Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Settembre 2019

11 settembre pe sempre

11 settembre pe sempre

***

È l’unnici settembre e la memoria,

nun pò che tornà indietro ancora ar giorno,

de quer dumilaeuno e tutto intorno,

a ch’è successo e entrato ne la storia.

***

Co tutta l’eco che fa da contorno,

er terorismo che cerca la gloria,

ne l’ammazzà innocenti, ‘na vittoria

come de chi ha bruciato l’artro in forno.

***

Nun pò cascà mai tutto ne l’obblio,

nun se pò mai prescinne da l’eventi,

e nun se pò ammazzà pe nessuno dio.

***

Er crollo de le tóri e li tormenti

de li poracci e chi j’ha detto addio,

nun se pò cancellà mai da le menti.

***

Stefano Agostino

___________________________-

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Settembre 2019

Minestra concallata

Minestra concallata

***

Ciànno ‘mbottito ancora de promesse,

“faremo questo noi e anche quello,

ve sarveremo noi da ‘sto macello,

noi novi der PD e de cinque esse”.

***

Me sbajo io però o sò le stesse

perzone che, dopo lo scampanello,

già ciànno governato e co un girello,

le votazzioni l’hanno fatte fesse?

***

Ma come sempre er popolo che conta?

Er due de coppe si regna bastoni,

e un’artra vorta ‘sta nazzione è pronta …

***

… a strigne cinghie a li pantaloni,

fin quanno rimarà solo l’impronta,

ben evidente de li du’ cojoni.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Settembre 2019

Lotta ar lunedì

Lotta ar lunedì

***

L’ho scritto, l’ho ariscritto e scritto ancora,

si so’ ripetitivo, me ne scuso,

ma pure lui, che torna co l’accuso

‘gni sette giorni, che cos’è allora?

***

Er lunedì da sempre è un grosso abbuso,

è un attentato lungo ‘gni sua ora,

nun cià rispetto, manco a la bonora,

quanno che lassa er posto suo de ‘ntruso.

***

Si se metteva già ‘na vorta ar mese,

e no ‘gni settimana co l’inganno,

sarebbe stato certo più cortese.

***

Pe quanto, a volella dì coretta,

abbasterebbe già ‘na vorta a l’anno,

che venghi lunedì … quann’è Pasquetta!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Settembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “pe èsse discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “pe èsse discepoli”

***

Je disse a li discepoli quer giorno:

“Si uno viè a Me, ma porta appresso,

l’affetto de ‘gni tipo e ‘gni suo nesso,

e quinni tutto quer che rota attorno …

***

… compresa anche la vita de se stesso,

nun pò èsse discepolo e de torno,

si nun porta la croce e er suo ritorno,

lo levo, ché co Me nun pò stà adesso.

***

Chi vò da costruì ‘na quarche tore

o vince l’avverzario co ‘na guera,

deve studià si cià mezzi e valore.

***

Così chi vò seguimme su ‘sta Tera,

cià da lassà ‘gni artro avere e l’ore

cià da spenne pe Me la vita intera.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 Settembre 2019

Nun m’avveleno più

Nun m’avveleno più

***

Nun m’avveleno più, me so’ stufato,

me metto già affacciato a la finestra,

curioso de vedé che ‘sta minestra,

saprà mai fà, ner tempo der mannato.

**+

Che ciò le palle gonfie … taja extra,

de quello ch’hanno tutti combinato,

inciucio, tradimentento, cojonato

l’elettorato da sinistra a destra.

***

Nun vojo più discute co nessuno,

ché tanto coerenza co coraggio,

sò doti rare da trovà in quarcuno.

***

De certo da ‘sto sito quanno assaggio

quarcosa che fa schifo, sarvognuno,

la rimerò rischianno arch’er linciaggio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 Settembre 2019

Conte 2.0

Conte 2.0

***

Ce sò riusciti a ‘mpecettà un Governo,

presi de qua e de là, ministri in lista,

quarcuno sconosciuto, artri in vista,

da presentà, giuranno amore eterno …

***

… ar Capo de lo Stato e, pe reggista,

Giuseppe Conte “bis” a fà da perno,

Giustizzia, Sanità, Esteri, Interno,

Finanze, Istruzzione e su ‘sta pista …

***

… man mano tutti quanti l’artri in coro,

eppoi via-via li sottosegretari,

p’er bene der Paese, ch’è er tesoro.

***

Co la fiducia de parlamentari,

potranno comincià pe bontà loro,

a lavorà … e lì sò c…. amari!

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Settembre 2019

Governo giallo e Rousseau

Governo giallo e Rousseau

***

Ma come? Eravate er cambiamento,

pe spazzà via er marciume e fà un governo,

senza più  tracce de quer monno interno,

de parucconi de ‘gni schieramento.

***

Mai cor PD … manco un appoggio esterno,

e co ‘sti strilli intanto er Parlamento,

man mano se l’è preso er Movimento,

pe cancellà er passato in eterno.

***

Solo che poi provata la portrona,

v’è assai piaciuto arimanecce sopra,

ar punto poi che ‘gni alleanza è bona.

***

Abbasta che ve lassi in der Palazzo,

co un voto preso allora che ve copra,

chi v’ha votato … che s’attacchi ar c…. !!!

***

Stefano Agostino

_________________________

***