Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 26th, 2022

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Novembre 2022

Dar Vangelo der giorno: “er padrone de casa cor ladro”

Dar Vangelo der giorno:

“er padrone de casa cor ladro”

***

Gesù j’ariccontò der suo ritorno,

quanno verà ner giorno più propizzio,

p’annacce preparati da l’inizzio

e nun finì a coce indentro ar forno.

***

Quanno ritornerà, mica pe sfizzio,

c’è chi verà portato via de torno,

c’è chi verà lassato e là quer giorno,

se compirà poi er tempo der Giudizzio.

***

Je disse a li discepoli: “Vejate,

ché nun saprete er tempo der soqquadro,

quanno che tornerò e ve preparate …

***

… come potrebbe fà, pe favve un quadro,

chi cià ‘na casa e tiè l’armi puntate,

pe quanno, in piena notte, venghi er ladro”.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Avvento

Avvento

***

Ma quant’è bello er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che un’attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno ch’è la Notte de l’Evento.

 ***

Chi mette in scena er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

man mano s’avvicina quer momento

e più ‘gni strada se colora accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

aprenno ar dì un’artra finestrella,

così riscopre tutto er campionario …

 ***

… dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar biscotto o l’incontrario,

un attimo e er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***