Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 11, 2018

Frammenti di Roma,I sonetti romani

11 agosto 2018

Er milite ignoto

milite ignoto

Er milite ignoto

***

Lo so che stai a penzà tu da là dentro,

de tutto quer via-vai che ciài de sotto,

da che se va in costume ar cappotto,

è sempre ‘na fiumana in pieno centro.

***

Te ‘mmaggino a parlà cor polizziotto,

da quell’artare a dije: “E io che c’entro?

Sò decisioni vostre, nun m’addentro,

ma cacchio ho fatto, pe pagà ‘sto scotto?

***

Pure mazziato, ortre che cornuto,

m’hanno chiamato, e già, er milite ignoto,

so’ morto e mai più fui riconosciuto.

***

E tutto er giorno tra machine e moto,

e ‘sta Piazza Venezzia ch’è un imbuto,

riposo in pace solo ne le foto”.

*

Stefano Agostino

________________________

***