Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Febbraio 2014

Chiacchiere

Chiacchiere

***

Ammazza quanto pò ferì ‘na bocca,

c’è er detto, infatti, più lei che ‘na spada,

co ‘na calunnia o farzità che vada

in giro, come diceria, a chi abbocca.

***

‘Na lingua biforcuta se fa strada

ner diffamà er poraccio a cui je tocca

pijasse la nomea, spesso farlocca,

quarziasi cosa faccia o che j’accada.

***

Ché quanno stamo a infamà er vicino,

ner chiacchieraje da dietro a le spalle,

nun famo mejo der peggio assassino.

***

Ma un antivirus c’è a chiacchiere e galle,

prima de faje fà danni e casino:

er nun sentille e er nun riportalle.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Ammazza quanto pò ferì ‘na bocca,
    c’è er detto, infatti, più lei che ‘na spada,
    co ‘na calunnia o farzità che vada
    in giro, come diceria, a chi abbocca. … (continua)

    Comment by Stefano — 20 Febbraio 2014 @ 08:43
  2. Chi non cade nella trappola del pettegolezzo è benedetto da Dio!

    Comment by Silvio — 20 Febbraio 2014 @ 09:22
  3. Però, come da foto, er mijor posto pe spettegola’ è propio er sagrato de ‘na chiesa.

    Comment by 'svardoASR'29 — 20 Febbraio 2014 @ 10:00
  4. A me piacciono solo le chiacchere che si mangiano (a Roma si chiamano frappe)!

    Comment by letizia — 20 Febbraio 2014 @ 11:09
  5. Io non partecipo mai ai pettegolezzi di corridoio che sento in ufficio…dovessero ritorcermisi contro prima o poi!

    Comment by principessa — 20 Febbraio 2014 @ 13:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>