Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

5 Novembre 2019

Nun dimo sciocchezze

Nun dimo sciocchezze

***

Nun se pò contestà quanno ch’è amore,

ma quello romanista pare, a vorte,

annà ben ortre, in congetture storte,

che pe capille ce vò un gran dottore.

***

Adesso, dopo che ‘na strana sorte,

co l’infortuni ha acceso ‘sto motore,

nun pò mai diventà certo un tremore,

er fatto che poi torneno le scorte.

***

A avecceli probbremi d’abbonnanza,

co tanti giocatori per ‘gni ròlo,

c’è ‘na staggione d’affrontà a ortranza …

***

… e si da poco che s’è preso er volo,

vor dì che co più gente in militanza,

nessuno s’ha più da sentisse solo.

***

Stefano Agostino

***

  1. Nun se pò contestà quanno ch’è amore,
    ma quello romanista pare, a vorte,
    annà ben ortre, in congetture storte,
    che pe capille ce vò un gran dottore. …

    Comment di Stefano — 5 Novembre 2019 @ 05:16
  2. La stagione è piena di insidie, di gare ravvicinate, di infortuni, di squalifiche e di imprevisti in generale, senza una panchina lunga è impensabile arrivare in zona Champions e onorare fino in fondo gli impegni di Coppa.
    P.S. Zaniolo e Mancini sono dei top players e avranno una carriera luminosa: l’AsRoma dovrebbe cercare di trattenerli e costruire un progetto ambizioso partendo da loro!

    Comment di Silvio — 5 Novembre 2019 @ 10:55
  3. Io vorrei che tutti i giocatori fossero riconfermati (io li considero miei cari figli), ma con questa presidenza assente e affamata di quattrini ho molta paura che …! Spero ardentemente di sbagliarmi.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 5 Novembre 2019 @ 11:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>