Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

1 Febbraio 2016

Febbraio bisesto

Febbraio bisesto

***

Quest’anno che, se sa, viè ch’è bisesto,

febbraio ch’entra oggi e ch’è ninetto,

s’allunga de un anticchia, de un pochetto,

ch’è poi un giorno intero, si pe questo.

***

Rimane sempre corto, er piccoletto,

ma cià er ventinove a fà un innesto,

pe allignà er tempo manifesto

cor monno ch’ariggira er Sole netto.

***

Così ch’abbasteno ventiquatt’ore,

pe fà sembrà ‘sto mese guasi uguale

a l’artra undicina ch’arincore.

***

Pe arimané in tema cor suo stato,

essenno er mese ch’è der Carnevale,

quest’anno anche lui viè ammascherato.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Quest’anno che, se sa, viè ch’è bisesto,
    febbraio ch’entra oggi e ch’è ninetto,
    s’allunga de un anticchia, de un pochetto,
    ch’è poi un giorno intero, si pe questo. … (continuo)

    Comment by Stefano — 1 Febbraio 2016 @ 08:45
  2. Bongiorno e BONMESE de febbraro, da tutti paventato “corto e amaro”, csusa er freddo che se porta appresso. Cercamo de pijallo alla mejio, così come vie’; speranno che ce portì verso ‘na staggione senza tanti capricci. A visto mai che ce arigala ‘no scossone da levacce de torno er “bimbo minchia”? Vorebbe vede’ ‘na “manita de stelle”.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 1 Febbraio 2016 @ 09:30
  3. L’anno bisesto allunga di un giorno la vita di tutti noi, 24 ore in più da vivere, dipende da noi spenderle bene!

    Comment by Silvio — 1 Febbraio 2016 @ 11:41
  4. Buonasera e Buon febbraio che “grandi e piccoli imbacucca”! Oggi ha fatto caldo: andiamo verso la Primavera!

    Comment by letizia — 1 Febbraio 2016 @ 19:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>