Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Maggio 2021

Che inoculata

Che inoculata

***

E adesso poi c’è ‘st’artra barzelletta:

quella de prenotasse ‘sto vaccino,

a mezzanotte in punto, cor lumino,

te devi mette in fila e a manetta …

***

…pe guadambiatte er posto più vicino,

ner tempo che te score in tutta fretta,

pe fàtte fà la dose prediletta,

e rischi de stà lì fin’ar matino.

***

Er Pfizer quello ch’è più gettonato,

poi ar seconno posto c’è Moderna,

vai a cercà ‘ndov’è somministrato.

***

Ché l’artri due de tutta la quaterna,

nun ciànno gran richiamo inoculato,

pe via de l’efficacia subbarterna.

***

In”o”culato che nun è sbajato,

pe quela “O” sia grazzia sempiterna,

ché senza già direbbe er risurtato.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. E adesso poi c’è ‘st’artra barzelletta:
    quella de prenotasse ‘sto vaccino,
    a mezzanotte in punto, cor lumino,
    te devi mette in fila e a manetta …

    Comment by Stefano — 11 Maggio 2021 @ 06:43
  2. Poco più di un anno fa non avrei mai creduto che la quasi totalità della popolazione fosse così impaziente di farsi INOCULARE!

    Comment by Silvio — 11 Maggio 2021 @ 08:25
  3. Fantastico il commento di Silvio! C’è da dire che il tamtam mediatico ha funzionato bene!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 11 Maggio 2021 @ 09:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>