Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre 3, 2018

I sonetti romani,Romanamente

3 settembre 2018

Arzamme dar letto de lunedì

Arzamme dar letto de lunedì

***

Nun je la faccio oggi, sarà er callo,

sarà ch’è lunedì o che ciò sonno,

sarà quarcosa ch’è anniscosta in fonno,

ma nun me va, già solo che a penzallo.

***

E invece m’ho da arzà da lo sprofonno

der letto che, sortanto che a guardallo,

me mette nostargia, ché a nun lassallo

ce pagherebbe tutto l’oro ar monno.

***

M’ho da levamme in piedi, e pure presto,

si è già ‘no sforzo er semplice penziero,

figurate che è, a fallo er gesto.

***

Ma quanno me so’ arzato pe davero,

me renno conto che mica so’ desto,

ma dormo, ch’è più svejo un cimitero.

***

Stefano Agostino

__________________________

***