Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 1, 2018

I sonetti romani,Romanamente

1 agosto 2018

Er gatto a zonzo

Er gatto a zonzo

***

Un giorno un gatto, stufo de la strada,

se mise in testa de trovà padrone,

cercannose ‘na commoda penzione

de un chicchessia che lo tenesse a bada.

***

Un po’ de fusa e un poco d’attenzione

ner nun sporcà, ma poi che vòi che accada,

– penzò – m’eviteranno, mar che vada,

er freddo, er callo e la marnutrizzione.

***

Ma er micio se trovò solo soletto,

rinchiuso in casa e senza compagnia

de un padrone, stracco sempre a letto.

***

E pe nun miagolà de nostargia,

tornò pe strada e disse: “Nun ciò un tetto,

ma vivo a zonzo, co l’a-mici mia”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***