Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Febbraio 2018

La memoria der pesciolino rosso

La memoria der pesciolino rosso

***

Se dice ce sia er pesciolino rosso

co ‘na memoria, la più corta ar monno,

cancella tutto come un gran ber sonno,

quer ch’è successo e che j’è ito addosso.

***

Ar massimo aricorda, e manco a fonno,

ciò ch’è accaduto, de piccolo e grosso,

indentro a quer suo acquario, carmo o mosso,

ne l’urtime frazzioni de seconno.

***

Ma se pò dì che la stessa memoria

ce l’hanno in tanti de italiani adesso,

se sò scordati de la nostra storia.

***

Sò pronti a ridà er voto pari e istesso

a chi ha arubbato tutto e a daje gloria,

invece de buttallo in fonno ar cesso.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Se dice ce sia er pesciolino rosso
    co ‘na memoria, la più corta ar monno,
    cancella tutto come un gran ber sonno,
    quer ch’è successo e che j’è ito addosso. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Febbraio 2018 @ 05:01
  2. Bongiorno. E’ ‘na tristezza dove’ constata’ de fa’ parte de ‘n popolo de smemorati. Speramo in un rinsavimento ‘mprovviso.

    Comment di 'svardo — 21 Febbraio 2018 @ 07:15
  3. Mi sono estraniata da tutto quello che in tv riguarda la “politica”: mi devo ricordare solo di tutti coloro che non devono essere rieletti e vedo che rimane ben poco. Fintanto che non faremo una rivoluzione seria le cose rimarranno sempre le stesse.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 21 Febbraio 2018 @ 12:00
  4. La memoria corta è una zavorra che impedisce a un paese di progredire. Cancellare la storia significa non imparare nulla!

    Comment di Silvio — 21 Febbraio 2018 @ 12:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>