Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Giugno 2021

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

***

Così Gesù je disse a la folla:

“Er Regno è come l’omo quanno getta

er seme ne la tera che s’affretta

a germojà, pure che l’omo molla.

***

Quer seme fa lo stelo e la spighetta,

er chicco pieno, che pare un’ampolla,

la farce miete er frutto che se bolla,

pronto pe la raccorta più perfetta.

***

Er Regno è ancora com’er granellino

de senapa che, seminato in tera,

in tutt’er monno è er seme più piccino.

***

Ma quanno cresce viè da quer che era

er più potente arbero in giardino,

ch’a ‘gni ucelletto je fa ombra vera”. 

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Giugno 2021

Alessandro va in penzione

Alessandro va in penzione

***

Nun ce credemo ancora … vai in penzione?

Colonna tu de la “ditta Berardi”,

ch’attacca presto e stacca a sera tardi,

‘ndó credi mai d’annà … nun fà er cojone!

***

Ma scherzi a parte, mó che t’ariguardi

e ch’esci p’annà a pesca e pe passione,

nun te scordà de l’Anticoruzzione,

e de ‘st’amichi, tra li più gajardi.

***

Noi nun dimenticamo la saggezza,

che in tutti ‘st’anni ciài arigalata,

la “gongola” e ‘gni artra tua dorcezza.

***

Le gran risate e la panda scassata,

‘na vita assieme in spenzieratezza,

che se riassume co ‘na “sbocchettata!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Giugno 2021

Alfredino

Alfredino

***

Tra li ricordi che ciò de bambino,

la granne maggioranza tutti belli,

ma nun ce sò purtroppo solo quelli

tra queli brutti ce sta Alfredino.

***

Chi se li pò scordà tutti fratelli

l’ommini de quer pozzo a Vermicino,

che fin’a l’urtimissimo lumino

hanno tentato de sarvà … porelli …

***

… quer pupo angioletto lì caduto,

de giorno e de notte, sole e lampi,

senza mai risparmià manco un minuto.

***

E chi se pò scordà … Dio ce ne scampi,

quela notizzia dar sapore muto,

der volo in celo d’Alfredino Rampi.

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Fontana de Trevi

Fontana de Trevi

***

Deposito de spicci e monetine,

lanciate da turisti de passaggio,

speranze de tornà, in artro viaggio,

a respirà le arie ponentine.

***

E a guardalla viè com’er miraggio,

de Dorce Vita e belle ballerine,

de scene d’avventure truffardine,

in cui Totò spacciava quer lignaggio.

***

È in pieno centro, ma se sente er mare,

Oceano, cavalli e li tritoni,

co l’acqua azzura ’ntorno a fà d’artare.

***

E notte e giorno, su pe li gradoni,

abbraccicato stanzia regolare,

l’inciucio tra stragnere e vitelloni.

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

9 Giugno 2021

La pizza

La pizza

***

Servita ar piatto, mejo cotta a legna,

ma pure ar forno elettrico che sia,

presa d’asporto da la pizzeria,

lei de l’Italia a tavola è l’inzegna.

***

E nun ce vò chissà che archimia,

nemmanco un bravo coco che l’ingegna,

ma l’ojo bono, ’na farina degna,

p’er resto abbasta un po’ de fantasia.

***

Focaccia, margherita, co sarciccia,

fiori de zucca, bufala e pachino,

quattro staggioni, si più te scapriccia.

***

Quanno la gusti, nun fà er damerino,

e lassa ’gni posata ché te ’mpiccia,

usa le mano da capitolino.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Giugno 2021

L’automobbilista

L’automobbilista

***

Nun passa manco er tempo der rodaggio,

che già ce n’hai un’artra ch’è più bella,

te cambi l’auto come ’na modella,

se cambia in passerella a ’gni passaggio.

***

Ciài sempre quela scusa, cojonella,

che te la fà comprà ch’è un ber vantaggio:

quest’è pe la città, quella è p’er viaggio,

che poi te fermi a Santa Marinella.

***

Abbasta ch’esce un modello novo,

che stai già dentro dar concessionario,

pe te, ormai, un punto de ritrovo.

***

E fai cent’ore de straordinario,

pe poi pagà chi è pieno come un ovo:

er garaggista tuo, ch’è mijonario.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Giugno 2021

Er gatto e er cane

Er gatto e er cane

***

C’è chi je piace er cane e chi er gatto:

seconno me dipenne da un fattore,

nun c’entreno le razze, né er colore,

né er pelo o questione più de tatto.

***

Motivo der divario de ’st’amore,

pe me risiede tutto indentr’ar fatto,

de l’èsse l’uno propio cor suo tratto,

l’opposto paro e sorte qui er favore.

***

Er cane è più devoto e più fedele,

se fa scannà pur de servì er padrone,

anche si quello je dà solo fiele.

***

Er gatto è carmo, timido, sornione,

ma si nun c’è né zucchero, né miele,

le fusa nun le fa, mica è cojone!

***

Stefano Agostino

______________________

***