Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre 18, 2018

I sonetti romani,Romanamente

18 settembre 2018

Pe fà un sonetto

Pe fà un sonetto

***

Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:

la tronca è da evità, pe poesia,

ce serve un tocco in più de fantasia,

ché in “ARE”, “ERE” e “IRE” nun fa presa.

 ***

Er participio, “ATO” o “ITO” sia,

cià più der trapassato e sa de resa,

“amore e còre”, nun dà più sorpresa,

ar punto che ce perde de maggìa.

 ***

La metrica, che serve a dettà tempi,

cià regole più lei de l’univerzo,

da nun riuscì nimmanco a favve esempi.

 ***

Ma, forma a parte, si te senti perzo,

vòi fà un sonetto che t’aggradi e riempi?

Ascorta er còre, bene, e scrivi er verzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***