Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

5 Giugno 2010

Er buffone – Trilussa

  1. Quant’è vero! Buffone nun è solo quello de corte, li cortigiani lecconi, ma puro quelli che co’ la scusa d’aita’ er popolo se so’ fatti li cacchi propi. Co’ l’esperienza de oggi, me vie’ da domannamme: ma tutti li scioperi che m’hanno fatto fa’, ereno propio giusti e necessarì? Quante cose ottenute forzanno la mano a chi comannava a l’epoca e poi arimagnate quanno le parti se so’ ‘nvertite

    Comment by 'svardo — 5 Giugno 2010 @ 17:39
  2. Oggi nu je crede più gnisuno.

    Comment by 'svardo — 5 Giugno 2010 @ 17:40
  3. Se ti piace la pagina (https://www.facebook.com/photo.php?fbid=555771611115966&set=a.553865911306536.146724.553840884642372&type=1&theater) metteresti con un post su facebook un piccolo invito a visitarla? 🙂 …non mi fa scrivere sulla tua bacheca di facebook e quindi ti cerco qui, complimenti per il sito!
    Buona giornata!

    Comment by riccardo — 3 Febbraio 2013 @ 09:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>