Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Settembre 2019

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

***

Je disse: “Quanno che tu sei invitato,

intenno dì a le nozze e c’è er banchetto,

nun scejete mai er posto più perfetto,

er mejo e er più vicino ar festeggiato.

***

Ché nun ce sia chi è de maggior rispetto,

e tu che ar primo posto eri piazzato,

da questi sei scarzato e aretrato,

sin a l’urtimo guasi a fà un dispetto.

***

E quanno fai un banchetto er tuo invito

nun fàllo a amichi o a soliti parenti,

pe èsse poi lor ospite servito.

***

Tu chiama zoppi, storpi o nun vedenti

o chi sta sempre in bianco aripulito,

Dio aricompenzerà ‘st’intennimenti”.

a***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Agosto 2019

Ortre er testo

Ortre er testo

***

A vorte ciò come la senzazzione,

che posso scrive fiumi de parole,

mettele in rima, chiare com’er sole,

pe condivide sempre un’emozzione …

***

… ma poi m’accorgo, e quanto assai me dole,

che a conti fatti quela mia intenzione,

nun l’ho tradotta come da copione,

o viè capita come ‘gnuno vole.

***

È un cruccio che me porto sempre appresso:

sarò riuscito a esprime er vero senzo

che sento in der profonno de me stesso?

***

Ma poi arifretto e me conzola questo:

che quer che conta è prova a dì che penzo,

ché chi lo sa apprezzà, va ortre er testo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Agosto 2019

28 agosto – Sant’Agostino

28 agosto – Sant’Agostino

***

Lo vojo venerà Sant’Agostino,

nun solo pe questione der cognome,

ch’è er mio, visto ch’er suo è invece er nome,

ma “S. (e punto)” e ar santo m’avvicino …

***

… ma più p’er fatto che Agostino, come

già San Francesco, Santo ner destino,

prima de diventallo fa un cammino

da peccatore, convertito, eccome.

***

Esempi, er suo e der frate d’Assisi,

che tutti ponno sempre cambià rotta,

anche chi sbaja strada o l’indecisi.

***

Anche chi ha preso più de quarche botta,

chi ha perzo sogni, identità e sorisi,

e, a chiosa, pure er fìo de ‘na mignotta.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno – la porta stretta

Dar Vangelo der giorno: “la porta stretta”

***

“Sforzateve d’entrà a la porta stretta”,

così Gesù je disse lì a quer tale

che chiese der giudizzio univerzale,

de chi se sarva e quello che j’aspetta.

***

“In tanti prenneranno l’artro viale,

poca sarà la gente benedetta,

chi resterà de fòri, damme retta,

sarà chi stanno qua ha operato er male.

***

De questi arcuni busseranno allora,

rivennicanno quarche conoscenza,

– Nun ve conosco – Dio je dirà ancora.

***

Chi avrà vissuto amanno sarà degno

d’entrà ar banchetto e no pe fà presenza,

ma parte de la Gloria e der Suo Regno”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: a portà er foco su la Tera

Dar Vangelo der giorno: “a portà er foco su la Tera”

***

“Io so’ venuto pe portavve er foco

er foco su la Tera, vojo intenne”,

così disse Gesù – “Chi se sorprenne

nun ha capito come va ‘sto gioco.

***

Io nun so’ sceso a dà la pace indenne,

tutt’artro anzichennò e manco de poco,

Io porto divisione in de ‘gni loco,

‘ndov’è er sole in de ‘sto monno sprenne.

***

Io creo li contrasti famijari,

er padre contr’er fìo e er fìo cor padre,

nora co socera eppoi, pari pari, …

***

… Io faccio sì perzino e è voluto

de mette contro fie e loro madri,

perché pe portà er foco so’ venuto!”

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Agosto 2019

Assunta

Assunta

***

De certo Lei, Perfetta e Immacolata,

senza peccato, manco origginale,

senza sospetti dar regno der male,

senza ‘na macchia che l’ha mai toccata …

***

… quanno ch’ha chiuso l’occhi ner finale,

de ‘sta vita terena ormai lassata,

da l’Angeli è stata sì elevata,

fin’a portalla ar Monno Celestiale.

***

E da quer giorno nun smette un momento

d’arigalacce Grazzie co l’Aiuto

de Chi a la Trinità è collegamento.

***

Assunta cor Suo Còre ch’è ‘na fiamma,

a cui ricore sempre ‘gni minuto,

co l’occhi che cià un fiò pe la sua Mamma.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Agosto 2019

Ciao Nadia

Ciao Nadia

***

Te ne sei ita senza fà rumore,

sparenno come un lampo a l’improviso,

pe eredità ce lassi er tuo soriso,

a fà da specchio a l’anima e ar còre.

***

Manco un saluto dato e hai reciso

quer gran cordone co ‘gni spettatore,

che hai saputo strigne cor calore,

de quer tuo sguardo già da Paradiso.

***

Così che ciarimane pe saluto,

de scrivete ‘na rima o fà un penziero,

pe trattenette ancora pe un minuto.

***

Ner mentre c’è ‘na Luce che te irradia,

pe fà brillà ‘gni punto, anch’er più nero,

bon viaggo a te fin’a Lassù … ciao Nadia.

***

Stefano Agostino

______________________

***