Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Gennaio 2022

Benvenuti Carlo e Speranza

Benvenuti Carlo e Speranza

***

E benvenuti ar monno, piccoletti,

che oggi la famija se fa piena,

voi due, Gabbriele co Serena,

c’è Paoletto, poi, tra l’angioletti.

***

Du’ gemellini, come ‘na catena,

co li Beati in Celo, ora eletti,

de Carlo Acutis, lui, che cià ‘st’occhietti,

Madre Speranza, lei, che dorme appena.

***

Vita che viè da Vita e Gioia vera,

che nun se pò spiegà … perciò nun parlo,

ché ‘gni parola nun pò dilla intera.

***

Ma solo tanta e forte fratellanza,

co mamma e co papà … t’abbraccio Carlo,

e do un bacetto a te, dorce Speranza.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 Gennaio 2022

Me so’ stufato

Me so’ stufato

***

Me so’ stufato de l’amico finto,

de chi cià mille facce e un sorisetto,

de chi sa tutto lui e come effetto,

detta la sua, ecco ch’ha già vinto.

***

Me so’ stufato e adesso me sta stretto,

d’èsse io quello bravo a piè sospinto,

er primo a fà la mossa come spinto,

da voja de chiarì co ‘sto soggetto.

***

Me so’ stufato a dimostrà ancora,

che due più due fa quattro un’artra vorta,

nun vojo più ridillo a chi l’ignora.

***

Me so’ stufato e guasi me ‘mbarazzo,

a dì me so’ stufato … frase storta,

più giusto è dì che me so’ rotto er cazzo. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

12 Gennaio 2022

La neve a Roma

La neve a Roma

***

Quanno succede è sempre ’na maggìa,

viè giù d’un lemme lemme che se posa,

inzuccheranno a velo ’gni quarcosa,

ammanta e fiocca tutto d’alegria.

***

Roma la veste d’abbito da sposa,

e come dentro a un firm de fantasia,

imprezziosisce er fonno de ’gni via,

ner mentre er celo a sera se fa rosa.

***

È bella pure quanno che nun dura,

s’appoggia sola, bianca, sureale,

la neve, Roma, guasi la pittura.

***

È così dorce, soffice e speciale,

che ce vorebbe che Madre Natura,

la faccia ne la notte de Natale.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Gennaio 2022

Idea nun fa rima co marea

Idea nun fa rima co marea

***

Nun fàtte pià p’er culo da nisuno,

raggiona sempre co la testa tua,

ascorta tutti, ‘gnuno co la sua,

però penza da te, no pe quarcuno.

***

Pur’er bambino che se fa la bua,

impara a piagne e cresce quer ciascuno,

che ‘gni omo cià ner dentro da ch’è uno,

pe nun seguì la scia, ma pe stà in prua.

***

De certo pe formatte tu un’idea,

ciài da studià, nun nasci da imparato,

sinnò finisci a fà prosopopea.

***

Ma co curtura, tempo e apprennistato,

usa er cervello tuo, ché la marea,

nun sempre porta a riva er naufragato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Gennaio 2022

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“Te devo battezzà? Me pare strano”.

***

Gesù je fece: “Vole sì er Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allor, più nun parlò invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprì er Celo e come ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2022

Levà l’addobbi

Levà l’addobbi

***

Quanno ch’è er tempo de levà l’addobbi,

già manno giù un boccone de tristezza,

le feste sò finite, che amarezza,

mó tocca ritornà pure a li sgobbi.

 ***

Via l’arbero e er presepio … che schifezza!

Quanno a montalli, invece, è er mejo hobby,

mó tutto è da incartà e da fasse gobbi

a mettelo in cantina co destrezza.

***

Però si nun ce fusse er dì normale

e fusse, quinni, sempre e solo festa,

la festa che ciavrebbe de speciale?

***

E ‘sto penziero che me batte in testa,

conzola er salutà un artro Natale

e ‘sta malinconia che mó me resta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 Gennaio 2022

Quanno ariviè er sette de gennaio

Quanno ariviè er sette de gennaio

***

E pe ‘gni vorta che passa ‘na Festa,

c’è sempre un giorno a fà un sette gennaio,

quanno la sveja t’arintrona e er guaio

che t’aricorda ch’è ‘sta data mesta.

***

Conti li mesi e sarti già a febbraio,

magara fa la neve e se fa siesta,

poi marzo, poi c’è aprile e Pasqua è lesta,

ariva er tempo, poi, che sa de sdraio.

***

Ner mentre che arimetti tutto in serie,

camicia, pantalone, maja e giacca, 

te trovi già a sognà future ferie.

***

Ma è sette de gennaio che te trincia,

e pe affrontà ‘sto giorno un po’ de cacca,

 indossa anch’er soriso … e aricomincia!

***

Stefano Agostino

_________________________

***