Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani

16 Marzo 2019

Trilussa – Er marito filosofo

Er marito filosofo

***

Se pò sapé che diavolo j’ho fatto?

Fra mi’ moje, mi’ socera e mi’ fija,

ciò contro tutta quanta la famija,

fórze ce l’ha co me perfino er gatto.

***

Si a cena, Dio ne guardi, faccio l’atto

de protestà, succede un parapija,

come me movo, vola ‘na bottija,

appena ch’apro bocca, vola un piatto.

***

Poi, tutt’e tre d’accordo vanno via,

allora resto solo e piano piano,

scópo li cocci e faccio pulizzia.

***

Finché arivato a l’urtimo pezzetto,

m’accènno mezzo sigaro toscano,

strillo: Viva l’Italia … e vado a letto.

***

Trilussa

__________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 Marzo 2019

Idi de Marzo

Idi de Marzo

***

Er quinnici de marzo è stato er giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitré vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

 ***

E lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co ’st’attentato?”

 ***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…” in latino

quanno che je s’è fatta a un tratto notte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

 ***

Ma le parole sue se sò interotte,

e Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE, FILI MI…GNOTTÆ !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Marzo 2019

Er gaggio

er gaggio

Er gaggio

 *********

‘Gni giorno indossa un abbito diverzo,

sempre preciso, in tiro e sta acchittato,

giacca, cravatta e bavero riarzato,

nun cià un capello che va pe traverzo.

***

 Ar pantalone l’orlo arisvortato

 e l’orologgio sopra ar porzo inverzo,

er pedalino in tinta, addentro perzo,

a scarpe de un perfetto lucidato.

***

Er dopobarba pe lassà la scia,

misto ar profumo de un campo de maggio,

che pare uscito da ‘na tintoria.

***

“Si nun m’acchitto” – dice – “sto a disaggio”

ma è ‘na scusa, pe nun dì bucia,

ché ce lo sanno tutti quant’è gaggio.

******

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Marzo 2019

13 marzo: daje Papa Francesco

13 marzo: daje Papa Francesco

***

Tredici marzo, ancora m’aricordo,

l’attesa, er fumo bianco e le campane:

“Ciavemo er Papa novo” … e ‘ndó arimane?

“Lui viè da l’Argentina … er monno è un bordo.

***

Poi dar Loggione a le genti romane

e a tutti l’artri ommini, nun scordo,

je disse “Bonasera”, già un’accordo

der Suo Pontificato pane ar pane.

***

Quanti li giorni e quante catechesi,

da quer momento e granni inzegnamenti,

co l’occhi e còre a poveri e indifesi.

***

Pe la Parola che se fa rinfresco,

in quer Banchetto ch’apre li battenti:

Dio benedica Te, Papa Francesco.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Marzo 2019

E torna sempre …

E torna sempre …

***

E torna sempre, torna e torna ancora,

pe quanto pòi fà tutto pe evitallo,

er lunedì, ma che mistero e giallo…

è un “boomerang” lanciato a cento all’ora …

***

… da sette giorni prima e fàcce er callo,

fa er giro suo, e ‘ndove va se ignora,

ma quanno penzi … è ito … è giusto allora

che torna ar canto stridulo der gallo.

***

Ché t’eri abbituato pe du’ giorni

a arimané più tempo indentr’ar letto,

pacioso e callo, come tra du’ forni.

***

Ma sempre t’arisveja, maledetto,

quer trillo che ‘gni vorta te ce scorni,

la sveja … è lunedì … casco e ermetto!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Marzo 2019

Dar Vangelo der giorno: “Gesù tentato dar diavolo”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù tentato dar diavolo”

***

Gesù se ritirò in mezzo ar deserto

e ciarimase pe quaranta giorni,

er diavolo, venuto da li forni,

allora lo tentò e je disse: “Sverto …

 ***

… dije a ’sti serci qui ne li dintorni

de diventà der pane, ma Lui, certo:

“Nun vive sol de pane l’omo esperto,

cià la Parola, e che co Lei s’adorni!”.

***

Er diavolo provò a tentallo ancora,

mostrannoje er potere e la ricchezza,

simmai Gesù je se prostrasse allora.

***

Ma Lui lo ricacciò ne la schifezza,

da ’ndó veniva e subbito de fòra

un coro d’angeli je fece: “Artezza”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Marzo 2019

8 marzo

8 marzo

***

È l’otto marzo: festa de la donna

pallini gialli e fiori su ’gni cosa,

l’artra metà der cèlo, quella rosa,

gioca centrale, nun solo de sponna.

 ***

Ma nun abbasta un ramo de mimosa,

a rennela pe un giorno ’na madonna,

serve onorà chi porta tacchi e gonna,

trattannola pe sempre come sposa.

 ***

Pe ’sto motivo dico che ’sto giorno,

più che ’na ricorenza, è un mezzo inganno,

senza giracce manco troppo attorno.

 ***

E aspetto er tempo e un artro capodanno,

in cui ’sta festa nun fa più ritorno,

quanno sarà 8 marzo tutto l’anno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Videosonetto – 8 marzo

***

***

***