Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

9 Settembre 2021

Piazza de Spagna

Piazza de Spagna

***

In fonno a via Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de’ Monti,

Piazza de Spagna attenne li tramonti,

pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina.

***

In quer momento, che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa a l’aria fina,

lei ch’ha ospitato er monno la matina,

se sdraja pe godesse l’orizzonti.

***

Fin ortre la fontan de la Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

te strigne attorno a sé e nun se slaccia.

***

Quale che giorno sia, come l’amata,

quanno la ’ncontri, che arzi un po’ la faccia,

te ne innamori solo co un’occhiata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Settembre 2021

Banchi de prova

Banchi de prova

***

La vita mette in più banchi de prova

o prima o poi, tutte le relazzioni,

li sentimenti giusti, quelli boni,

d’affetti, d’amicizzia, amore e arcova.

***

Senza un avviso mai, ma l’occasioni

create lì ‘ndov’è che ce se trova,

pe dimostrà si sò pacchi de ova

più fraggili perzino de cojoni …

***

… che ar primo venticello un po’ contrario,

se sfasceno finenno a fà frittata,

oppure si quer sentimento vario …

***

… è solido che manco bombardata

la relazzione tira giù er sipario,

ma cresce sin dar giorno quann’è nata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Settembre 2021

L’incazzato perenne

L’incazzato perenne

***

Capisco che ’gni tanto ciài ’no scatto,

chi nun s’arabbia mai è nato male,

ma nun pò èsse certo naturale,

che ’gni momento strilli come un matto.

***

Ce sarà un giorno, prima der finale,

che nun te scalli più pe quarche fatto,

che t’avvelena ar punto che, pe tratto,

perzino “Hulk” lo fai sembrà normale.

***

Quanno ritorni in te, te renni conto,

de quant’è brutto perde la raggione,

ortre ch’er tempo, che nun cià confronto.

***

Ma è ’na goccia in mezzo a l’alluvione,

co gnente vedi rosso e già sei pronto,

che pari un toro da competizzione.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

5 Settembre 2021

L’anzia

L’anzia

***

Nemica dichiarata senza appello,

te strigne in gola e in più t’appalla l’occhi,

ar còre pompa er sangue e li rintocchi,

li senti rimbombà fino ar cervello.

***

È l’anzia che te pìa e te lassa a tocchi,

co l’arte sua de combinà un macello,

domanna d’un futuro a indovinello,

che nun ponno risorve li tarocchi.

***

Così che penzi a quanto de più brutto,

te pò succede e stai preoccupato,

che ciài quer grugno lì che dice tutto.

***

Quanno er probbrema poi l’hai superato,

l’anzia che se ne va t’ammolla er frutto,

der mar de testa fisso pe legato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

***

Gesù, come fu ar mar de Galilea,

quanno se seppe de ch’era venuto,

quarcuno je portò un sordomuto,

tra la popolazzione bona e rea.

***

E Lui, lontano dar Suo risaputo,

ché granne s’era fatta la nomea,

impose mano ar muto de contea,

poi disse “Effatà” e in quer minuto …

***

… a quello je s’aprì er sordo orecchio,

la lingua je se sciorze e già parlava,

… Gesù je fece: “Nun dì gnente, vecchio”.

***

Ma intanto fra la gente che ce stava,

s’annava riccontando, anche parecchio,

de quer Gesù e de come che sanava.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2021

Me s’è rotto er minolo

Me s’è rotto er minolo

***

Der piede er mignoletto detto minolo,

io ieri l’ho intruppato su ‘no spigolo,

me s’è piegato giusto tipo svicolo,

le stelle ch’ho veduto come in circolo.

***

‘No strillo sordo guasi fusse cigolo,

ho emesso sur momento poco frivolo,

er ghiaccio ciò passato come intingolo,

servito a poco pe placà quer singolo …

***

… ditino rotto come da patibbolo,

ch’e diventato viola e batte a cingolo,

sto fìo de madri degne de postribbolo.

***

Sò tutte assonanze senza vincolo,

pe riccontà ‘sto fatto un po’ ridicolo,

e ‘sto dolore che me dole ar mignolo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Settembre 2021

Settembre romano

Settembre romano

***

Settembre a Roma: er tempo s’artalena,

tra càllo e giorni lunghi de un’Estate,

che invialiggia l’ore e le giornate,

prima che arivi Autunno, che poi mena.

***

Le strade, tutto a un tratto, da isolate,

come in teatro, cambieno de scena,

così ’gni via s’ariempie e se fa piena,

quanno le scòle sò ricominciate.

***

E ner sapore amaro der rientro,

c’è come un nodo che nun riesco a scioje,

tarmente va giù in fonno ar centro dentro.

***

Un movimento l’occhi me distoje,

e nun ce penzo più, poi me concentro,

sur vorteggià de l’abbronzate foje …

***

Stefano Agostino

_________________________

***