Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

21 Giugno 2022

Caronte a l’orizzonte

Caronte a l’orizzonte

***

Comincia oggi giusto ar calennario,

perché è un mese esatto de callaccia,

Annibale e Scipione e poi ‘st’ariaccia,

ch’è de Caronte a sbancà er lunario.

***

Che viè e squaja testa, gambe e braccia,

co un’afa che nun cala mai er sipario,

le massime sò solo un campionario,

de picchi de calore e de bonaccia.

***

E nun se sa nemmanco quanto dura,

l’esperti nun ne fanno previsioni,

se sa solo che la temperatura …

***

… è quella ch’è da sauna e forni boni,

che bevi e ciài già sete pe l’arzura,

“è er tempo suo” … un paro de cojoni.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Giugno 2022

Nun se famo mancà gnente

Nun se famo mancà gnente

***

Inzomma … nun se famo mancà gnente:

c’è l’inflazzione, c’è la carestia,

e stàmo ancora in piena pandemia,

la siccità è un punto assai dolente …

***

… e tocca poi da fà più economia

de luce, gas, e acqua … è avvilente,

co la benzina, d’oro veramente

e l’anzia a cresce a fà da malatia.

***

Cor clima ch’è impazzito e manco piove,

li fiumi in secca e ‘na temperatura

che da 40 scegne a trentanove.

***

E infine la minaccia de ‘na guera

che nun conosce manco ‘na misura,

sinnò quella globbale de la Tera.

***

Stefano Agostino

________________________

*****+

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Giugno 2022

La mortipricazzione de li pani e de li pesci

La mortipricazzione de li pani e de li pesci

***

“Ce sò du’ pesci e giusto cinque pani,

come potremo da sfamà ’sta gente,

venuta fino a qui? Chi se la sente

de dije ciao, a casa e a domani?”

 ***

Gesù rispose: “Nun je dite gnente,

contate quanti sò ’st’esseri umani.”

“Sò cinquemila e manco tutti sani”,

“Mó magneranno abbonnantemente”.

 ***

E detto questo arzò l’occhi ar celo,

e rese grazzie ar Padre Celeste,

spezzò quer pane, segno der Vangelo.

 ***

Magnarono le cinquemila teste,

er pane e er pesce e tutte co gran zelo,

sò avanzate poi dodici ceste.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Giugno 2022

Vorebbe traslocà in tera stragnera

Vorebbe traslocà in tera stragnera

***

Vorebbe traslocà in tera stragnera,

più passa er tempo e più ce se ’nfrattaja,

l’Italia, ’ndó nun paga mai chi sbaja,

anzi, simmai, pe quello fa cariera.

***

’Gni fìo de ’na mignotta e gran canaja,

puranche quelli in più d’ortrefrontiera,

de ’sta nazzione adotta la bandiera,

e quanno je va male se la squaja.

***

Nun c’è rispetto pe gnente e nisuno,

fregassene de tutto ora è legge,

la sola ch’è obbedita da quarcuno.

***

Ma me ne vojo annà, nun riesco a regge,

de seguità così, e si so’ uno,

me sa che dietro a me ce sta un ber gregge.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

17 Giugno 2022

Addio mascherine

Addio mascherine

***

Se ponno toje guasi dapertutto,

sto a parlà qui de le mascherine,

che da compagne sempre a noi vicine

dar tempo a inizzio Covid soprattutto …

**

… finischeno de fàcce da vetrine,

a mascherà er viso pe costrutto,

a segnà ‘st’anni e ricordà che brutto,

portalle più de slip e mutandine.

***

Ma propio ner momento de l’addio,

er virus pare avecce un’impennata,

lo dicheno contaggi, mica io.

***

Perciò viè ‘na domanna certo ingrata,

nun è che crede er covid a l’obblio,

poi a la fine è fà ‘na gran cazzata?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Giugno 2022

La Preghiera

La Preghiera

***

A vorte sento come er desiderio

de chiacchieracce un po’ cor Padre Eterno,

pò èsse giorno, notte, estate, inverno,

momento alegro o attimo più serio.

***

Succede quanno ar dentro de lo sterno,

a l’improviso e senza arcun criterio,

me sento mosso guasi più de imperio,

dar còre che me spigne da l’interno.

***

Magara è tutto un sogno o ’na chimera,

’sta forma de parlà come da fìo,

che chiede aiuto ar Padre si va nera.

***

Ma ’sti momenti, a tu per “Tu” co Dio,

che sò anniscosti ar monno, de preghiera,

sò propio quelli in cui io so’ più io.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

14 Giugno 2022

Nun sei ‘na madre, ma er suo “anagramma”

Nun sei ‘na madre, ma er suo “anagramma”

***

Pe te nun ciò sortanto der disprezzo,

ch’è pari a l’odio e più schifo totale,

nun t’auguro nemmeno er peggio male,

ché già ce l’hai addosso come un prezzo.

***

Ché qui qualificatte a poco vale,

anche l’inzurto più appropiato è un mezzo

che nun corpisce ar centro manco un pezzo,

de quanto te ripudio come tale.

***

Nun vojo da sperà ne la vendetta

o chissà quale urtimo giudizzio,

che ar Giudice de l’Univerzo spetta.

***

Vojo penzà, e guasi me ce sfizzio,

a quant’è bella Elena pupetta,

in braccio a Dio … a vive un novo inizzio.

***

Stefano Agostino

_____________________

***