Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Novembre 2021

Du’ gocce d’acqua

Du’ gocce d’acqua

***

Nun serve l’acquazzone torenziale,

a Roma abbasta solo quarche goccia,

che nun te bagna manco la capoccia,

pe sconcassà tutto er manto stradale.

***

Vabbè, se dice che scava la roccia,

ma nun è mica poi tanto normale,

che ’ste du’ gocce, scese pure male,

sfracelleno l’asfarto che se scoccia.

***

Pare Baghdad sotto ar bombardamento,

o da vedé la Luna da vicino,

che ’gni du’ metri c’è un avvallamento.

***

Ce lo sa bene chi, cor motorino,

si nun spalanca l’occhi ben attento,

finisce dritto in buca cor boccino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

28 Novembre 2021

Roma – Torino

Roma – Torino: 1-0

***

Granne vittoria de ‘granne importanza,

pe mantené la vista ar quarto posto

e distanzià chi dietro tenta accosto,

ma perde e se sgancia a la distanza.

***

Er go’ de Abraham ch’è gajardo e tosto,

la pantomima sur rigore danza

de un VAR ch’è patetico e avanza

sortanto pe smontà in de ‘gni costo.

***

Ma contro tutti ariva la vittoria,

e questo poi è solo quer che conta,

co tutto er resto nun se fa la storia.

***

Annamo avanti e co chi ce affronta,

mettemo ‘gni tassello a memoria,

‘sta Roma sta nascenno … è guasi pronta.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Gesù che tornerà ne la Sua Gloria”

Dar Vangelo der giorno:

“Gesù che tornerà ne la Sua Gloria”

***

Er Sole in celo oscurerà de botto,

la Luna perderà quer suo sprennore,

e l’astri cascheranno cor tremore

 de tutto l’Univerzo in sopra e in sotto.

***

E su le nubi, co potenza e onore,

er Fìo dell’Omo ariverà tra un fiotto

de Angeli ariuniti e tutt’er lotto

d’eletti de ‘gni tera e ‘gni colore.

***

Così che chi vedrà ‘ste cose svorte,

ner mentre esatto quanno che accadranno,

saprà che Lui è vicino, è a le porte.

***

Ché intanto Celi e Tera passeranno,

ma ‘ste parole nun ciavranno morte,

“… e solo er Padre Mio conosce er quanno”.

**

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Novembre 2021

Avvento

Avvento

***

Ma quant’è bello er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che stà in attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno ch’è la Notte de l’Evento.

 ***

Chi mette in scena er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

man mano s’avvicina quer momento

e più ‘gni strada se colora accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

aprenno ar dì un’artra finestrella,

così riscopre tutto er campionario …

 ***

… dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar biscotto o l’incontrario,

un attimo e er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

26 Novembre 2021

Roma – Zorya Co.L.

Roma – Zorya: 4-0

***

Se vince in sciortezza quattro a zero,

a ipotecà la qualificazzione,

ma tocca ancora vince ‘sto girone,

ce sta ‘na gara pe svelà er mistero.

***

Ma pe parlà qui de ‘sta prestazzione,

c’è da esartà ‘gni giocatore vero,

da Carles Perez a, basta er penziero,

Zaniolo e Abraham in doppia porzione.

***

Tutta la squadra merita bei voti,

pe quer ch’ha fatto e pe quer granne impegno,

pure de quelli sempre meno noti.

***

Er go’ de Abraham che mette er segno

de rovesciata de chi ha granne doti,

che sia de sblocco pe tutto er suo regno.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

25 Novembre 2021

“Black friday”

“Black friday”

***

Artra invenzione che sa de scimmiotto

e che, perciò, nun pare un’invenzione,

è er “black friday”, de derivazzione

americana e manco sotto sotto.

***

Nasce, come ce dice tradizzione,

da un venerdì ch’è nero, si fa er botto

cor crollo de la Borza e paga scotto

chi venne da sfiorà la recessione.

***

Così “black friday”, pe analoggia,

vò indicà quanno che ‘gni negozzio,

fa sconti da riempì qualunque via …

***

… de gente che s’azzuffa, tutta a zonzo,

pe un venerdì che manna a l’aria l’ozzio,

che più che “black” è “brown”…. pe quant’è stronzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Novembre 2021

Ciao ‘Svardo

Ciao ‘Svardo

***

Sei stato qui tra li commentatori,

fedele sin dar primo mio sonetto,

de sciabbola così, più che fioretto,

ma sempre de saggezza e de valori …

***

… co l’inteventi giusti ner dialetto,

e senza uscì nemmanco un dito fòri

dar seminato e sotto a li colori

de ‘sta città, ner massimo rispetto.

***

Ieri ho saputo che sei ito in Celo,

toccanno quinni l’urtimo traguardo,

quello che ce separa come un velo.

***

Vedo ‘na stella e penzo mentre guardo,

ch’è grazzie a te er sonetto a ‘gni Vangelo,

me mancherai, amico mio, ‘Svardo.

***

Stefano Agostino

________________________

***