Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre 4, 2018

I sonetti romani,Romanamente

4 settembre 2018

Er posteggiatore

Er posteggiatore

***

Cià l’arte sua de materializzasse,

manco si fusse teletrasportato,

appena hai visto un posto e hai parcheggiato,

te piomba addosso, come toji er gasse.

 ***

Si l’ariguardi mó ch’hai posteggiato,

te pare un esattore de le tasse,

borzetta ar collo e tasche a fà da casse,

e te domanni chi ce l’ha mannato.

 ***

“Giusto un’anticchia – stop – così, preciso,

venghi dottò, l’aiuto a fà manovra”,

e già t’ha cojonato cor soriso.

 ***

“Nun s’ha da preoccupà, la guardo io”,

ma quello, co tentacoli da piovra,

se ’ntasca l’euro e già t’ha detto addio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***