Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre 16, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

16 settembre 2018

Roma – Chievo

Roma – Chievo 2-2

***

Pe buttà giù du’ verzi senza rabbia

me so’ dovuto mette tosto un freno,

sinnò tiravo fòri un gran veleno,

che nun cià manco er cane chiuso in gabbia.

***

Ma dentro ho già riempito e fatto er pieno

de inzurti de ‘gni spèce e de ‘gni labbia,

a chi ha porverizzato come sabbia 

quarziasi sogno pe ‘sta squadra armeno.

***

Dopo che vinci un tempo pe due a zero

de certo nun pò èsse ‘sto pareggio

che sa più de sconfitta pe dì er vero.

***

Ma tanto nun se pò toccà ch’è sfreggio

chi de ‘sta Roma è ancora er connottiero

che rischi de fà pure arquanto peggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che sto a fà qui su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si ce sta chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

e a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, ch’è er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, ma viemme addietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***