Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

20 Novembre 2022

Er titolaccio a nove colonne

Er titolaccio a nove colonne

***

Er titolaccio a nove colonne,

quello d’effetto che te spiega tutto,

puranche ch’è più strano, zozzo, brutto,

basta che attiri poi l’opposte sponne…

***

… e poco importa che sia solo frutto

d’assurde fantasie e che annisconne

er vero o che poi ce diventi inzonne

er poveraccio che ne viè distrutto…

***

… deve corpì le menti co li sguardi,

pure che scrive un monno de fregnacce,

abbasta pe fà vènne e fà mijardi…

***

… senza mai rivelà chi sò le facce,

de quella granne massa de buciardi,

che smascherati nun lasseno tracce.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Novembre 2022

Cristo Re de l’Univerzo

Cristo Re de l’Univerzo

***

È er dì de Cristo Re de l’Univerzo,

pe noi cristiani er vero capodanno,

intenno dì in Liturgia parlanno,

se chiude un anno e s’apre uno diverzo.

***

E datosi che oggi inizzia l’anno,

dovremmo festeggià mica pe scherzo,

pe rènne meno propio, e no introverzo,

er Credo che annamo professanno.

***

E ‘gni famija unita ch’è in preghiera,

pe ricordà che Cristo è Re der monno,

sarebbe la più lucida magnera …

***

… pe celebbrà ‘sta Festa fino in fonno,

in modo che pe ‘na giornata intera,

 se viva da cristiani in der profonno.

***

 Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

Qatar 2022

Qatar 2022

***

Comincia l’avventura der mondiale,

che noi guardamo solo dar divano,

è già er seconno in fila e assai fa strano,

sapé l’Italia a casa tal’e quale.

***

Mondiale in Qatar, autunno sano,

già questo cià ben poco de normale,

ma è er sòrdo a regge er monno, è naturale,

er carcio in questo è sempre in primo piano.

***

Sò morti pure un sacco de operai,

pe costruì ‘sti stadi ner deserto,

co emissioni zero, quanno mai.

***

In un paese dimo poco aperto

in diritti civili e lo saprai,

rispetto pe la donna mai coperto.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Novembre 2022

“Black friday”

“Black friday”

***

Artra invenzione che sa de scimmiotto

e che, perciò, nun pare un’invenzione,

è er “black friday“, de derivazzione

americana e manco sotto sotto.

***

Nasce, come ce dice tradizzione,

da un venerdì ch’è nero, si fa er botto

cor crollo de la Borza e paga scotto

chi venne da sfiorà la recessione.

***

Così “black friday“, pe analoggia,

vò indicà quanno che ‘gni negozzio,

fa sconti da riempì qualunque via …

***

… de gente che s’azzuffa, tutta a zonzo,

pe un venerdì che manna a l’aria l’ozzio,

che più che “black” è “brown“…. pe quant’è stronzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Novembre 2022

La scurtura

La scurtura

***

L’intravvedé dentro a un pezzo de marmo,

prima der primo cόrpo de scarpello,

la statua ch’è anniscosta sotto a quello,

è tosto come avé er monno ar disarmo.

***

A mala pena so usà er martello,

ché già pe mette un chiodo io m’allarmo,

me chiedo com’ha fatto a restà carmo,

Canova o Bernini o Donatello.

***

Si penzo che a l’inizzio ce sta un sasso

e dentro a quello c’è ’sta sua cratura,

che pare disegnata cor compasso …

***

… nun posso esprime in verzi la misura,

de la bellezza che nun cià sorpasso,

d’un marmo che diventa ’na scurtura.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

15 Novembre 2022

Missile in Polonia

Missile in Polonia

***

Nun s’è capito bene ch’è successo,

er missile in Polonia si è cascato,

pe corpa de quer russo svarvolato

o invece si è l’ucraino da se stesso …

***

che pe difenne allora er propio stato

lo ha lanciato lui senza un quar nesso,

mettenno a repentajo er monno adesso,

co la Polonia che sta ne la Nato.

***

Er rischio è un’escalation de ‘sta guera,

che va a coinvorge tutto quanto er monno,

partenno da ‘sto fatto de stasera.

***

Speramo che se fermino un seconno

guardanno ar futuro de ‘sta Tera,

pe evità davero er finimonno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Li storni

Li storni

***

Tramonto: sopra l’arberi appizzati,

se sente tutto a un tratto ’na caciara,

da un ramo a l’artro un sòno de fanfara,

de ronzettii diverzi, ma ’ntonati.

***

A fà ’sto gran bordello e ’sta cagnara,

sò l’ucelletti, tutti annuvolati,

che ariveno in città, ’ndó sò scallati,

quanno de ’nverno er sole è merce rara.

***

Ma a parte ’sto casino cippettante,

che t’arintrona er timpano e te spacca,

c’è un fatto ch’è assai più preoccupante …

***

A l’arba, quanno er primo in volo stacca

e tutti inzieme parteno a l’istante,

ce lasseno ner “guano”, ossia la cacca!

***

Stefano Agostino

______________________

***