Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

13 Novembre 2021

Senza titolo

Senza titolo

***

Dà un titolo nun sempre è appropiato,

così a un sonetto, come a ’na perzona,

basta sortanto che ce se raggiona,

er nome è un quadro ch’è solo abbozzato.

***

Si un titolo più spesso è cosa bona,

p’entrà ner tema e disegnà un tracciato,

a vorte, invece, è quanto mai sbajato,

quanno porta un giudizzio che bastona.

***

Nun è che pò stà tutto dentro a un nome,

anche si è in bella vista o in neretto,

si nun se sanno er quanno, er dove, er come.

***

Chi nun se ferma ar titolo in grassetto

e nun se fida mai de un soprannome,

avrà capito er senzo der sonetto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani

12 Novembre 2021

Er novello

Er novello

***

Novembre mette in tavola er novello,

ch’è er primo vino, fresco de zampillo,

co quer sapore che nun riesci a dillo,

sì, sa de mosto, ma un tinticarello.

 ***

Der vino rosso, ce pò avé er siggillo,

ma qui er rubbino è come un acquerello,

famo a capisse, è vino, no vinello,

ma è meno forte e nun te lassa brillo.

 ***

Solo ch’è un po’ come er canto der gallo,

che “chi-chi-ri-cchi” strilla pe trastullo,

poi esce er Sole e smette de cantallo…

 ***

…così er novello tira presto er collo,

che a metà dicembre ormai è già da frullo,

bevilo prima e fàttece satollo!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Novembre 2021

L’11 de novembre: San Martino

L’11 de novembre: San Martino

***

L’unnici de novembre è San Martino,

quello famoso che tajò er mantello,

e lo smezzò pe riscallà un porello,

ch’ebbe incontrato nudo p’er cammino.

***

Da ch’era brutto, pioggia e venticello,

er Sole se stanò dar nasconnino,

sortì de fòra e stemperò er matino,

ché nun servì più lana e manco ombrello.

***

E quanno che fu notte e buio pesto

a San Martino, poi, j’apparve in sogno

Cristo pe ringrazziallo de quer gesto …

***

… E je promise che in quele giornate

da lì e pe sempre a chi ce n’ha bisogno,

j’avrebbe arigalato un dì d’estate.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

10 Novembre 2021

Li storni

Li storni

***

Tramonto: sopra l’arberi appizzati,

se sente tutto a un tratto ’na caciara,

da un ramo a l’artro un sòno de fanfara,

de ronzettii diverzi, ma ’ntonati.

***

A fà ’sto gran bordello e ’sta cagnara,

sò l’ucelletti, tutti annuvolati,

che ariveno in città, ’ndó sò scallati,

quanno de ’nverno er sole è merce rara.

***

Ma a parte ’sto casino cippettante,

che t’arintrona er timpano e te spacca,

c’è un fatto ch’è assai più preoccupante …

***

A l’arba, quanno er primo in volo stacca

e tutti inzieme parteno a l’istante,

ce lasseno ner “guano”, ossia la cacca!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Novembre 2021

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

***

La Festa pe la sua Dedicazzione,

de la Basilica de San Giovanni,

er nove de novembre, tutti l’anni,

cià ‘na sua ben specifica raggione.

***

Ché sta Basilica veste li panni

de Madre de le Chiese, pe missione,

de tutto er monno e ‘sta motivazzione

ne spiega, quinni, er festeggià li scranni.

***

E da li tempi antichi simboleggia,

da sede vescovile quale ch’era,

er popolo cristiano che Je inneggia …

***

… ar Dio Artissimo, de giorno e sera,

perché giunga ar Suo Trono e Sua Reggia,

der monno intero, l’umile preghiera.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

7 Novembre 2021

La vita nun è un gobbo

La vita nun è un gobbo

***

’Sta vita nun è córe dietr’a un gobbo,

che dètta tempi e scrive parti e testi,

d’arispettà pure che nun voresti,

come che si è Natale fai l’addobbo.

***

Ce sò momenti e fiati e senzi e gesti,

mó sturete l’orecchio o qui te snobbo,

che stanne certo, amico, in tutto er globbo,

nun ce sta “rullo” che mai li contesti.

***

Sò l’attimi che più ce fanno vivi,

quelli che nun pòi mai sapé a priori,

nun ciànno orari de “Partenze e Arivi”.

***

Accanna, quinni, li suggeritori,

èssi te stesso e finarmente scrivi,

la vita tua ch’è tua, finché nun mòri.

***

Stefano Agostino

______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

Venezia – Roma

Venezia – Roma: 3-2

***

Stavorta nun te do più attenuanti

co questi nun pòi perde propio mai,

nun se capisce più cos’è che ciài,

ma è chiaro che così nun se va avanti.

***

Riacchiappi su rimonta poi ‘ndó vai?

Sparisci anni luce più distanti,

subbisci ‘na rimonta e pe costanti.

nun ciài idee pe capì che fai.

***

Quer che spaventa è che manca er gioco,

co tutti li reparti sotto tono,

e nun se sa com’è ch’è tutto fioco.

***

E nun aggiungo artro ché so’ bono,

ma certo che me pare pressappoco,

che ce sta un buco peggio che a l’ozono.

***

Stefano Agostino

***