Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ fantasma, ciò li connotati

de uno morto ch’è risorto poi.

***

Toccate mano e piedi traforati,

sò carne e ossa vive, no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, quinni ariprese,

“ciavevo da patì granne supplizzio,

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi risorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e no p’er suo Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Aprile 2024

Nun c’è ‘na guera giusta

Nun c’è ‘na guera giusta

***

Nun ce sta guera che nun sia infame,

nun c’è der giusto si regna violenza,

quanno che impera solo sofferenza,

tra povertà, soprusi, sete e fame.

***

Quanno che vigge l’arma de demenza,

tra lotta de potere e le sue brame,

nun c’è diritto in chi se perde in trame,

che porteno a la morte pe sentenza.

***

Nun c’è raggione che ciabbia un sostegno,

de razzi, bombe, missili e cannoni,

nun ce sta teritorio, nun c’è regno.

***

C’è solo er passo triste de la Storia

che cambia li confini a le nazzioni,

ma ner seporcro spegne ‘gni vittoria.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Aprile 2024

La Grotta de la Rivelazzione

La Grotta de la Rivelazzione

***

È er posto ’ndó recupero me stesso,

quanno che ciò ’na preoccupazzione,

si ciò bisogno de concentrazzione,

o senza quarche quanno o quarche nesso.

 ***

A la “Grotta de la Rivelazzione”,

nun sò spiegà perché, ma già a l’ingresso,

er monno fòri e quer che c’è appresso,

sparisce co ’gni sua conformazzione.

 ***

E come je successe ar Cornacchiola,

m’abbasta guardà in fonno a quela Grotta,

pe spegne lì ‘gni sguardo e ’gni parola …

 ***

… e famme uscì, ma co la voce rotta,

“bella Signora”, e già ’sta frase sola,

m’abbasta a zittì er còre che borbotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Aprile 2024

Eclissi solare

Eclissi solare

***

Teste a l’inzù, co l’occhi a sguardi fissi,

sgomento ch’aringoja le parole,

la Luna ar centro, tra la Tera e er Sole,

a fàcce l’ombra ar mezzo de l’ecàissi.

 ***

Lanostra stella, co quela sua mole,

pare che lemme lemme se inabbissi,

er celo assiste attonito a ’st’ellissi,

come in der nasce, un dì, de fìi e prole.

***

Da ch’era giorno a un tratto abbuja e annotta,

s’accenneno mijoni de fiammelle

pe tutto l’emisfero e la calotta.

***

È un attimo che t’entra ne la pelle,

er tempo che la Luna cambia rotta,

portanno via er chiarore de le stelle…

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

***

L’Arcangelo, mannato dar Signore,

annò diretto a casa de Maria,

quanno fu là je disse: “Santa e Pia,

nun impauritte, anzi, apri er còre.

 ***

Piena de Grazzia, Dio vole Tu sia,

la Madre de Su’ Fìo, er Sarvatore,

che nascerà pe l’omo peccatore,

che chiamerai Gesù, sarà er Messia”.

 ***

Maria je fece allor: “Come pò èsse?

Io nun conosco omo” e Gabbriele

rispose: “Dio vò adempie le promesse”.

 ***

E Lei je repricò: “Serva fedele,

der Mio Signore e Lui de Me facesse,

la Madre Santa de l’Emmanuele.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparze quela sera,

a li discepoli, giù anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti?

P’er monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e in chi spera,

dà Amore e Pace a la Mia magnera,

mó ite senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno che seppe de tutto ‘sto fatto,

disse: “Io nun ce credo, vò a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun tocco cor tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse attratto:

“Sei Tu Signore, su de Te me baso”,

Gesù rispose: “Credi, senza ‘st’atto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

6 Aprile 2024

Aprile a Roma

Aprile a Roma

***

Comincia co ’no scherzo de giornata,

er mese in cui s’appiena Primavera,

Aprile, tutta Roma è ’na fioriera,

de ’gni colore e tinta pennellata.

***

C’è luce che s’attarda fino a sera,

pe osannà la Pasqua già arivata,

co le campane a festeggià la data,

de tutto l’anno in Fede la più Vera.

***

È dorce da dormì, lo dice er detto,

passanno dar piumone a la coperta

e quant’è bello riaccucciasse a letto.

***

Ma nun levà la lana a la sverta,

pure ch’er sole t’ariscalla er petto,

vedrai che poi apprezzerai ’sta scerta!

***

Stefano Agostino

_______________________

***