Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

18 Aprile 2011

La bìra artiggianale

la bìra artiggianale

La bìra artiggianale

***

Hai mai provato er gusto sopraffino,

che riesce a dà ‘na bira artiggianale,

prodotta co la cura maniacale

e la curtura de chi crea er vino?

***

Nun parlo quinni de quela ‘ndustriale,

che cià ‘n sapore bono p’er panino,

questa è de un artro passo e cammino,

che ‘gni sorseggio mano a mano sale.

***

Nun ce n’è una da lo stesso aroma,

ognuna cià er carattere e sapore,

 ch’è suo pe DNA e cromosoma.

***

E’ pure variopinta pe colore,

‘no spettro intero tra queli de Roma,

 già solo questo merita l’onore.

***

Stefano Agostino

____________________________ 

  1. Grande rima per grande degustazione. Sento ancora il gusto dei luppoli americani, della castagna, dell’acqua del Gran Sasso e del miele, il retrogusto piccante, la luna piena e il cuppolone.

    Comment by ultravaglio — 18 Aprile 2011 @ 09:47
  2. Maremma , un so’ passate tanto bene dodici ore e già l’ è uscito fori un sonetto ,complimenti !!
    Bonissima la birra della Tuscia e dell’Amiata, la prossima volta me dovete portà da bere co’ la fionda..

    Comment by laura — 18 Aprile 2011 @ 10:26
  3. E’ proprio così amico mio, la birra artigianale c’ha un un altro passo, un’altra camminata rispetto a quella industriale. Livello e qualità superiori esaltati ieri anche dalla spettacolare ubicazione nel cuore verde di Roma nostra: Gianicolo e villa Panphili alle spalle, Cupolone eterno di fronte, pace, bellezza, arte e storia!

    Comment by Silvio — 18 Aprile 2011 @ 10:26
  4. buona la birra è l’unica cosa che mi piace e che bevo …. fredda mi sta venendo una gran voglia 🙂

    Comment by Federica_Perla — 18 Aprile 2011 @ 16:06
  5. Ok, me dispiace de nun avella mai provata. Chissà se farò ‘n tempo?! Dice che nun è mai troppo tardi.Quello che vòjo spera’ è de nun dove’ adopra li pedatori ‘n maja giallorossa pe’ ‘na nòva marca de bira. Vincessero armeno ‘sta coppetta Timme, sinnò propio ‘a bira ce famo.

    Comment by RomamoR — 18 Aprile 2011 @ 19:10
  6. Vòrdì che ‘n compenzo, stasera me fò ‘na lattina de bira da mezzo litro a 8 gradi arcolici.

    Comment by RomamoR — 18 Aprile 2011 @ 19:12
  7. Grande omaggio alla “Campacent’anni”! Dì la verità, Stefano, per scrive sto sonetto sulla Bira… hai usato na Biro, nevvero?

    Comment by Luis — 18 Aprile 2011 @ 21:49
  8. Luis, ma che m’hai visto? Grazie a tutti per i commenti e i complimenti.

    Comment by Stefano — 19 Aprile 2011 @ 08:16
  9. Quando fai un sonetto sui filetti di baccalà?

    Comment by laura — 19 Aprile 2011 @ 19:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>