Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

14 Aprile 2021

Er tramonto

Er tramonto

***

Seconno me Iddio che l’ha creato,

quanno che s’aripassa tutt’er conto,

de quanti amori sboccieno ar tramonto,

se dirà sempre: “Me so’ superato!”

***

Er sole a l’orizzonte ner raffronto,

nun cià dipinto che l’ha pareggiato,

tarmente bello da mozzatte er fiato

e imbambolatte fin’a fàtte tonto.

***

Mentre se tuffa, lento, e fa un saluto,

a dà l’urtimi raggi, a poc’a poco,

pe tigne un celo panno de velluto.

***

Te pare de capillo, pressappoco,

quanno se spegne e lì t’accorgi, muto,

che ’gni tramonto è come chiude er gioco.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Seconno me Iddio che l’ha creato,
    quanno che s’aripassa tutt’er conto,
    de quanti amori sboccieno ar tramonto,
    se dirà sempre: “Me so’ superato!” …

    Comment by Stefano — 14 Aprile 2021 @ 07:04
  2. Il tramonto è la realtà che supera la fantasia: nessun tecnico delle luci avrebbe infatti potuto concepire un set cinematografico così magnifico e straordinario!

    Comment by Silvio — 14 Aprile 2021 @ 10:14
  3. Il tramonto a Roma lascia senza respiro! Solo un Pennello Divino poteva dipingerlo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 14 Aprile 2021 @ 12:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>