Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

31 Marzo 2020

Riaprì tutto? No, grazzie

Riaprì tutto? No, grazzie

***

Li medici e studiosi veramente,

virologgi, scènziati e in conzeguenza

protezzione civile e chi è in deggenza,

ce dicheno ‘na cosa solamente:

***

“RESTATE A CASA”, contro ‘st’emergenza,

nun c’è artra strada che ce lo conzente,

de evità er contaggio tra la gente,

contenimento è l’unica avvertenza.

***

Ma poi ce sta chi già ha capito tutto,

vorebbe immunizzà de fatto er gregge,

come l’ingrese … ch’ha chiuso de brutto.

***

Speriamo che quer genio e chi lo regge,

nun sia ascortato e presto, soprattutto,

se resti a casa ancora sia la legge. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

30 Marzo 2020

Mejo soli che UE accompagnati

Mejo soli che UE accompagnati

***

Si ner momento duro de la prova,

te giri attorno e cerchi un quarche aiuto,

che nun te viè da chi te sta a un minuto,

ma da chi t’è lontano, ma te scova …

***

… te fai un po’ de domanne, si ciài fiuto,

si vale poi la pena fà un’arcova,

co chi quanno te serve nun se trova,

ma poi te viè a cercà p’er contribbuto.

***

Co chi te chiede de strigne la cinghia,

t’ha imposto solo tasse e restrizzioni,

e quanno cià bisogno te se avvinghia…

***

… noi semo stufi d’èsse quelli boni

pe rimpinzà l’Europa che ce ringhia, 

anzi … se semo rotti li cojoni.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Marzo 2020

Dar Vangelo der giorno: “la risurezzione de Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “la risurezzione de Lazzaro”

***

Gesù seppe de Lazzaro ammalato,

e grave ar punto d’èsse moribbonno,

ma nun tornò da lui in un seconno,

da Marta e da Maria, ‘ndov’era stato.

***

Quanno fu lì che Lazzaro ner “sonno”,

s’era addormito e mai più risvejato,

le du’ sorelle dissero: “Peccato,

si c’eri Tu, lui stava ancora ar monno”.

***

Gesù je disse allora: “Si credete

ch’Io so’ la vita e la risurezzione,

anche da morti, voi, nun morirete”.

***

Fece toje la pietra da l’avello,

e ordinò a Lazzaro l’azzione,

de uscì de fòra e lui sortì da quello.

***

Stefano Agostino

_________________________________

29

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Marzo 2020

La preghiera de Francesco

La preghiera de Francesco

***

Ar centro de ‘na piazza tutta vòta,

Papa Francesco benedice er monno,

e prega Dio, dar còre più profonno,

perché faccia sparì ‘sta peste ignota.

***

Che a tutti quanti je sta a toje er sonno,

e mentre aranca, er peso je lo dota

l’umanità che porta appresso a rota,

la Croce da pregà pe ‘gni seconno.

***

Co l’occhi a la Madonna e la preghiera

ar Cristo che sarvò da la gran peste,

co pioggia a lacrimà tutta la sera.

***

Come pe dì che er pianto e cose meste,

portate da l’umanità ch’è intera,

Gesù se l’ariccoje e ce se veste.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Collezzione de autodichiarazzioni

Collezzione de autodichiarazzioni

***

Capisco che gestì ‘sta situazzione,

nun è de certo facile pe gnente,

e criticà ‘gni mossa, francamente,

è facile si sei a l’opposizzione.

***

Però nun se pò fà ammattì la gente:

‘sta storia de l’autodichiarazzione,

che cambia a ‘gni minuto descrizzione,

pare un po’ esaggerata, veramente.

***

Si sto a casa, tu me spieghi come

la riesco mai a stampà, senza stampante?

Er toner, si ce l’ho, è ito … eccome!

***

E nun se pò vessà la gente, stante

che già abbastava dì: nome e cognome,

spieganno perché uscì è così importante.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Marzo 2020

Le “fake news”

Le “fake news”

***

Nun paghi der casino der momento,

come si nun bastasse quant’è nero,

ce mancheno li scemi cor penziero

de stà a sparà cazzate controvento.

***

Se chiameno “fake news”, detto in stragnero,

che sò notizzie co l’intennimento

de fà clamore, quanno nun tormento,

ma de ‘na verità ch’è pari a zero.

***

Che gusto proveranno a fà ‘sto gioco?

Che gioco poi nun è … specie si adesso

sò in grado presto de accenne er fòco.

***

Lancià “fake news” è già un reato grave,

dovrebbe comportà, senza er processo,

d’annà in galera, a cui buttà la chiave.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Marzo 2020

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

***

L’Arcangelo, inviato dar Signore,

annò diretto a casa de Maria,

quanno fu là je disse: “Santa e Pia,

nun impauritte, anzi, apri er còre.

 ***

Piena de Grazzia, Dio vole Tu sia,

la Madre de Su’ Fìo, er Sarvatore,

che nascerà pe l’omo peccatore,

che chiamerai Gesù, e sarà er Messia”.

 ***

Maria je fece allor: “Come pò èsse?

Io nun conosco omo” e Gabbriele

rispose: “Dio vò adempie le promesse”.

 ***

E Lei je replicò: “Serva fedele,

der Mio Signore e Lui de Me facesse

la Madre Santa de l’Emmanuele.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***