Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Agosto 2022

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor e tutto a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese a sprenne co abbiti e panni.

***

In quer momento, a quer punto esatto,

Mosè e Elia apparzero sì granni,

pe chiacchierà co Lui, seconni o anni,

’na nube l’investì e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce … era de Dio,

che disse: “In Lui, Io Me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché quest’è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparze eppoi, in quer minuto,

Gesù fece: “Finché ce sto qua Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Agosto 2022

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

tu damme retta, prova la scoperta,

de fàtte un giro in centro un dì d’agosto.

***

La strada o piazza che te sarai scerta,

te sembrerà de botto un’artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lasserà a bocca aperta.

***

Da sera a notte blu me ce attardo,

pe affacciamme ar Tevere giù in fonno

e me ce sperdo in tutto quelo sguardo.

***

Me riempio de un orgojo in un seconno,

mentre ringrazzio Dio der Suo riguardo,

d’avemme dato er mejo in tutto er monno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Agosto 2022

2 agosto: er perdono de Assisi

2 agosto: er perdono de Assisi

***

Così er Signore chiese a San Francesco:

“Te vojo fà un regalo, servo bono,

quer che me chiedi te lo faccio in dono”.

Francesco ce penzò … chissà si riesco …

***

… ma io ce provo … e disse: “Chino e prono,

io pe regalo vojo che ar Tuo desco,

quello ch’è pe li giusti, e no fiabbesco,

possa sedé chiunque cor perdono”.

***

Così er Signore pe ‘gni due d’agosto,

dispose un’indurgenza granne e piena,

a tutti e co le condizzioni apposto…

***

E a Francesco je scattò un soriso

e disse: “Anima mia, pòi stà serena,

ch’hai regalato a tutti er Paradiso!”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Luglio 2022

Dar Vangelo der giorno: “er granaio der ricco”

Dar Vangelo der giorno: “er granaio der ricco”

***

Gesù poi fece: “C’era un omo ricco,

co un gran raccorto, tanto che ar granaio,

che già ciaveva lui disse lo sdraio,

ne faccio uno ch’è più grande e appicco…

***

li feri der mestiere ar chiodo e gaio

poi m’ariposo come ‘no sceicco,

io spenno e spanno, er volo mio lo spicco,

e nun lavoro più da Tizzio o Caio.

***

De sòrdi ce n’ho tanti in abbonnanza,

pe fà ‘na vita de divertimento,

de libbertà, de pace e de vacanza…

***

Ma propio quela notte un mancamento

e se n’è ito e ‘gni sua sostanza

ch’ha accumulato è ita via cor vento”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

30 Luglio 2022

Er mejo amico

Er mejo amico

***

Er mejo amico è quello che t’aspetta,

che te sa sta vicino quanno occore,

che pure ’ncasinato, prenne e cόre,

pe dàtte tempo, orecchio, mano e retta.

***

Er mejo amico nun cià da discore,

j’abbasta un’occhiata in tutta fretta,

ha già capito tutto e se staffetta,

pe ditte ’na parola e dà calore.

***

Er mejo amico è er “semprepresente”,

quello che nun se chiama e nun se ’nvita,

ma si nun viè, je faccio sartà un dente.

***

Er mejo amico è chi, si stai in salita,

sa bene quann’è er tempo de fà gnente

e quanno quello de sarvà la vita.

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

29 Luglio 2022

La vista

La vista

***

Quanno che apri l’occhietti appena svejo,

l’attimo prima che poi t’arzi in piedi,

si guardi attorno e noti che ce vedi,

t’accorgi che nun c’è gnente de mejo.

***

Er Sole manna un raggio e lì te chiedi,

ner pieno centro de ’sto dormivejo,

quanto pò èsse bello quer risvejo,

e su l’aspetti tristi soprassiedi.

***

Già in HD e tridimenzionale,

’na gamma de colori arcobbaleno,

che te pò dà sortanto ch’er reale.

***

Magara sbajerò a vedé er sereno,

pure ner celo nero a temporale,

ma nun me ne pò mai fregà de meno!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Luglio 2022

Sonnetti

Sonnetti

***

Me piace quanno è sera prenne un fojo

e mette assieme un paro de verzetti,

gnente de che, abbozzi de sonetti,

ma scritti in libbertà e senza imbrojo.

***

Nun è che l’artri nun ciànno ’st’aspetti,

ma a vorte dànno pena e quarche scojo,

invece questi, lisci come l’ojo,

sorteno senza affanni e più diretti.

***

Sarà ch’er tempo, ar fonno de la sera,

concija intimità prima der sonno,

pe fà riassunto a ’na giornata intera.

***

Sarà che pe specchiasse in der profonno,

quanno ch’er buio avanza e er celo annera,

abbasta dà la bonanotte ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***