Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno, 2018

I sonetti romani

30 Giugno 2018

Aldo Fabrizi – Nun m’aricordo bene

Nun m’aricordo bene

***

Nun m’aricordo bene in che paesetto,

quanno che mòre un capo de famìa,

er parentado je fa compagnia,

facenno un pranzo intorno ar cataletto.

***

La tradizzione vò che ‘sto banchetto,

preparato durante l’agonia,

se faccia, senza tanta ipocrisia,

cor medico, cor prete e er chirichetto.

***

Doppo li pianti, la famìa se carma,

e ar punto che la pasta viè servita,

se brinda a la salute de la sarma.

***

Poi c’è l’invito, pe nun faje un torto,

e si a ‘st’invito nun ritorna in vita,

significa ch’er morto è propio morto.

***

Aldo Fabrizi

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Giugno 2018

Quanto ne vale la pena?

Quanto ne vale la pena?

***

Campamo e s’addannamo tanto e spesso

pe cose che poi ar dunque dànno poco,

de quelle pe cui poco vale er gioco

de stasse a rovinà ‘gni nostro adesso.

***

So’ er primo io a accenneme e dà foco

a infervoramme pe un discorzo stesso

e m’avveleno pe quer tempo appresso

che passa prima che me smorzo roco.

***

Ma poi me viè pur sempre quer penziero,

che ferma tutto er monno e dà er confine

de quanto vale continuà davero …

***

… a perde tempo in cose peregrine,

invece de sfruttallo tutto intero

pe quelle ch’hanno un Fine senza fine.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Giugno 2018

A Simone e Paola

A Simone e Paola

***

Ve auguro de còre tutto er bene

da costruì ‘gni giorno stanno accanto,

come se dice, ne la gioia e er pianto,

ma er pianto sia de gioia e no de pene.

***

Ve auguro ‘na vita inzieme a incanto,

tanti momenti  a firm co vere scene,

in cui vive la vita a piene vene,

in cui ‘gni giorno conta e pure tanto.

***

Da oggi co ‘sto “Sì” e p’er futuro,

abbraccicateve più forte stretti,

quanno che c’è ‘no scojo ch’è più duro.

***

Quanno nun c’è, strigneteve li petti,

ch’è un modo, ch’è de certo er più sicuro,

pe dimostrà er TI AMO ne l’effetti.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 Giugno 2018

Come nasce un sonetto

Come nasce un sonetto

***

T’affanni pe cercà l’ispirazzione,

da mette in rima subbito un penziero,

e più lo fai e più arimani a zero,

senza l’idea giusta a l’occasione.

***

Te sforzi e te scervelli un giorno intero,

ma nun te viè manco su ordinazzione

la strofa che s’allaccia a dà espressione

a l’artra che la segue sur sentiero.

***

Invece quanno meno te l’aspetti

te sarta in testa e va poi dritta ar còre

l’idea che te compone li verzetti.

***

E appena che l’ingrani quer motore,

poi tutto parte e vengheno sonetti,

che ciànno er gusto tutti de l’amore.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima

21 Giugno 2018

Ciao Radja

Ciao Radja

***

Si è vero che ner carcio più moderno

nun c’è più spazzio pe fà le bandiere,

Totti e De Rossi, urtime frontiere,

er resto nun s’appunta ner quaderno …

***

… pe Radja Nainggolan nun sò più vere

frasi così, lui qui stava in eterno,

intenno co ‘sta maja estate-inverno,

lui ch’è cacciato a carci ner sedere.

***

Pe poi arigalallo a chi? A Spalletti?

Du’ spiccioli er prezzo concordato,

pe ‘na cessione che, come la metti, …

***

… me pare già un erore conclamato,

ce penzerà er campo a dà verdetti,

ok vabbè, ma er Ninja se n’è annato.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Giugno 2018

Artri monni

Artri monni

***

In fonno che ce vò, stanno qua dietro,

de anni luce sò appena quaranta,

è l’urtima scoperta che ce ‘ncanta,

d’avé de l’artre Tere appena a un metro.

***

Quaranta in anni luce pare tanta,

ma confrontata ar Cosmo è appena addietro,

è come si ce separasse un vetro,

un’artra Tera che la vita vanta.

***

Me immaggino ‘na Tera a noi gemella,

a un attimo da qui in tempi da spazzio,

co un’artra Luna e er Sole come stella.

***

E ommini anche lì … e Dio aringrazzio,

nun semo soli, ma un dubbio scervella:

“Nun è che pure là ce sta la Lazzio?”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Giugno 2018

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

***

Così Gesù diceva un dì a la folla:

“Er Regno è come l’omo quanno getta

er seme ne la tera che s’affretta

a germojà, pure che l’omo molla.

***

Quer seme fa lo stelo e la spighetta

poi er chicco pieno, come che un’ampolla,

la farce miete er frutto che se bolla

pronto pe la raccorta più perfetta.

***

Er Regno è ancora come er granellino

de senapa che, seminato in tera,

è er seme in tutto er monno er più piccino.

***

Ma quanno cresce viè da quer che era

er più potente arbero in giardino

che a ‘gni ucelletto je fa ombra vera”. 

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***