Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di luglio, 2018

Pillole

31 luglio 2018

“Luglio” testo rivisitato e corretto

“Luglio” testo rivisitato e corretto

***

Lujo, un mese ch’è ‘no scojo,

che nun finisce mai … ia ia ia iahi.

Lujo, un callo che me squajo

e un’afa che nun sai … ia ia ia iahi.

Solo tu, che stai ar mare,

grazzie ar ca…, fai come te pare,

e dicevi… lujo ce porterà fortuna

… te credo stai a Corfù …

 Io me ‘ncoccio sott’ar Sole

un callo che se mòre

in metro pòro me…

***

Lujo, però si nun me sbajo

domani sloggerai … ia ia ia iahi,

lujo, ma penza tu che guaio,

quanno aritornerai … ia ia ia iahi,

ma perché …. ‘gni anno aritorni,

sempre tu … trentuno giorni,

ma tra poco, a costo che te sfanculi agosto

 me maschero da gnù …

basta che mentre lasci er posto

er grill ar girarosto

io nun lo faccio più ….

***

Lujo adesso già sto mejo

che bello te ne vai … ia ia ia iahi

lujo, ma penza si me svejo

è ar 5 ancora stai … ia ia ia iahi

si è così, prenno e m’ammazzo,

tanto tu m’hai rotto er ca…zzo,

ma peffortuna, lo dice anche la Luna

ch’er primo agosto è lì,

lujo, sparisci cor tuo imbrojo

ner mentre che me sdraio … io te sfanculo qui ...

la la la la la la la la la la ia ia ia iahi…

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 luglio 2018

Boccata d’aria

Boccata d’aria

***

Esco da ’sto cemento e sto in terazzo,

p’arigalamme un mozzico de cèlo,

ridotto com’è mó, sempre più a un velo,

coperto da le grate der palazzo.

 ***

E da quassù, sfidanno pure er gelo,

me metto a guardà er monno e me sollazzo,

l’inzieme de colori a fà un arazzo,

a cui j’han dato vita ’ndentro ar telo.

 ***

E vedo l’orizzonte in porporina,

che friccica de luce immagginaria,

che ’ndó sto io, nemmanco in cartolina.

 ***

E propio su ’sta scena planetaria,

co un sorzo in bocca d’aria libbertina,

m’è già passata un’ora, l’ora d’aria…

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 luglio 2018

La mortiplicazzione de li pani e de li pesci

La mortiplicazzione de li pani e de li pesci

***

“Ce sò du’ pesci e appena cinque pani,

che je daremo da magnà a ’sta gente,

venuta fin’a qui? Chi se la sente

de dije annate a casa e a domani?”

 ***

Gesù arispose: “Nun je dite gnente,

contate quanti sò ’st’esseri umani.”

“Sò cinquemila e manco tutti sani”,

“Mó magneranno abbonnantemente”.

 ***

E detto questo arzò quel’occhi ar cèlo,

e rese grazzie poi ar Padre Celeste,

spezzò quer pane, segno der Vangelo.

 ***

Magnarono le cinquemila teste,

er pane e er pesce, tutte, e co gran zelo,

ché sò avanzate poi dodici ceste.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 luglio 2018

Er Tempo

 bicchiere

Er Tempo

***

Bojaccia, er Tempo che gran fregatura!

Quanno che sei pischello o regazzino,

ne li disegni tua sogni er trenino,

che te stazziona già a l’età matura.

 ***

Quanno sei omo, è tutto un gran casino,

vòresti tornà a èsse creatura,

mentre in capoccia la capijatura,

se ‘mbianca com’er sole der matino.

 ***

E lì che prenneresti quer vagone,

ch’avevi un dì pittato sur quaderno,

pe ariportallo a la prima stazzione.

 ***

Ma nun a caso se anagramma in “terno”,

quer “treno” che cià un’artra direzzione,

che pò sapé sortanto er Padre Eterno!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 luglio 2018

La Luna rossa

La luna rossa

La Luna rossa

***

Quanno la Tera in moto se frappone,

ar centro esatto lì tra Sole e Luna,

a la seconna quasi l’importuna

facennoje de ‘n tratto da ombrellone.

***

Visibbile, si er cèlo annotta o abbruna,

e nun lo sporca ‘na pertubbazzione,

se chiama eclisse e vale l’occasione

de vivela co un sorzo de fortuna.

***

La Luna che d’un tratto se fa rossa

l’effetto che ha voluto dà er Regista,

der firm de l’univerzo e ‘gni sua mossa.

***

Ma fórze più che pe quer granne Artista

è la vergogna a coloraje l’ossa

der monno che je ‘ntorcica la vista.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 luglio 2018

Roma in rima: un novo inizzio

Roma in rima: un novo inizzio

***

Hai da imparà in quarziasi situazzione,

che tutto poi te pò venì a vantaggio,

pur quanno che te prenne lo scoraggio,

co tutto er monno contro a dà er magone.

***

Quer ch’è successo a me in de ‘sto paraggio,

cor sito che m’è ito in confusione,

era sparito tutto e ‘gni mia azzione

faceva pure peggio, guasi a ortraggio.

***

E invece co ‘sto fatto ch’è successo

co l’assistenza de gente provetta,

ho resettato tutto, anche me stesso.

***

Ce vole ‘na strijata, è benedetta,

pe damme er conto che succede spesso

che da ‘na storta viè ʼna linea retta.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

25 luglio 2018

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

 ***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

 ***

Adoro ’sta città, immenza, eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita sempre attiva, ’na cisterna.

 ***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

______________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: A Roma mia

***

******