Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Luglio 2019

Dar Vangelo der giorno: “er samaritano”

Dar Vangelo der giorno: “er samaritano”

***

“Che avrò da fà pe avé la vita eterna?”

Chiese a Gesù un dottore de la legge,

“Lo sai quer che sta scritto e, si sai legge,

su amà er tuo Dio e er prossimo se ‘mperna!”

***

 – “Chi è er prossimo, però? De quale gregge?”

– “Dimmelo tu: te parlo de ‘na terna,

de omini che, lungo ‘na via esterna,

han visto un omo a tera, fatto in schegge.

***

Nun s’è fermato er primo, un sacerdote,

manco er seconno ch’era là, un levìta,

solo un samaritano, fedi ignote, …

***

… riccorze l’omo e je sarvò la vita”.

“Er prossimo fu questo!” – “Fanne dote,

comportete così, fino a l’uscita”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

13 Luglio 2019

Trilussa – Incontri

Incontri

***

Uh, scusi, nun l’avevo conosciuta:

lei sta benone … – E come vò che stia!

Doppo la sbiossa de la malatia

pe quanto ho fatto nun me so’ riavuta.

***

– E ‘sta pupetta? – È la nipote mia.

– Come? Davero? Dio com’è cresciuta!

– Presto, Mafalda, sbrighete, saluta,

dije come te chiami, tira via …

***

– Mafalda – E poi? – Mafalla a li commanni …

– Discore co ‘na grazzia che innamora.

E adesso che età cià? – Nun cià cinqu’anni.

***

– Quant’è caruccia – E avrebbe da vedella,

quanno che vò rifà quarche signora,

come se tira in su la vestarella.

***

Trilussa

____________________________

 ***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

12 Luglio 2019

Amor Roma

amor roma

Amor Roma

***

‘Gni vorta che ce penzo lì m’appago,

ringrazzio Dio d’avemme dato tanto,

poté co st’occhi arimirà ‘st’incanto,

‘st’opera magna fatta da quer Mago.

***

De fronte a me c’è Roma, ch’è er mio vanto,

sbrillucica de luci come un lago

a fà da bussola ‘ndove c’è un ago

che segna er punto esatto de ‘sto canto.

***

Io così piccolo che avrò mai fatto

pe guadagnamme er titolo e l’onore

d’èsse romano e viveje a contatto?

***

Già solo ‘sto penziero m’apre er core

me fa felice ar punto che de un tratto,

scancella ‘gni tristezza e malumore.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Luglio 2019

Domanne e risposte


Domanne e risposte

***

Ce sò domanne, quelle più importanti,

pe cui nun ce sta mai risposta certa,

sò quelle che te fai fronte a ‘na scerta

o quanno ce sò fatti più segnanti.

***

Domanne che te poni, anche a la sverta,

sur senzo de la vita e le costanti,

guasi a venì pe aricordà l’istanti,

che de ‘sta vita fanno ‘na scoperta.

***

Sò le domanne che nun pòi evitalle

sia ner cattivo tempo che ar sereno,

quelle che nun le pòi azzittì co balle.

***

Quelle der mezzo vòto e mezzo pieno,

che nun pòi liquidà a scrollà le spalle,

e la risposta è spesso a segno meno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Luglio 2019

Er malinteso

Er malinteso

***

A vorte basta ‘na parola a uffa,

pe fà scoppià da subbito le risse,

senza spiegasse mai, senza capisse,

succede che de un tratto ce se azzuffa.

***

Occhiate che se fanno torve e fisse,

provà a chiarì, fa solo che artra fuffa,

e s’arza un porverone de baruffa,

che nun se carma mai senza ferisse.

***

E basterebbe poco ar malinteso,

pe appianà la cosa e aggiustà er tiro,

senza arivà a odià fra chi s’è preso.

***

Ché strigni strigni a allargà ‘sto giro

tra le nazzioni in guera, er più è dipeso

da avé fatto tempesta de un sospiro.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Luglio 2019

‘Na vita più serena

‘Na vita più serena

***

Nun te la stà a pià sempre pe tutto,

capisco mette zelo e anche fervore,

che in fonno è un modo a dimostrà l’amore,

che vai a innaffià lì ‘ndove er monno è asciutto …

***

… Ma a incazzasse pe ventiquattr’ore,

contro quer che succede dapertutto,

speranno de riuscì a toje er brutto,

nun serve a gnente e te fa male ar còre.

***

Si vòi passà ‘na vita più serena,

penza a quer che ciài ‘ntorno e c’è de bello,

nun stà sempre a contà quer che avvelena.

***

È ‘na magnera de fasse da ombrello,

pe riparasse quanno er monno è in piena,

ché nun lo pòi evità si fai un macello.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Luglio 2019

Ciao Gianlu’

Ciao Gianlu’

***

Ancora nun lo riesco manco a crede,

e dubbito perzino de me stesso,

ma nun pò èsse no … nun è successo,

er còre dar profonno se lo chiede.

***

Ch’er monno te s’è chiuso tutto appresso,

da sopra a quela moto che nun vede,

te lassa su l’asfarto, come a séde,

s’è spento tutto … e che succede adesso?

***

Gianluca, quer tuo sguardo cià inzegnato,

mó che sei ito via a l’improviso,

che quer che conta è tutto in quer ch’hai dato.

***

E me conzola che dar Paradiso,

‘ndó certamente tu sarai arivato,

nessuno spegnerà più er tuo soriso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***