Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre, 2018

I sonetti romani,Romanamente

31 ottobre 2018

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

***

Fantasmi, mostri, zucche e facce vote,

no, nun è er Parlamento, è “Halloween”,

la festa ’ndó arisona er din din din,

der commerciante che nun cià artre note.

 ***

E sì, perché oggiggiorno è un po’ più “in”

stà a scimmiottà l’usanze artrui più ignote,

anche le più assurde o le più idiote,

che noi importamo senza fà er “check-in”.

 ***

Vampiri, pipistrelli e fattucchiere,

arancio e nero a faje da tintura,

tra maschere de streghe e de dentiere.

 ***

Ma ce sta pure chi, pe sua natura,

arisparmianno er trucco e er parucchiere,

basta ch’esce così, già fa paura!

***

Stefano Agostino

________________________

***

Guestbook,I sonetti romani

30 ottobre 2018

Roma città … allerta

Roma città … allerta

***

E ciarisemo, un artro nubbifraggio,

come pronosticato da l’allerta,

e Roma intanto è sempre città aperta,

da buche che ne onoreno er lignaggio.

***

Tombini che oramai ciànno ‘na certa,

e l’arberi che cascheno ar passaggio,

de fiumi a mo’ de strade e che coraggio

attraverzalli senza guida esperta.

***

Dar centro pieno a la periferia

è tutto un gran casino generale,

ché ‘gni seconno scapperesti via.

***

Ma è un penziero che come m’assale

lo caccio a carci co tanto de scia,

me tengo stretta ‘sta città uguale.

***

Stefano Agostino

_________________

 ***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

29 ottobre 2018

Napoli – Roma

Napoli – Roma: 1-1

***

Un pari che a penzallo da l’inizzio

ciavressi messo pur la firma sotto,

a Napoli co questi un pareggiotto

diciamo che sembrava già ‘no sfizzio.

***

Ma quanno che ce prenni pure er vizzio,

che stai in vantaggio e rischi pure er botto

a pià un go’ così e pagà lo scotto

te butta giù più giù de un precipizzio.

***

Peccato era er modo più azzeccato

pe fasse perdonà de quanto fatto

finora in de ‘sto strano campionato.

***

Comunque si nun ce diventi matto

de certo er punto è bono conclamato

pe udito, occhi, gusto, naso e tatto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 ottobre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la guariggione der cèco nato”

Dar Vangelo der giorno:

“la guariggione der cèco nato”

***

Gesù vide, passanno, un pòro cèco,

un cèco da la nascita qual era,

allora Lui sputò dritto pe tera,

 pe fà der fango, da portallo seco, …

***

… sparmajelo su l’occhi come cera,

“Vatte a lavà” – je disse: -“a Sìloe” (in greco,

vor dì “inviato”) e er fatto fece eco,

(ch’er cèco vide), tra la folla intera.

***

Quest’urtimo parlò co li Giudei,

più vorte e disse che mó ce vedeva,

ma, cèchi loro, come farisei …

***

… nun je credettero a quer che diceva.

Poi arincontrò Gesù: “Io so chi sei”

je se prostrò, er ginocchio fece leva. 

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

27 ottobre 2018

Trilussa – Er vino

Er vino

***

Si anticamente se ‘ntoppava uno,

er vino je sfogava in alegria,

faceva ‘na cantata e annava via,

senza rompe le scatole a nessuno.

***

Ma si se ‘ntoppa adesso, mamma mia,

cià sempre l’aria de scannà quarcuno,

strilla, biastima, ruga e fa er tribbuno,

ch’è la cosa più brutta che ce sia.

***

Tutta corpa der vino. Mi’ marito,

quanno che se pijava le tropee,

era addrittura er cocco der partito.

***

Poi, co la cosa de le convurzioni,

lassò da beve, mijorò l’idee

e rassegnò le propie dimissioni.

***

Trilussa

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 ottobre 2018

Sur traffico de Roma

Sur traffico de Roma

***

De traffico qui a Roma n’ho trattato

che si ammalloppo assieme li sonetti,

ce faccio un’ode, un fracco de verzetti,

cor gioco a ennecasillabbo tracciato.

***

Ma datosi che nun sò mai perfetti,

è bene aritornà su ‘sto serciato,

perché qui a Roma più che ‘mbottijato,

ner traffico ce vivi amori e affetti.

***

Fai conoscenza ar primo stop, ch’è rosso,

cominci a chiacchierà, tanto nun scatta,

eppoi pure che scatta … chi s’è mosso?

***

‘Na chiacchiera e se passa, gratta gratta,

a innamorasse, che ce sarti er fosso,

du’ còri e ‘na capanna ch’è de latta.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

25 ottobre 2018

Proposito

Proposito

***

Avvicinamme co chi sta distante,

pe vive pienamente ner presente,

dà peso e un valore solamente

a quer che conta, è vero e è importante.

***

Nun stasse a preoccupà der poco o gnente,

tené a l’affetti come cose sante,

curà sortanto ciò ch’è interessante,

seguì passioni e stuzzicà la mente.

***

Avecce sogni d’ali variopinte

e braccia aperte e mani sempre pronte

a inzozzasse come a restà giunte.

***

E desideri che nun sieno vinte,

rivorti tutti verzo un orizzonte,

che spiana picchi, vette, cime e punte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***