Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

31 maggio 2018

Dar Vangelo der giorno: “er Magnificat”

Dar Vangelo der giorno: “er Magnificat”

***

“L’anima Mia magnifica er Signore”,

– Maria quer giorno esclamò esurtante,

innanzi a Elisabbetta che, gestante,

sentì su’ fìo già parpità d’Amore.

***

Maria poi seguitò a voce squillante: 

“esurto in Dio che è er Mio Sarvatore”,

preludio ar canto ar Vespro ne le ore

de quel’intera umanità orante.

***

“Magnificat”, sto canto Suo de lode,

in cui esarta Dio, l’Onnipotente,

pe quer ch’ha fatto a l’omo e che è un’Ode …

***

… che nun ce sta poeta, pur credente,

che possa scrive verzi, arie e code,

de tale Fede, e che ar confronto è gnente.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

29 maggio 2018

Er paladino de l’ingiustizzia

Er paladino de l’ingiustizzia

***

Fai er paladino, sì, de la giustizzia,

er difenzore de l’istituzzioni,

de Mattarella e de le sue raggioni,

de com’è ita, tanto a te te sfizzia.

***

Ma si vincevi tu a ‘st’elezzioni

e nun potevi governà, te inizza 

o no a venì er sospetto a che notizzia

  avresti scritto e quali titoloni?

***

Invece si sò cinquestelle e lega

a protestà pe un voto sputtanato,

tu parli d’estremismo … chettefrega.

ééé

Pe un paese che si è Stato è stato

mó è un participio che ar passato piega,

e qui nun verà più “maiuscolato”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

A parlà chiaro se va

A parlà chiaro se va

***

Che te ce vò, tu dimme, a parlà chiaro?

Senza annisconne er vero in der penziero,

a dì er bianco ar bianco e er nero ar nero

e no cercà ‘na scusa pe riparo.

***

Ché a parlà chiaro ossia a èsse sincero,

pe quanto spesso t’arisurta caro,

se va, lo dice er detto, mica baro

e nun se sbaja certo a dì er vero.

***

Ché troppi guai io me sarei evitato,

si avessi detto chiaro che volevo

e nun ciavrei tant’ombre ner passato.

***

Ma ‘gnuno ne la vita ha un medioevo

quer ch’è importante è poi èsse arinato

e un grazzie ar parlà chiaro je lo devo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 maggio 2018

Repubblica de Purcinella

Repubblica de Purcinella

***

No, nun poteva èsse, chiaramente,

che pe ‘na vorta er popolo sovrano

chi aveva eletto, annasse poi de plano

a governà, com’era giustamente.

***

Ma guarda invece tu che caso strano,

invece che dà retta a la sua gente,

ch’ha scerto er cambiamento più evidente,

se sò aggiustati, a propio modo, er piano.

***

Mannanno a l’aria tutto quer “contratto”

siglato tra la Lega e Cinquestelle,

buttanno giù quer ch’era pronto e fatto.

***

Così l’Europa e l’Usa, sentinelle,

sò state accontentate … e che sei matto?!?

Si nasci schiavo, pòi morì ribbelle?

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 maggio 2018

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò fà un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte e ar tempo stesso in communione,

dico quel’espressione d’Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è normale, è ovvio, er Trio divino,

è un Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è argomento che lo spieghi, tanto

ce pòi arivà sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei e a quer Suo impianto,

che pòi intuì un solo Dio in cui crede:

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima

26 maggio 2018

Boskov e la finale Champions

Boskov e la finale Champions

***

Er granne Vuja Boskov, vero saggio,

ner carcio certamente, ma anche artrove

ciaveva un campionario pe ‘gni dove

de frasi che ne fanno un perzonaggio.

***

E le diceva sempre senza prove,

come je usciveno, senza fà ortraggio,

e tutte sempre piene de un messaggio

che le fa ancora oggi, sempre nòve.

***

Così quanno la Champions sta in finale,

diceva che: “Si l’omo cià più ardore

de sta co donna, più che sur canale …

***

… partita, bira fredda, certo è un promo

che quello sarà pure vero amore,

ma lui de certo nun è vero omo!”  

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

25 maggio 2018

Cicala e formica … oggi

cicala e formica ... oggi

Cicala e formica … oggi

***

Le favole che sò de data antica,

vanno arilette ar passo co li tempi,

così che, ar giorno d’oggi e co ‘st’esempi,

le storie nun sò più le stesse mica.

***

Ché co ‘sti granni scannali e ‘sti scempi,

presempio, la cicala e la formica

rivista oggi, Dio ce benedica,

ciavrebbe ‘sti finali ben più empi.

***

Co la formica a spigne da cojona

tutta l’estate, quanno la compagna

intanto se la canta e se la sona.

******

Ma, ar tempo de l’inverno, la cuccagna

che ha accumulato cambia de padrona,  

 ché ariva la cicala e se la magna!

***

Stefano Agostino

_____________________________

***