Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Novembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

***

Quer giorno c’era folla e pe vedello

Zaccheo salì su in cima a un sicomòro,

Gesù je disse: “Scenni, nun te ignoro,

anzi vengo da te, caro fratello!”

***

E lì s’arzò come da gnente er coro

de l’impiccioni e er solito macello:

“Ma che ce va a fà in quer bordello,

de pubbricani e gente come loro?”

***

Zaccheo fece a Gesù: “Dio sia lodato,

metà de quer che ciò lo do ar poraccio

e quattro vorte tanto a chi ho rubbato”.

***

Gesù arispose: “Fàtte dà un abbraccio,

ché oggi a fà così te sei sarvato,

de quelli come te, io me compiaccio”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Novembre 2019

L’appennicati

L’appennicati

***

Li morti nun sò morti, sò addormiti,

appennicati, stracchi de fatica,

pe faje compagnia a ’na vecchia amica,

la sora “Vita” che mó l’ha sfiniti.

 ***

Ner sonno nun se ponno sognà mica,

chi li sta a piagne e li crede sortiti,

né si sò stati più nummeri o miti,

chi ha fatto da cicala o da formica.

***

Se stanno a gustà er tempo senza l’ora,

der giorno in cui nun c’è più diferenza

fra er senzo der tramonto e de l’aurora.

***

Vabbè, pò èsse tutta ’na scemenza,

ma è un modo de penzà che un po’ me ‘ndora,

lo strazzio che de te ciò da stà senza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Novembre 2019

Er giorno de ‘Gnissanti

Er giorno de ‘Gnissanti

***

Primo novembre: er giorno de ‘Gnissanti,

nun solo quelli scritti ar calennario,

chi co ’na chiesa, chi co un santuario,

chi è aricordato tra preghiere e canti.

 ***

Ma no der santo che cià l’onorario

e sta ner paradiso de li fanti,

quello potente e ricco de contanti,

ch’è bono a dà un lavoro e un ber salario.

 ***

Qui se festeggia er Santo de ’na vita

de dono, sacrificio e granne fede,

trascorza a penzà ar prossimo e in salita.

***

Che spesso è tra de noi, ma nun se vede,

ce se n’accorge solo che a l’uscita,

quanno ch’è tardi pe baciaje er piede.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Ottobre 2019

Quer che conta veramente

Quer che conta veramente

***

Nun c’è ‘na cosa ar monno più evidente,

che pòi sperimentà ‘gni giorno fino

a quanno che ce l’hai, grazzie ar Destino,

che fa valorizzà ciò ch’è presente …

***

… che ariguarda chi te sta vicino,

parente o amico, poco conta o gnente,

quello che vale è er fatto solamente

de fà tesoro, mejo de un bottino …

***

… pe quer che dà e che serve comunque,

più de proverbi, tradizzioni e detti,

pe fà un momento eterno co chiunque, …

***

fin quanno che ce l’hai, dico, l’affetti,

de dimostraje er bene e quinni, ar dunque,

tenelli abbraccicati stretti stretti.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Ottobre 2019

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

***

Gesù j’ariccontò der fariseo,

cor pubblicano e la preghiera ar Tempio,

er primo a dì: “Io sì che so’ un esempio,

nun faccio er ladro e nun so’ mica un reo.

***

Nun vivo, certo, come pò fà l’empio,

e pago quer che devo e qui me beo

de recità: “Gloria in excelsis Deo”,

de grazzie co ‘sta bocca me ce riempio”.

***

Er pubblicano invece a testa bassa,

diceva a Dio: “So’ un granne peccatore,

abbi pietà de me e de ‘sta carcassa”.

***

E Dio che riesce a misurà l’Amore,

ar fariseo je disse: “Tu aripassa”,

er pubblicano perdonò de còre.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Ottobre 2019

Dar Vangelo der giorno: “la vedova e er giudice”

Dar Vangelo der giorno: “la vedova e er giudice”

***

“Da un giudice, che nun temeva Dio,

un giorno annò ‘na vedova, in mestizzia,

a chiede un intervento de giustizzia,

e quello disse  – qua decido io! –

***

La vedova … ve do ‘sta gran notizzia …

nun se stancò der primo secco “addio”,

e aripeté quela richiesta a invio,

finché l’accontentò co ‘na perizzia”.

***

Si un giudice così, pe l’inzistenza,

accorze prima o dopo ‘na richiesta,

sai che pò fà Iddio a chi, in coscènza, …

***

… co gran fervore, da matina a sera,

nun molla, nun se stanca e nun protesta,

de chiede e chiede, dentr’a ‘na preghiera”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Ottobre 2019

Ciao Francesco

Ciao Francesco

***

A riassemblà li pezzi nun ce riesco,

ciò in mente solo l’occhi tua e quer viso,

ch’è sempre acceso dentro a un gran soriso,

che fa parte de te, caro Francesco.

***

Sei ito via così a l’improviso,

senza avvertì, che so, dicenno … “esco”,

parole ‘ndó le cerco e ‘ndó le pesco,

ner mentre t’avvicini ar Paradiso.

***

Ché tanto te s’è aperta quela porta,

der Regno de Giustizzia e Eterna Pace,

che nun conosce certo gente morta.

***

Pe chi hai lassato qui io prego Dio,

pe dà conforto, mó che tutto tace,

a chi più piagne: tu’ moje e tu’ fìo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***