Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Febbraio 2021

10 febbraio

10 febbraio

***

Santa Scolastica: dieci febbraio,

sorella de quer santo Benedetto,

da Norcia come lui e ar cui cospetto,

lei discoreva de Fede e de saio.

***

Li dialoghi famosi da l’effetto,

der monachesimo dirimpettaio,

aperto ar monno ché ‘gni tizzio e caio,

ponno abbraccicà in pieno rispetto.

***

Pe me dieci febbraio è ricorenza,

più intima pe affetto e più speciale,

de un giorno come l’artri in apparenza.

***

Pe me ‘sto giorno, infatti, cià de bello,

ch’è stato quello esatto der natale

de ‘na parte de me: de mi’ fratello.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Febbraio 2021

Dar Vangelo der giorno: “la socera de Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “la socera de Pietro”

***

Gesù, inzieme a Giacomo e Giovanni,

annò da Pietro e dar fratello Andrea,

‘ndó c’era a casa, co la febbre rea,

la socera de Pietro a sudà panni.

***

Gesù, de cui se sparze la nomea,

la vide e je curò tutti l’affanni,

la febbre la lassò, lei, senza inganni,

prese a servì co forza che ricrea.

***

Così che venne a Lui un sacco de gente,

malata e indemognata, ma sicura,

d’èsse guarita subbitaneamente.

***

Fin’ar matino dopo quanno: “È  dura”,

disse lassanno er popolo accorente,

“ma devo portà a l’artri la Mia cura”.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Gennaio 2021

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

***

Gesù è ito quinni in sinagoga

de sabbato, così, pe Suo mannato,

quanno a un tratto un indemognato,

je se presenta in tutta la sua foga.

***

“Che vòi da noi?”, je dice, da ‘nvasato,

“Sei qui pe rovinacce e co la toga

d’èsse er Santo de Dio, er che t’aroga

diritto come Re de ‘sto Creato”.

***

“Taci” – Gesù risponne – “Esci de fòra,

spirito immonno, lassa stà ‘sto fìo”,

quello sortì, senza strazziallo ancora.

***

E l’artri tutti a dì: “Chi è ‘sto tizzio

che viè e commanna come fusse Dio?”…

E questo fu sortanto che l’inizzio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Gennaio 2021

Li giorni de la merla

Li giorni de la merla

***

Se dice de ’sti giorni che ’na merla,

in lotta contro er gelo de Gennaio,

se rintanò in attesa de Febbraio,

niscosta indentr’ar centro de ’na gerla.

*** 

Bojaccia, era un comignolo! Che guaio!

Quanno sortì fu peggio de ’na sberla:

da ch’era entrata tinta griggio-perla,

mó era de un neraccio carbonaio.

*** 

Così Gennaio poi s’è allungato,

logranno ar mese dopo, a fàllo corto,

un par de giorni interi j’ha rubbato.

*** 

Quest’è er racconto, pure un po’ contorto,

pe dì che pe combatte contr’er Fato,

più t’annisconni, più te dice storto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Gennaio 2021

Er vento

Er vento

***

Pò èsse un soffio o più un tinticarello,

o raffica de tramontana, “gianna”,

pò accarezzatte er viso co ’na spanna,

fàtte volà, inzieme, tu e l’ombrello.

***

D’estate, quanno sbuffa, è più ’na manna,

si l’afa attufa peggio ch’ar Burello,

ma quann’è inverno gira cor cortello,

sega la faccia e l’ossa te l’azzanna.

***

Che sia libbeccio, greco o ponentino,

scirocco càllo o freddo maestrale,

ner vento c’è un quarcosa de divino.

***

È Dio che scegne giù in mezz’ar mortale,

pe dije ancora che je sta vicino,

sia cor sereno che cor temporale.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2021

La giornata de la memoria

La giornata de la memoria

***

Ben venghi la giornata de memoria,

pe nun dimenticà l’infamia estrema

de la “Shoah”, che nun pò èsse un tema

da chiude e conzervà in libbri de storia.

***

Ma ricordà sortanto nun è schema

pe evità che l’omo e la sua boria,

pe quarche sua credenza e vanagloria,

possa, però, ripresentà er probbrema.

***

Accanto a la memoria de l’eccidi,

quale che sia l’idea de l’assassino,

ch’ha perpetrato zozzi genocidi …

***

… ce vò chi inzegni già a ‘gni bambino,

a quali rischi infonne l’odio guidi,

pe razza, credo, gusto o p’er quatrino.

******

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Gennaio 2021

La Converzione de San Paolo

La Converzione de San Paolo

***

Lui se n’annava là, verzo Damasco,

quer giorno quanno venne forgorato,

’na luce accesa, forte, l’ha cecato,

stava a cavallo e disse: “Aiuto, casco!”

***

Udì ’na voce in tono arterato

che disse: “Basta un po’ de stà a ricasco

de chi m’ammazza er gregge eppoi, fuggiasco,

cambiete nome e fa’ ch’Io sia lodato!”

 ***

La voce der Signore Gesù Cristo:

“Io t’ho cecato, ma mica pe ride:

tu fin’a mó de certo nun ciài visto”.

***

Pe Paolo fu lì la Converzione:

aperti l’occhi ar Vero lui rivide

er credo ‘nzieme ar nome e la missione.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***