Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Novembre 2017

Er primo passo

Er primo passo

***

Ner mentre der comincio de l’inizzio,

quanno che stai pe fà er primo passo,

sur punto de protenne er piede basso,

e move er corpo avanti, guasi a sfizzio, …

***

… ar tempo de avanzà er passo a spasso,

te blocchi là ne l’attimo propizzio,

come si fussi a bordo a un precipizzio,

e immobbile arimani fermo e lasso.

***

Abbasterebbe solo spostà er piede

fà er primo passo e proseguì er cammino,

ma nun ce riesci e nun riesci a vede …

***

… che a seguità così, ner tuo destino

arimarai pe sempre e solo a sede,

fin quanno te sportronerà er becchino. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Mejo scèje e poi sbajà che l’immobilità: l’erore armeno ‘nsegna!!!
    Mejo entrà in campo, combàtte, vìve, a costo de soffrì, piuttosto che restà perennemente in panchina a guardà l’artri…
    Mejo decìde, scèje, osà, rischià, tentà ‘na strada che te potrebbe portà a vìnce, piuttosto che continuà a esità e tergiverzà, che ne la perenne ‘ncertezza c’è sconfitta sicura!

    Comment by Silvio — 9 Dicembre 2013 @ 10:48
  2. Bel sonetto e bel commento di Silvio, che ha detto tutto: meglio sbagliare (ma poi c’è la certezza di sbagliare?), che restare inerti a guardare il mondo che va avanti.

    Comment by letizia — 9 Dicembre 2013 @ 12:34
  3. Se dice: o la và a ola spacca. Io me so’ ‘n sacco dimenato, e a la fine ho quasi sempre …. spaccato e, anzi, anzi, potevo pure sta peggio.
    Chissà, vòrà di che jellati ce se nasce e allora? Che ce vòi fa’?!

    Comment by 'svardoASR'29 — 9 Dicembre 2013 @ 18:01
  4. Ner mentre der comincio de l’inizzio,
    quanno che stai pe fà er primo passo,
    sur punto de protenne er piede basso,
    e move er corpo avanti, guasi a sfizzio, … (continua)

    Comment by Stefano — 27 Novembre 2017 @ 06:02
  5. Tra il dire il fare c’è di mezzo il mare… Questa tua riflessione ha ispirato molti proverbi. Le buone intenzioni non contano, le parole nemmeno, ciò che ha valore sono soltanto i fatti. Insomma, possiamo fare programmi e immaginare, sperare e volere qualcosa ma ricordiamo sempre che un desiderio non sposta nulla, l’inerzia si muove solo con l’azione!

    Comment by Silvio — 27 Novembre 2017 @ 09:33
  6. Bongiorno. Magari fosse cosi semprice: t’arzi e movi ‘e zampe e cammini. Lo pòi fa’ e l’hai da fa’, quanno tieni ‘a forza pe fallo. Poi vie’ er momento che arzatte costa fatica e arimani a sede a aspettà er becchino. Lo sto a aspetta’ da quarche giorno.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 27 Novembre 2017 @ 10:42
  7. E’ il caso di dire “chi si ferma è perduto”. Quindi, anche se lentamente, bisogna andare avanti almeno fino a che Dio ce lo concederà!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 27 Novembre 2017 @ 12:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>