Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2021

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Dicembre 2021

San Sirvestro

San Sirvestro

***

Poraccio in fonno pure San Sirvestro,

viè ricordato l’urtimo de l’anno,

ma è un richiamo che fa da rimanno,

ar Capodanno cui je porge er destro.

***

Ché si nun c’era infatti Capodanno,

arimaneva un santo ner canestro,

de quelli poco noti e der cui estro

poche le tracce … e quanti ce ne stanno.

***

In vita lui fu Papa, ma anche in quello,

je fece sempre ombra Costantino,

l’imperatore e lui a fà sgabello.

***

Ma anche questo vole dì servizzio,

come ‘st’urtimo giorno dicembrino,

che a l’anno novo serve a daje inizzio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Dicembre 2021

Basta botti a Capodanno

Basta botti a Capodanno

***

È ‘na proposta ch’è come ‘na goccia,

ma tante gocce assieme fanno er mare,

perciò la faccio, armeno qui me pare,

de èsse franco e dì che ciò in capoccia.

***

Quest’anno da le tante cose amare,

cor Covid che ancora ce se ‘ncoccia,

venti de guera, er monno che scapoccia,

er Capodanno sia particolare.

***

Lassamo de sparà tutti ‘sti botti,

petardi, razzi, ciccioli e fischioni,

nun li schioppamo più, se semo rotti.

***

E co l’augurio de un artro domani,

e un anno che nun rompa li cojoni,

saranno più felici gatti e cani.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Dicembre 2021

Ariva er 2022

Ariva er 2022

***

Ner mentre guardo l’asinello e er bue,

de ‘sto presepio spento a casa mia,

penzo … Natale se n’è ito via,

sta p’arivà er dumilaventidue.

***

Ma stàmo ancora ne la pandemia,

co dati der contaggio a tre pe due

der giorno prima e le varianti sue,

a peggiorà ‘sta zozza malatia.

*****

Ché sò du’ anni che je stamo appresso,

co li progressi de la medicina,

ma tanto er virus gira come adesso.

***

E faccio ‘sti penzieri e m’arimovo,

ner mentre a ‘sto presepio co la spina,

l’accenno e prego che sia un anno novo.

***

Stefano Agostino

_____________________

*****4*

I sonetti romani,Romanamente

Li Santi Innocentini

Li Santi Innocentini

***

Seconno detto antico e tradizzione,

er giorno de li Santi Innocentini

finischeno le feste e li quatrini,

ma nun l’ho mai capita la raggione.

 ***

Ce stanno già lenticche e cotechini,

pronti pe Capodanno e p’er cenone,

c’è er sei gennaio: nun è un’oppignone,

ch’è festa de balocchi e de bambini.

 ***

Ma nun se pò nun èsse poi d’accordo,

cor fatto ch’er ventotto, in saccoccia,

nun ce sta più ‘no spicciolo de sòrdo.

 ***

Ché co ’sta crisi, artro che bisboccia,

e de le feste c’è solo er ricordo,

ché nun se sa ‘ndó sbatte la capoccia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Dicembre 2021

Tra Natale e Capodanno

Tra Natale e Capodanno

***

“Lo famo tra Natale e Capodanno”,

lo sento dì, da tutti, da ’na vita,

tra chi dice d’organizzà un’uscita,

che invece sa, piuttosto, de rimanno.

 ***

Sò giorni che li conti co le dita,

nun dureno e quinni c’è l’inganno,

si nun te riesci a véde tutto l’anno,

’sta settimana penzi sia infinita?

 ***

E quanno poi che ariva er ventisette,

pe tojete ’st’impiccio e ’sto ber guaio,

nun sai manco più te che scuse mette.

 ***

Ma nun dì più ‘sta frase a Tizzio e Caio

e chi a ’sti giorni chiede de vedette,

dije de sì … er 30 de Febbraio.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Dicembre 2021

Santo Stefano

Santo Stefano

***

Er protomartire, pe primo ucciso,

martirizzato pe difenne Cristo,

lui Stefano, cioè che quann’ha visto

li Celi aperti, er Padre e er Fìo assiso …

***

…  a la Sua destra, lì (e me rattristo)

da sassi lapidato e in più deriso,

mentre moriva, l’attimo preciso,

lui perdonò chi l’ammazzava pisto.

***

Ner calennario segue già er Natale,

come che vita e morte sò un ritorno,

de un disegno de Chi ha vinto er male …

***

… pe ricacciallo in de l’abbisso ar forno,

io porto er nome suo, tal’e quale,

e ce so’ nato propio in de ‘sto giorno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani

25 Dicembre 2021

Natale

Natale

ééé

Si penzo, anche solo pe un seconno,

ch’er nostro Dio, Eterno e Onipotente,

pe fasse riconosce da la gente

de tutti quanti l’angoli der monno …

 ***

… s’è fatto carne e carne d’innocente,

de un Pupo che cià fame, freddo e sonno,

rimango lì incantato in der profonno,

senza riuscì a dì, né fà più gnente.

***

Un Dio che, come l’omo da bambino,

è quarche cosa che er resto ariduce

a meno de un avanzo da cestino.

 ***

Ché qui nun viè de certo pe fà er duce,

puranche ch’è er Padrone der Destino,

ma pe sarvacce a tutti e portà Luce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***