Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Settembre 2020

A Te, Maria

A Te, Maria

A Te, Maria

***

Co l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

ciài quer soriso ch’arisprenne e dona

a ’gni Tu’ fìo ’na carezza bona,

pe quanno che succede un quarche dramma.

***

La Tua presenza che mai ce abbandona,

retta da Amore, de cui sei la fiamma,

ce aspetta a braccia aperte cor programma

de Grazzie e Doni chiesti a Chi perdona.

 ***

Immacolata Tu sott’a quer velo,

l’azzuro intorno e cinta da le stelle,

che te ’ncoroneno tra tutto er Celo.

 ***

A madri, fìe, nonne, zie e sorelle,

rigalaje un’anticchia der Tuo zelo,

pe fà le donne ar monno ancor più belle.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Settembre 2020

Trump e er premio Nobel

Trump e er premio Nobel

***

Ce lo sapeva che era letale,

sin da febbraio, Trump ha dichiarato,

ma pe ‘na sua … che so? … raggion de Stato,

nun l’ha voluto dì … pareva male.

***

Pe nun creà er panico … scontato…

ma certo … come si fusse normale,

nisconne quer ch’è vero e ch’è reale,

pe quer ch’avrebbe invece suscitato …

***

Ma comprimenti … Trump … che bella mossa,

co ‘sto silenzio veramente audace,

un 11 settembre de riscossa …

***

… fregannosene de chi adesso giace,

ce sta perzino chi … piena la fossa …

te vò dà er Nobel … der riposa in pace.

***

Stefano Agostino

________________________

***

Giochi di parole,I sonetti romani

10 Settembre 2020

Anto, ento, into, onto, unto

anto ento into onto unto

Anto, ento, into, onto, unto

***

Io so’ romano, me ne picco e vanto,

già solo che ce penzo so’ contento,

m’esplode in petto forte er sentimento,

che provo a mette in rima in un canto.

***

E come quanno a un tratto s’arza er vento,

sotto a ‘sto celo azzuro ch’è un incanto,

ringrazzio Dio, er Padre Eterno Santo,

che qui m’ha arigalato er nascimento.

***

‘Gni giorno me ce svejo più convinto

de la fortuna che nun cià confronto,

de vive tra ‘ste mura e ‘sto recinto.

***

E’ un modo tutto mio de fà un riassunto,

de ‘sta mia vita intera che aricconto,

in du’ parole sole: L’AMO. Punto.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Settembre 2020

Grazzie Willy

Grazzie Willy

***

Caro Willy, te scrivo ‘sto sonetto,

e so’ sicuro che tu lo pòi lègge,

perché ‘ndó stai tu mó c’è un’artra Legge,

no quella de ‘sto monno ch’è in difetto.

***

Ner mentre un angioletto te soregge,

tu da Lassù riguardi ‘sto muretto, 

tutt’è passato già e voli eletto

verzo la Luce che Univerzo regge.

***

Nun ciài nemmeno er senzo der rancore.

contro li quattro che t’hanno ammazzato,

quello arimane qua inzieme ar dolore.

***

Ché ner frattempo tu sei già arivato …

‘gni cosa de quaggiù perde colore …

e grazzie Willy pe quer che ciài dato. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 Settembre 2020

Li negazzionisti

Li negazzionisti

***

“Ma come no? Ne so’ certo e convinto:

er covid nun esiste, è un’invenzione,

negazzionista sì, tu ciài raggione,

er virus, si è esistito, mó è estinto.

***

La Tera è piatta … ovvia conclusione,

e l’omo su la Luna nun s’è spinto,

e due più due, si vai a vedé l’istinto,

nun fa mai quattro, è ‘na costruzzione”.

***

Geniale la teoria negazzionista,

da fà impallidì anche e perzino 

l’illuminato più terapiattista.

***

E senza mascherine, né imbarazzo,

ce sta chi je va appresso da vicino,

ce crede … penza che testa de c….!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Settembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

***

Gesù je disse: “Si quarche fratello,

ce l’ha co te, e sta in corpa, va’ da lui,

vacce a parlà, e li penzieracci bui,

prova a limalli, senza fà un bordello.

***

Sippoi continua a avé l’idee pe cui

t’ha già stranito, nun lo fà un macello,

co due o più, pò raggionà un cervello

sinnò a la fine sò affaracci sui.

***

E quer che legherete su la Tera,

o sciojerete, pari pari in Celo,

sarà legato o sciorto Lì com’era.

***

Si sète due o più, ‘st’artro ve svelo,

riuniti in Nome Mio, sto lì in preghiera

anch’Io a pregà er Padre cor Mio zelo”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Settembre 2020

Zangrillo e er virus

Zangrillo e er virus

***

Ma come? Da clinicamente morto,

mó ch’è ricoverato Berlusconi,

Zangrillo cambia tutte l’oppignoni,

e dice è stato interpretato storto.

***

Quanno pe radio e a le televisioni

in piena pandemia, lui disinvorto

diceva … er virus? No, ormai s’è sciorto,

finito, nun c’è più … stateve boni!

***

E co ‘sta frase è diventato noto,

er simbolo de li negazzionisti,

pe cui er coronavirus resta ignoto.

***

Mó invece s’arza e dice … qualunquisti,

avete interpretato tutti a vòto,

… poracci più de li terapiattisti. 

***

Stefano Agostino

_____________________

***