Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Luglio 2020

Dar Vangelo der giorno: “er dorce giogo”

Dar Vangelo der giorno: “er dorce giogo”

***

“Io Te ringrazzio, oh Padre, ch’hai anniscoste,

‘ste cose a tutti quanti li sapienti,

l’hai rivelate, invece, e comprimenti,

a piccoli da l’anime disposte.

***

Nessuno Te conosce artrimenti

sinnò pe Me, qui da ‘st’umane coste,

e solo Io, Gesù, senz’artre imposte,

ne posso rivelà l’intennimenti.

***

Venite tutti, affaticati e oppressi,

Io ve ristorerò co ‘sta Mia Voce,

prennete er giogo Mio ch’è pe voi stessi.

***

Er giogo che nun pesa e che nun coce,

ch’er Padre dà, co l’annessi e connessi,

a l’ommini, a seconna de la croce”. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani

4 Luglio 2020

Trilussa – Usi vecchi e novi

trilussa -usi vecchi e novi

Usi vecchi e novi

***

Prima c’era che tutti l’invitati

a tavola, magnanno una pietanza,

lassaveno er boccon de la creanza

pe mostrà che nun ereno affamati.

***

Nojantri servitori ciorcinati,

ciannava bene, perché co ‘st’usanza,

ce s’abbuscava pe empì la panza,

ma adesso tutti l’usi sò cambiati.

***

Adesso, se c’è un pranzo, le perzone,

nun badeno più tanto a l’etichetta

e se magneno tutta la porzione.

***

E sfido: co sta fame maledetta

nun solo nun ce lasseno er boccone,

ma ce fanno perfino la scarpetta.

***

Trilussa

_________________________

***

I sonetti romani,La Roma in rima

2 Luglio 2020

Roma – Udinese

Roma – Udinese: 0-2

***

La Roma pare che sta già in vacanza,

de certo nun se vede e er risurtato

è un secco zero a due arifilato

da un’Udinese che vince de panza.

***

Se sta così a giocà er conquistato,

l’Europa League che dà un po’ de sostanza,

a ‘na staggione che, pe militanza,

è peggio de ‘gni artro campionato.

***

Ricambi che nun sò certo a l’artezza

panchina corta e fiato pure meno,

come pò annà, sinnò co ‘st’amarezza?

***

Se guarda ancora avanti, ma è strapieno

er cormo der livello a dà ‘na pezza,

che nun commento più, ché m’avveleno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Idea de carbonara

Idea de carbonara

***

Si te presenti co ‘na ciotoletta

mezz’ovo sciorto e un pezzo de guanciale

la pasta, si nun c’è, più o meno è uguale,

ché manco te la sporchi la forchetta …

***

… chiedo: “Ched’è?” e tu me fai, normale:

“Idea de carbonara in spuma e erbetta”,

si poi te guardo co aria interdetta

de certo nun te la pòi prenne a male.

***

Ché dentr’a ‘sto piattino … hai detto bene,

ce sta solo “l’idea” e pure avara

che fai venì a chi je dai ‘ste pene.

***

A parte “spuma e erbetta” che dichiara

che sei da aresto subbito in catene,

tu stai a bestemmià la carbonara!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Luglio 2020

A petto in fòri

A petto in fòri

***

Ciài tutto contro? Embè, tu fàtte forte!

Ariempi er petto e butta fòri l’aria.

C’è Vita che sta lì, straordinaria,

t’aspetta abbasta che j’apri le porte.

***

Ché si ‘gni cosa pare che te caria,

tu mostraje che ciài ben artra sorte,

che sai lottà puranche co la morte,

e ciài ‘na forza rivoluzzionaria.

***

Ce vole impegno, tigna e un ber coraggio,

ma nun se vince si nun se combatte,

e la vittoria è de affrontà ‘sto viaggio …

***

… senza dové rimpiagne o dì ch’è ita,

pe ciancicà le peggio frasi fatte,

ma ‘ndó ‘gni giorno varga er prezzo Vita.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma

30 Giugno 2020

Intervista a Radio 21 aprile web

Intervista a Radio 21 aprile web

***

I sonetti romani,Romanamente

Senza certezze

Senza certezze

***

Nun se capisce più a chi dà retta,

ce sò arcuni medici e scenziati,

 che a paroloni e in più, mostranno dati,

ce dicheno ch’er virus è robbetta …

***

… che cià li giorni ormai che sò contati,

poi c’è l’OMS che s’affretta

a dì ch’er peggio ancora se l’aspetta,

nun è finita e tocca stà allertati.

***

Sin da l’inizzio de la pandemia,

nun c’è unanimità de posizzioni,

intorno a che sarà ‘sta malatia.

***

Se fanno quinni solo previsioni,

senza certezze, ma da lotteria,

cor monno che se rompe li … pormoni.

***

Stefano Agostino

________________________

***