Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

30 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

***

Disse Gesù: “Chi scannalizza un pupo,

è mejo che co un sercio intorno ar collo,

se butti, senza manca aspettà er bollo,

in fonno ar mare, dritto da un dirupo”.

***

E ancora: “Si la mano tua dà accollo

a scannalo de un brutto, cupo cupo,

nun perde tempo, mozzela da lupo,

è mejo ar Regno monchi e co barcollo …

***

… che a l’Inferno o Geènna indentr’ar foco.

Similimente er piede oppure l’occhio,

tajali, si de scannalo anche poco.

***

È mejo entrà da zoppi o orbi ar cocchio

su ar Paradiso, che sani in quer loco

‘ndó regna er verme e tutto è un gran papocchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

29 settembre 2018

Roma – Lazio

Roma – Lazio: 3-1

***

Fazio…sità, goduria ch’è infinita,

che Kolaro…ma è tutta un’artra cosa,

se vince contro “quelli” e strepitosa

è ‘sta giornata sì, pe com’è ita.

***

Lorenzo Pellegrini … tacchi a iosa

ner segno de Pastore apre la gita,

poi er pari a rigalaje ‘na sortita,

facennoceli crede … pe ‘na posa.

***

Poi ar 71 … , propio quer minuto

c’è Kolarov che segna un go’ subblime,

er tre è de Fazio … e piagne quer pennuto.

***

Senza stà a fà né carcoli, né stime,

me godo ‘sta vittoria e ve saluto,

co un GRAZIE ROMA … che chiude ‘ste rime.

***

Stefano Agostino

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

Piazza der Popolo

Piazza der Popolo

***

Er Corzo, Babbuino e via Ripetta,

je chiudeno er Tridente a fà piazzale,

seguenno l’obbelisco pe puntale,

cor Pincio che da sopra fa vedetta.

 ***

’Sta piazza se ne sta così, centrale,

tra er sueggiù de chi se move in fretta,

e chi se gusta er tempo che je spetta,

godennoselo tutto quanto vale.

 ***

Se lucida e se lustra la matina,

quanno che ancora gira poca gente,

che ariva tutta assieme e l’incasina.

 ***

Ma è in quer momento prima, a luci spente,

che l’arba appena appena se ’ncammina,

l’eco de tutta Roma s’arisente.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 settembre 2018

L’inventore de scuse

L’inventore de scuse

***

Pò caricalla un po’ come je pare,

cercanno de ‘mbastì mezze parole,

ma chi ‘na cosa, tanto, nun la vole,

nun te la fa, manco si svoti er mare.

***

Simmai se ‘mpegna a costruì ‘ste sòle

(pe nun usà espressione più vorgare)

solitamente sempre poco chiare,

a impedije er fatto e se ne dole.

***

Ma ce lo sai che vanta un campionario

de palle da fà invidia pure a Messi

o a un quarche romanziere visionario.

***

Se crede de fà tutti l’artri fessi

e nun lo sa che, a annà pe ‘sto binario,

poi se finisce pe ingannà se stessi.

***

Stefano Agostino

______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

26 settembre 2018

Roma – Frosinone

Roma – Frosinone: 4-0

***

Che ‘sta vittoria sia de bon auspicio,

pe un novo campionato e ‘na staggione

che parte co ritardo e cor magone,

ma che se pò riprenne cor suo ufficio.

***

Nun è che adesso batte er Frosinone

che sta ridotto guasi ar dentifricio,

vor dì avé scordato er sacrificio

de punti perzi senza ‘na raggione.

***

Comunque si nun artro è un passo avanti

ma p’èsse inizzio de ‘na passeggiata

occore de fà squadra tutti quanti …

***

… come Under, Pastore e l’accoppiata

co El Shaarawy e Kolarov, sonanti

pe un poker de la Roma, che arifiata.

***

Stefano Agostino

  ***

I sonetti romani,Schegge di vita

Autunno

Autunno

***

È la staggione der ritorno a scòla,

der tempo che s’aggriggia e der majone,

de le giornate cor termosifone,

de quanno ch’accoperti le lenzola.

 ***

E li colori vanno dar marone,

tennente ar rosso mogano e nocciola,

le foje intappetate a fà da spola,

dar giallo paja a l’ocra più carbone.

 ***

Prima de la castagna e der novello,

ce sò li fichi scuri de Settembre,

ma quann’è Ottobbre er sole cià er mantello.

 ***

Piagne li morti, er cèlo de Novembre,

la sciarpa pare dì a guanti e cappello,

ch’è tempo de sgobbà, ecco Dicembre.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 settembre 2018

Er giorno da zero a zero

Er giorno da zero a zero

***

Che brutta la giornata zero a zero,

a corto d’emozzione e de sapore,

è quella in cui trascoreno le ore,

ma manca un senzo ar tempo, quello vero.

***

Er giorno senza gioja né dolore,

quarcosa che fa vive pe davero

ner dentro der profonno, tutto intero,

o bianco o nero, ma nun sia griggiore.

***

Quer giorno ariva sera e fai er totale,

nun hai segnato un go, né l’hai subbìto,

vabbè, d’accordo, l’hai campato uguale …

***

… ma ce lo sai dentro de te ch’è ito,

senza giocallo tutto e tanto vale

a dì ch’è un “dì” ch’è mejo sia finito!

***

Stefano Agostino

______________________________

***