Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

***

Ciaveva da soffrì e anche parecchio,

salì a Gerusalemme p’èsse ucciso,

così j’ariccontò e Pietro, deciso,

je disse: “Nun ciannà”, un po’ de sottecchio.

***

Gesù arispose: “Vattene”, conciso,

“Lungi da me, de satana sei specchio,

ma te n’accorgerai, quanno, da vecchio,

dovrai da annà ‘ndó nun l’hai condiviso.

***

Chi vò venì da Me scerga, veloce,

de vive già a rinnegà se stesso,

e accetti inzieme a Me la propia croce.

***

Chi vò sarvà ‘sta vita è da cipresso,

ma chi la perderà pe ‘sta Mia voce

la sarverà, e lì Me verà appresso”. 

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Ciaveva da soffrì e anche parecchio,
    salì a Gerusalemme e venì ucciso,
    così j’ariccontò e Pietro, deciso,
    je disse: “Nun ciannà”, un po’ de sottecchio. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 Settembre 2015 @ 08:43
  2. Questi versi sono bellissimi e ispirati dall’Alto! Ognuno di noi deve portare la propria croce e seguire Gesù che porta la sua, molto, ma molto più pesante delle nostre!
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 13 Settembre 2015 @ 11:00
  3. Prendiamo sulle spalle la nostra croce giornaliera e, lieti, seguiamo Gesù sulla Via della Gloria!
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 3 Settembre 2017 @ 12:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>