Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Febbraio 2019

Bastà a noi stessi

Bastà a noi stessi

***

Quanno lo capiremo tutti quanti,

che si badamo a noi e a l’artri zero,

se costruimo attorno un cimitero,

de quelli senza tombe e senza santi.

***

Er fatto è comprovato, sto a dì er vero,

ché più guardamo a noi come importanti

e l’artri li tenemo assai distanti,

più ce vié appresso giù quer velo nero …

***

… che ce fa grugni cupi e sguardi tristi,

e crede de abbastà soli a noi stessi,

come che fanno tanti illusionisti …

***

 … in grado sempre d’arifacce fessi,

cor mito de un “io” da egoisti,

a anticipà l’ombra de li cipressi.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Quanno lo capiremo tutti quanti,
    che si badamo a noi e a l’artri zero,
    se costruimo attorno un cimitero,
    de quelli senza tombe e senza santi. …

    Comment by Stefano — 25 Febbraio 2019 @ 05:35
  2. Mi hanno detto che sono asociale, ma ho tutte le ragioni di esserlo con tutti i rompiglioni che ci sono in giro…! Ma, comunque non è vero!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 25 Febbraio 2019 @ 17:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>