Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 9, 2018

Frammenti di Roma,I sonetti romani

9 agosto 2018

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

si me dài retta, prova la scoperta,

de fatte un giro in centro in pieno agosto.

 ***

’Gni strada, piazza o via da te prescerta,

a l’occhi tua te pare un artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lassa fisso a bocca aperta.

 ***

Io, spèce quann’è sera, me ce attardo,

pe riaffacciamme ar Tevere là in fonno

e me ce sperdo fisso in quelo sguardo.

 ***

M’ariempio de un orgojo in quer seconno,

mentre aringrazzio Dio der Suo riguardo,

p’avemme dato er mejo che c’è ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***