Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Gennaio 2020

Dar Vangelo der giorno: “ecco l’Agnello de Dio”

Dar Vangelo der giorno: “ecco l’Agnello de Dio”

***

Quanno Gesù s’approssimò ar Battista

e lo guardò ne l’occhi in der profonno,

in quer momento esatto e in quer seconno,

Giovanni disse a chi je stava a vista: …

***

… “Ecco Colui che viè pe destà er sonno,

de chi è addormito ner peccato e acquista

co Lui la Redenzione, Lui ch’è in pista

pe toje li peccati in tutt’er monno.

***

Io ve battezzo in acqua, ma Lui accanto

er Fìo de Dio, Gesù, Lui ch’è l’Agnello

viè e ve battezzerà in Spirito Santo.

***

Va avanti a me, pe fàcce da Fratello,

io l’ho testimognato e questo è quanto

e nun vedevo l’ora de vedello”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

18 Gennaio 2020

Trilussa – Er barbiere e l’avventore

Er barbiere e l’avventore

***

In questo qui so’ come San Tommaso

o Sonnino o Giolitti, sia chi sia …

– Famme la barba, Pippo, tira via …”

– Er proletario ormai s’è persuaso

***

che si un governo de la borghesia

sfrutta er lavoratore, in de ‘sto caso …

– Abbada, Pippo, me ‘nsaponi er naso …

– È tanto peggio pe la monarchia.

***

– Peggio pe me, me scortichi, fa’ piano …

– Ma intanto er socialismo progredisce …

– Attento ar pedicello… – E a mano a mano …

***

– M’hai fatto du’ braciole sur barbozzo …

– Un giorno o l’antro sa come finisce?

– Finisce che me taji er gargarozzo!

***

Trilussa

___________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Gennaio 2020

Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate

***

Gennaio diciassette, oggi aricore

er giorno ch’è de Sant’Antonio Abate,

er Santo che da quanno ch’era frate

vivette da eremita tutte l’ore.

***

“Quer che ciavete voi … che lo doniate”

quest’era er suo principio, er suo motore,

ar punto che se chiuse p’er fervore

in de ‘na grotta a vive e a magnà a rate.

***

La tradizzione vole aricordallo

come ch’er protettore d’animali,

da ‘gni maiale a un cane, un gatto e un gallo.

***

Ché ancora oggi bestie e allevatori,

ner dì che in lui der Celo cià natali,

se fanno benedì anime e còri.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Gennaio 2020

Er pessimista cosmico

Er pessimista cosmico

***

De un pessimismo che nun cià confronto,

stai fisso ar due novembre e nun te smove

felicità, eppure ciài le prove,

‘gni giorno da che arbeggia ar tramonto.

***

Ché pure quann’è bello dici: “piove”,

co un’aria sconzolata ch’è ‘no smonto

de ‘gni soriso e ilarità co sconto

che ciò perzino la prova der nove.

***

Quanno te ‘ncontro, sempre rabbuiato,

te chiedo: “Come va?” – Me dichi: “Bene” –

“Si stavi male, t’eri già ammazzato?” –

***

E m’arisponni: “Si sto bene adesso,

me pò annà solo peggio” e a palle piene

penzo che più te incontro e più me stresso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Gennaio 2020

Nun puntà er dito

Nun puntà er dito

***

Nun puntà er dito mai, ché serve a zero,

tanto er puntato guasi mai l’ammette,

aiuta assai deppiù portà a rifrette,

chi cià d’arischiarà quer che cià nero.

***

Intenno ch’è più mejo dì: “Permette?

Ma io l’arivedrebbe ‘sto penziero,

ar posto suo”, mostrannoje davero

‘ndó pò cambià, si solo ce se mette.

***

Si quello è intelliggente ce raggiona,

e si er conzijo è bono e va seguito,

magara poi da sé se perfezziona.

***

Si invece nun lo segue e arimpettito

continuà a èsse la stessa perzona,

c’è d’arzà er medio, più che puntà er dito.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2020

Un incubbo

Un incubbo

***

Ciò un incubbo che a vorte se presenta,

che un giorno a l’improviso, tutt’a un botto,

nun me viè più ‘na rima, vero scotto,

ch’è da pagà si nun ce s’accontenta.

***

Come che un incantesimo s’è rotto,

ne l’incubbo che spesso me spaventa,

nun m’esce manco un verzo e me sgomenta

er fojo bianco che resta là sotto.

***

Ma poi sòna la sveja e lì me desto,

e penzo a ‘na parola e a come rima,

e si ce sta ner senzo e ner contesto.

***

E l’incubbo se scioje pe l’assioma

ché tanto ariverebbe sempre prima,

la rima che me viè … si dico ROMA.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Gennaio 2020

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, er Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“So’ io che t’ho da battezzà? M’è strano”.

***

Gesù je fece: “Lassa fà ar Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allora, nun parlò più invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Cèli e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è er Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***