Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Ottobre 2015

La famija

La famija

***

Ma quant’è bello avecce ‘na famija

de padre e madre, come Dio commanna,

che te protegge, aiuta e nun te ‘nganna,

sin dar tuo primo battito de cija.

***

‘Ndó c’è quarcuno sempre che s’addanna

a che quer che ner monno t’accapija,

rimanga fòri e fa come conchija

la casa quar che sia, pure capanna.

***

Che pur tra impicci, guai e fà questioni,

sinnò nun è famija, è fantasia,

tra giorni amari e sfasci de cojoni …

***

… sai d’aringrazzià er Cèlo che ce sia,

come m’ha dimostrato in più occasioni

la più mejo de tutte, ossia la mia.

***

 Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Ma quant’è bello avecce ‘na famija
    de padre e madre, come Dio comanna,
    che te protegge, aiuta e nun te ‘nganna,
    sin dar tuo primo battito de cija. … (continua)

    Comment di Stefano — 6 Ottobre 2015 @ 08:22
  2. E’ calzante la metafora: la famiglia è conchiglia che protegge, educa, riscalda e consola dai guai!
    Col passare degli anni, osservando il mondo con attenzione, ho constatato che un adulto emotivamente stabile e mentalmente equilibrato è non a caso cresciuto in una conchiglia sicura!

    Comment di Silvio — 6 Ottobre 2015 @ 09:47
  3. La famiglia è la cosa più importante dei popoli, è la base di uno Stato. Purtroppo, sembra che moltissime famiglie odierne stanno andando a rotoli e, infatti, si vede quello che succede nel mondo.
    Buona giornata!

    Comment di letizia — 6 Ottobre 2015 @ 14:00
  4. Ciao Ste’, ch’è successo? Mica m’avrai bannato!?

    Comment di 'svardo AsR '929 — 7 Ottobre 2015 @ 13:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>