.

***

Poi se destò e comprese da quer sogno,

che Dio je stava a dì de l’Alleanza,

tra Celo e Tera e de pregà er bisogno.

***

Quer posto in cui sognò tutte ‘ste gemme,

“casa de Dio” chiamò e lì, a distanza,

sarà er Tempio de Gerusalemme.

***

Stefano Agostino

_____________________

***