Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

***

“Io so’ la vite e voi li trarci tesi”,

così a li discepoli je disse,

“stampateve ’ste Mie parole fisse:

dovete da dà frutti e frutti resi.

***

Un trarcio che nun cià rese prefisse,

viè senza tanti giri sottintesi,

tajato via si, passeno li mesi,

e nun produce eppoi, famo a capisse, …

***

… si rimanete in Me portate frutto,

e ve se pota come a ’gni ramo,

perché rènna deppiù e quest’è tutto.

***

Si rimanete in Me, Io che ve amo,

nisuno fra de voi verà distrutto,

chiedete e ciavrete ar Mio richiamo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Aprile 2024

Storie da la Bibbia: Abramo

Storie da la Bibbia: “Abramo”

***

Quanno lo scerze, Dio je fece: “Abramo,

sorti da Ur, da la tua tera adesso,

ascorta Me, nun èsse mai perpresso,

te condurò in un posto che Io bramo …

***

… pe te e pe fà de te er Mio rifresso,

pe datte discennenza e dar tuo ramo,

fa sgorgà un popolo che chiamo e amo,

a seguì l’orme pe tornà a Me stesso”.

***

Abramo che a quer tempo era già vecchio,

nun dubbitò mai de quela Parola,

se mise in viaggio e sempre prestò orecchio …

***

… a le promesse fatteje da Dio,

de Tera e discennenza a cui dà scòla,

 e Dio je rigalò in vecchiaia, un fìo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Aprile 2024

25 aprile

25 aprile

***

Giornata de memoria, ortre la festa,

’ndò s’aricorda la Libberazzione,

da infame, lorda e triste occupazzione,

de un reggime che chinò la testa.

 ***

Pe chi nun cià nozzione d’oppressione,

d’assurdità e violenza manifesta,

er venticinque aprile pe lui resta

‘na festa in cui fà ponte a l’occasione.

 ***

Chi invece sa che, dar nazzismo a Mao,

‘gni dittatura cià l’erbaccia inzana

de soffocà ‘gni libbertà e ’gni Tao …

 ***

… ringrazzia l’alleanza americana,

de chi cià libberato e er “bella ciao”,

de la curtura e lotta partiggiana.

**

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

22 Aprile 2024

22 aprile: giornata de la Tera

22 aprile: giornata de la Tera

***

’Sto dì p’er monno è er giorno de la Tera:

che gran vittoria pe l’ecologgia,

pulimo ’gni monnezza e zozzeria,

’sta sfera cià da èsse bombognera.

***

Peccato che ’sta bella fantasia,

dura sortanto da matina a sera,

ché da domani torna zella nera,

quer ch’arisprenne oggi in pulizzia.

***

Ma senza fà er guro o più l’asceta,

pe preservà la vita co l’ambiente,

c’è da capì, da l’A fin’a la Z …

***

… che nun è eredità da un parente,

ma va restituito ’sto Pianeta,

ch’è in prestito da la futura gente.

***

Stefano Agostino

_________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

***

“So’ bon pastore”, je disse er Signore,

“che dà la vita pe difenne er gregge,

che sempre se lo cura e lo soregge,

no com’er mercenario, ch’è a ore.

***

So’ bon pastore, quello che protegge,

ch’er pascolo conosce e dà Amore,

le pecore ricambieno er favore

seguennolo ner quanno dètta legge.

***

E pure si nun è de ‘sto recinto,

‘gni artra pecorella va seguita,

guidata perché ascorti co l’istinto.

***

Er Padre m’ha mannato a dà la vita,

che do e me riprenno, da Lui spinto,

a ‘sta “Missione” che j’è più gradita”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Aprile 2024

Storie da la Bibbia: Davide e Golia

Storie de la Bibbia: Davide e Golia

***

I

Intorno a l’anno mille avanti Cristo,

c’era la guera tra li filistei

e Israele co tutti l’ebbrei,

a perde la battaja in modo pisto.

***

Pe un omo sì che ne valeva sei,

un filisteo enorme, truce e tristo,

che uno uguale a lui nun s’è più visto,

manco tra gladiatori e colossei.

***

Golia er gigante, sì, fu propio quello,

che a chiude er conto, senza tiritera,

sfidò l’ebbrei a battese in duello.

***

E chi vinceva quela sfida vera,

de forza, de coraggio e de cervello,

faceva vince ar popolo la guera.

***

II

Ma tra l’ebbrei nun c’era mai nisuno,

che aveva quela forza e quer coraggio,

de battese in duello cor miraggio

de vince poi la guera, sarvo uno.

***

Un pischelletto, pastorello saggio,

Davide er nome, scerto da Quarcuno

pe èsse Re, ar tempo più opportuno,

che accettò la sfida der marvaggio.

***

Senza le armi e senza l’armatura,

ma Fede in Dio, a faje compagnia,

’na fionna e cinque serci de misura.

***

Co un sercio corpì l’artro e quinni in scia,

Davide je mozzò la testa dura,

e guera vinta a filistei e Golia.

***

De tutto ’sto racconto e de ’sta storia,

er succo da nun mette mai in obblìo,

è che contro ’gni male la vittoria

se pò ottené fidannose de Dio.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Aprile 2024

Nummeri: 2

Nummeri: 2

***

Er nummero che accoppia còre a còre,

pe dupricà er senzo a ‘gni perzona,

creà un’arternativa che sia bona,

ar centro de ‘na scerta, a dà sapore.

***

Polarità, più o meno, che stazziona

tra acceso e spento e che fa da motore

pe move l’univerzo e dà colore,

specchio de un tutto in cui se perfezziona.

***

Er lato de ‘na faccia e er suo opposto,

rovescio de medaja, un fronte retro,

sistema ch’è binario pe dà un posto …

***

… a ‘gni omo che sa sceje e sa fa sue,

ar bivio p’annà avanti e mai indietro,

le strade giuste. Tutto ar monno è DUE.

***

Stefano Agostino

______________________

***