Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno, 2018

I sonetti romani

30 giugno 2018

Aldo Fabrizi – Nun m’aricordo bene

Nun m’aricordo bene

***

Nun m’aricordo bene in che paesetto,

quanno che mòre un capo de famìa,

er parentado je fa compagnia,

facenno un pranzo intorno ar cataletto.

***

La tradizzione vò che ‘sto banchetto,

preparato durante l’agonia,

se faccia, senza tanta ipocrisia,

cor medico, cor prete e er chirichetto.

***

Doppo li pianti, la famìa se carma,

e ar punto che la pasta viè servita,

se brinda a la salute de la sarma.

***

Poi c’è l’invito, pe nun faje un torto,

e si a ‘st’invito nun ritorna in vita,

significa ch’er morto è propio morto.

***

Aldo Fabrizi

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 giugno 2018

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndò vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndò stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 giugno 2018

Er perdono

Er perdono

***

Nun sempre è così facile er perdono,

anzi arichiede spesso un bello sforzo,

de quelli co rigurgito e rintorzo,

quanno er boccone è tutt’artro che bono.

***

Ma chi ce riesce a mannà giù quer sorzo,

fa prima a sé che a l’artro, sai, un ber dono,

levannose pe sempre, cor condono,

‘gni macchia de possibbile rimorzo.

***

Ché a vive co la collera aretrata,

nun va a stà bene lui, co guai annessi,

più che l’artra perzona interessata.

***

E pe nun fasse un autogo’ da fessi,

co la misura de perdono usata,

saremo perdonati un dì noi stessi. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 giugno 2018

Quanto ne vale la pena?

Quanto ne vale la pena?

***

Campamo e s’addannamo tanto e spesso

pe cose che poi ar dunque dànno poco,

de quelle pe cui poco vale er gioco

de stasse a rovinà ‘gni nostro adesso.

***

So’ er primo io a accenneme e dà foco

a infervoramme pe un discorzo stesso

e m’avveleno pe quer tempo appresso

che passa prima che me smorzo roco.

***

Ma poi me viè pur sempre quer penziero,

che ferma tutto er monno e dà er confine

de quanto vale continuà davero …

***

… a perde tempo in cose peregrine,

invece de sfruttallo tutto intero

pe quelle ch’hanno un Fine senza fine.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 giugno 2018

A petto in fòri

A petto in fòri

***

Ciài tutto contro? Embè, tu fàtte forte!

Ariempi er petto e butta fòri l’aria.

C’è Vita che sta lì, straordinaria,

te sta a aspettà, tu aprije le porte.

***

Ché si ‘gni cosa pare che te caria,

tu mostraje che ciài ben artra sorte,

che sai lottà puranche co la morte,

e ciài ‘na forza guasi leggendaria.

***

Ce vole impegno, tigna e un ber coraggio,

ma nun se vince si nun se combatte,

e la vittoria è de affrontà ‘sto viaggio …

***

… senza dové rimpiagne o dì ch’è ita,

pe ciancicà le peggio frasi fatte,

ma ‘ndó ‘gni giorno varga er prezzo Vita.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 giugno 2018

A Simone e Paola

A Simone e Paola

***

Ve auguro de còre tutto er bene

da costruì ‘gni giorno stanno accanto,

come se dice, ne la gioia e er pianto,

ma er pianto sia de gioia e no de pene.

***

Ve auguro ‘na vita inzieme a incanto,

tanti momenti  a firm co vere scene,

in cui vive la vita a piene vene,

in cui ‘gni giorno conta e pure tanto.

***

Da oggi co ‘sto “Sì” e p’er futuro,

abbraccicateve più forte stretti,

quanno che c’è ‘no scojo ch’è più duro.

***

Quanno nun c’è, strigneteve li petti,

ch’è un modo, ch’è de certo er più sicuro,

pe dimostrà er TI AMO ne l’effetti.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani

23 giugno 2018

Trilussa: “La statistica”

trilussa - la statistica

La statistica

***

Sai ched’è la statistica?  E’ ‘na cosa,

che serve pe fà un conto in generale,

de la gente che nasce, che sta male,

che more, che va in carcere e che sposa.

***

Ma pe me la statistica curiosa,

è dove c’entra la percentuale,

pe via che, lì, la media è sempre uguale,

puro co la perzona abbisognosa.

***

Me spiego: da li conti che se fanno,

seconno le statistiche d’adesso,

risurta che te tocca un pollo a l’anno.

***

E si nun entra ne le spese tue,

t’entra ne la statistica lo stesso,

perchè c’è un antro che ne magna due.

***

Trilussa

____________

***