Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

31 agosto 2018

Milan – Roma

Milan – Roma: 2-1

***

Quanno che prenni un go’ così fa male,

a l’urtimo minuto stabbilito,

se perde e ciarimani annichilito

nun t’esce un fiato e più ce penzi è uguale.

***

Te chiedi quer pareggio a che è servito,

cor risurtato a buttà giù er morale,

un punto nun è gnente de speciale,

ma oggi era bono e assai gradito.

***

Se torna a casa senza arcun bottino

anzi simmai co sto ber magone,

pe nun avé ariccorto un punto inzino.

***

Ma stamo qui a l’inizzio de staggione

c’è tempo pe riarzà gambe e bacino

e tornà in corza a ‘gni competizzione.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

L’amministratore de condominio

assemblea 2

L’amministratore de condominio

******

“Che vòi fà te da granne?” – chiese mamma.

Ero un pischello e dissi: “Er carciatore!

Pure er pilota o l’esploratore

o lo scènziato, pe allargà la gamma”.

***

Ma mó direbbe l’AMMINISTRATORE,

quello de condominio, er cui programma,

è de trovà la crema che je sfiamma,

le dita a contà sòrdi a tutte l’ore.

****

Basta fissà ‘gnitanto un’assemblea,

parlà de scale, tegole e terazzo,

buttacce in mezzo l’ENI o ar più l’ACEA …

***

… è tutto qua, nun hai da fà più un cazzo,

sinnò che stà a penzà a quarch’artra idea,

pe arisvotà le tasche der palazzo!

*****

Stefano Agostino

______________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

30 agosto 2018

Piazza de Spagna

Piazza de Spagna

***

Ar fonno tra Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de Monti,

Piazza de Spagna aspetta li tramonti,

pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina.

 ***

È quer momento che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa e l’aria è fina,

lei ch’ha ospitato er monno la matina,

mó vole che quarcuno l’aricconti.

 ***

Fin ortre la fontana de Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

te strigne attorto a sé, tutta s’abbraccia.

 ***

Qualunque giorno sia, quarziasi data,

come la imbocchi e ch’arzi un po’ la faccia,

te ne innamori solo co un’occhiata.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 agosto 2018

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta, e poi ar deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra er Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio e a Suo Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

27 agosto 2018

Roma – Atalanta

Roma – Atalanta: 3-3

***

Pe come ch’è venuto er punticino

dopo quer primo tempo da vergogna,

ch’avrebbe meritato vera gogna,

pe quanto scarzo, è pure un ber bottino.

***

Segna Pastore, tacco e già se sogna,

ma è un incubbo a firm de Tarantino,

prenni tre go’ come un regazzino,

co l’Atalanta che guasi te ‘nfogna.

***

Poi ner seconno tempo cambia er vento,

la Roma torna squadra e gioca forte,

Florenzi segna er due, rabbia e talento.

***

E sur finì c’è Manolas che sorte

sarà abbonato ar terzo go’, lo sento,

pe un tre pari che … poche artre vorte.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Er matino

Er matino

***

Pure d’estate cià der frizzantino,

co un’aria come che sta pe succede

quarcosa che nun sai e che nun se vede,

ma ce lo sai ch’è lì, te sta vicino.

 ***

M’addanno pe la gente che nun crede,

che ’gni matina è frutto der divino,

come si fosse un caso o più un casino,

’sto monno ch’arisplenne de mercede.

 ***

Poi mano a mano che passeno l’ore,

tenne le braccia ar giorno che l’annega,

facennoje sparì gusto e sapore.

 ***

Tant’è che resta un dubbio e nun se spiega,

com’è che nun je porta mai rancore,

torna er matino dopo e se ne frega…

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 agosto 2018

Dar Vangelo der giorno: “da chi anneremo?”

Dar Vangelo der giorno: ” da chi anneremo?”

***

Gesù vide d’un tratto ch’er discorzo

sur pane e er vino e le parole dure,

s’era abbattuto giù come ‘na scure,

su quelli che seguiveno er percorzo.

***

Tante perzone, ormai nun più sicure

de stà a seguì er Signore e quer suo corzo,

pe quarche cosa che je s’è arintorzo,

già staveno a cercà artre avventure.

***

Li dodici arimasti a annaje dietro,

se li guardò co un’aria assai fraterna,

appena distanziato un quarche metro.

***

Je disse: “Pure voi, in tripla quaterna,

volete annà?” – “E da chi?” – je fece Pietro – 

“parole ce l’hai Tu, de vita eterna!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***