Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio, 2022

I sonetti romani,Tempi d'oggi

31 Gennaio 2022

Mortaccilorio

Mortaccilorio

***

Pure stavorta è ita cor proggetto

de ‘mbambolà er popolo italiano,

che poi de certo nun è mica strano,

nemmanco er primo caso co ‘st’effetto.

***

Ma qui se sò impegnati e nun invano,

pe fà vedé che ciànno gran rispetto

de istituzzioni e popolo cadetto,

tra schede bianche e un passà le mano.

***

Così che quattro dì de votazzioni,

je sò serviti pe ‘sta caramella,

facenno crede cambi e innovazzioni.

***

Arto profilo e ‘na donna in sella?

Abbasta nun s’arivi a l’elezzioni.

Lo scranno è sarvo: “Sergio Mattarella”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Gennaio 2022

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

***

Gesù, tornato a Nazaret, parlava

der Regno e de Divini inzegnamenti,

tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …

nun è quer fìo ch’è nato qui?” … ciarlava.

***

“Da ‘ndó je vengheno ‘sti intennimenti

e ‘sta sapienza? … Prima lavorava

cor padre suo Giuseppe eppoi contava

Maria pe madre e tanti pe parenti?”

***

Gesù vedenno quela poca Fede,

disse: “Nissun profeta in casa sua,

viè rispettato e qua nun Me se crede!”

***

Così che disse co malinconia:

“Che triste èsse estraneo in patria tua”,

e detto fatto se n’è ito via.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Gennaio 2022

Li giorni de la merla

Li giorni de la merla

***

Se dice de ’sti giorni che ’na merla,

in lotta contro er gelo de Gennaio,

se rintanò in attesa de Febbraio,

niscosta ‘ndentro ar centro de ’na gerla.

*** 

Boiaccia, era un comignolo! Che guaio!

Quanno sortì fu peggio de ’na sberla:

da ch’era entrata tinta griggio-perla,

mó era de un neraccio carbonaio.

*** 

Così Gennaio poi s’è allungato,

logranno ar mese dopo, a fàllo corto,

un par de giorni interi j’ha rubbato.

*** 

Quest’è er racconto, pure un po’ contorto,

pe dì che pe combatte contr’er Fato,

più t’annisconni, più te dice storto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Gennaio 2022

Qua la mano

Qua la mano

***

Nun preoccupatte mai più der dovuto,

la vita va veloce e nun t’aspetta,

pe quanto te l’allunghi, damme retta,

lei t’ha fregato già un artro minuto.

***

Ché co ’sta smania tua, tutta ’sta fretta,

che ciài da sempre e che ce sei cresciuto,

pe staje appresso a tutto … te saluto,

fai li guadambi de Maria Carzetta.

***

Solo un conzijo er mio, nun fà ’no scatto,

ma prova a raggionà si nun è sano

siglà ’na mezza spece de contratto …

***

… e dì a la vita: “Damme qua la mano,

vòi èsse topo? Io nun faccio er gatto,

tu va’ de prescia, io me movo piano!”

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2022

Er genocidio è senza colore

Er genocidio è senza colore

***

È giusto celebbranne la memoria,

de la Shoah e lo schifo nazzista,

da mette sempre in cima a quela lista

de le zozzate umane in graduatoria.

***

Conzideranno er negazzionista

de l’olocausto, come de la storia,

ar pari de un comprice pe boria,

ar credo ch’è er più infame mai che esista.

***

Ma è uguarmente poi un granne erore,

nun guardà più a ‘gni eccidio perpetrato

da l’omo de ‘gni epoca e colore.

***

Ché nun ce vonno occhi come lince,

pe interpretà er futuro cor passato,

scrive la storia poi … solo chi vince.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

26 Gennaio 2022

Er treno de li ricordi

Er treno de li ricordi

***

A vorte, senza che ce sia motivo,

se mette in moto e sbuffa ner cervello,

er treno der passato cor fardello,

pe ’gni vagone de un ricordo vivo.

***

A le stazzioni sona er campanello,

quelle ’ndó sale un fatto decisivo,

che nun segnala mai l’ora d’arivo,

e cià li connotati a indovinello.

***

Così er ricordo de la vita scórza,

si nun fai gnente pe cambià binario,

te spigne verzo quela vecchia corza.

***

Nun je dà retta, finché sei in orario,

scenni dar treno, fusse pure a forza,

torna ar presente e arza tu er sipario.

***

Stefano Agostino

_______________________

 

I sonetti romani,Romanamente

24 Gennaio 2022

‘Na gran presa p’er Colle

‘Na gran presa p’er Colle

***

Comincia quinni ‘st’artra pantomima,

de chi sarà er novo Presidente

de la Repubbrica, mica de gnente,

de cui nun se conosce nome e stima.

***

Ar via l’elezzione e er voto assente,

la scheda bianca vince già la prima,

che viè poi da penzà co scritto in rima

a che segnà sur fojo veramente.

***

Se cerca un perzonaggio de decoro,

de indubbie qualità e d’omo terzo,

lontano da l’impicci de ‘gni foro.

***

Ma a trovallo poi mica è ‘no scherzo,

chi tenghi ar Paese e nun a loro,

che già cercallo pare tempo perzo.

***

Stefano Agostino

______________________

***