Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 14, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

14 agosto 2018

Genova

Genova

***

SILENZIO. È tutto quer che riesco a scrive,

guardanno a ch’è successo co quer ponte

venuto giù, squarcianno l’orizzonte

tra li pilastri de l’opposte rive.

***

Traggedia e nun se pò sapé la fonte,

né si ce sò artre perzone vive,

là sotto a le macerie e quante prive

de vita che s’è spenta come ar fronte.

***

Se strigne tutta Italia in de un abbraccio

a Genova e a un pezzo suo de còre,

corpito da ‘st’oribbile fattaccio.

***

Che mó ce penzi solo ch’er Signore,

(ma qui me fermo e più nun je la faccio)

a daje pace a chi piagne un dolore.

***

Stefano Agostino

___________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

L’ottavo colle

ottavo colle

L’ottavo colle

***

Lassù in cima a piazzale Garibardi,

sur pizzo da ‘ndó Roma se riassume,

pòi buttà un occhio ovunque a passà er fiume,

da quanno arbeggia fino a sera tardi.

 ***

E si ce vai de notte se presume,

ch’è pe scambià parole dorci e sguardi,

carezze e baci accesi da mijardi,

de stelle pitturate a fà da lume.

 ***

Su in pizzo ce sta er Faro, dov’è rito,

che un cannone a mezzoggiorno esatto,

fa un botto a ricordà er pranzo è servito.

 ***

Più in basso er Fontanone che de un tratto,

pare che da un giardino è aricucito,

“Gianicolo” se chiama ‘sto ritratto.

***

Stefano Agostino

________________________

***