Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 28th, 2021

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Dicembre 2021

Ariva er 2022

Ariva er 2022

***

Ner mentre guardo l’asinello e er bue,

de ‘sto presepio spento a casa mia,

penzo … Natale se n’è ito via,

sta p’arivà er dumilaventidue.

***

Ma stàmo ancora ne la pandemia,

co dati der contaggio a tre pe due

der giorno prima e le varianti sue,

a peggiorà ‘sta zozza malatia.

*****

Ché sò du’ anni che je stamo appresso,

co li progressi de la medicina,

ma tanto er virus gira come adesso.

***

E faccio ‘sti penzieri e m’arimovo,

ner mentre a ‘sto presepio co la spina,

l’accenno e prego che sia un anno novo.

***

Stefano Agostino

_____________________

*****4*

I sonetti romani,Romanamente

Li Santi Innocentini

Li Santi Innocentini

***

Seconno detto antico e tradizzione,

er giorno de li Santi Innocentini

finischeno le feste e li quatrini,

ma nun l’ho mai capita la raggione.

 ***

Ce stanno già lenticche e cotechini,

pronti pe Capodanno e p’er cenone,

c’è er sei gennaio: nun è un’oppignone,

ch’è festa de balocchi e de bambini.

 ***

Ma nun se pò nun èsse poi d’accordo,

cor fatto ch’er ventotto, in saccoccia,

nun ce sta più ‘no spicciolo de sòrdo.

 ***

Ché co ’sta crisi, artro che bisboccia,

e de le feste c’è solo er ricordo,

ché nun se sa ‘ndó sbatte la capoccia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***