Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile, 2022

I sonetti romani,Romanamente

30 Aprile 2022

Guera e Pace

Guera e Pace

***

Me pare se stia arzanno l’asticella,

invece de tentà cor negozziato,

de ritrovà la Pace tra ‘gni Stato,

e fà finì ‘sta guera, se sbarella …

***

… nun solo in Russia, er che pare scontato,

ma anche ne l’Europa ch’è sorella,

se parla solo d’armi e a capoccella

er carico lo mette poi la Nato.

***

Piuttosto che cercà un dialogo vero,

pe dichiarà la fine de la guera,

facenno ripartì tutto da zero …

***

… ‘gni giorno qua s’allarga la frontiera,

de un odio che se fa sempre più nero,

mentre la Pace ammaina la bandiera.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani

28 Aprile 2022

Leicester – Roma Co.L

Leicester – Roma: 1-1

***

La Roma su a Leicester fa un pareggio,

prima va avanti poi er loro pari,

poteva annà in modi li più vari,

tra questi certo pure l’annà peggio.

***

Er go’ de Pellegrini, piedi rari,

passaggio de Zalewski, ch’è de preggio,

la rete che se gonfia a fà da sfreggio,

poi l’uno a uno cambia li scenari.

***

Ancora c’è la gara de ritorno,

gnente è deciso, ma è a casa nostra,

nun ce penzamo adesso … è un artro giorno.

***

In palio c’è quer posto e tanto vale,

ma pe stasera tutto lo dimostra,

che se pò fà quer passo da finale.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Er cromosoma

Er cromosoma

***

Facenno ’na classifica pe rima,

fra quelle che s’abbacieno co Roma,

scritte così, ner conzueto idioma,

qual è quella che vince e ariva prima?

***

Seconno me se merita er diproma,

ammesso che se possa fà ’na stima,

’na rima che va messa certo in cima,

perché riguarda sangue e cromosoma.

***

Der resto, chi cià Roma ne le vene,

nun pò nun approvà ’sta graduatoria,

sta ner DNA e j’appartiene.

***

E se tramanna, a conzervà memoria,

da padre in fìo, ereditanno er bene,

da ventisette secoli de storia.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Aprile 2022

Du’ cose importanti

Du’ cose importanti

***

A ’ste du’ cose io so’ sempre pronto:

mette le zampe sotto ar tavolino

e spegne l’occhi e famme un pisolino,

si vòi sapé com’è, te l’aricconto.

***

Nun ha da èsse sera, né matino,

o notte, quanno è arba o tramonto,

ché pe dormì e magnà nun faccio er conto,

co orologgi o fochi der camino.

***

È mejo ancora quanno ’ste du’ cose,

le faccio l’una l’artra de rimanno,

messe de fila, a rincarà la dose.

***

A chi me dice, e quanti ce ne stanno,

“Però così nun prenni pesci e spose”,

io j’arisponno: “E ’ndó starebbe er danno ?!?”

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

26 Aprile 2022

Conzijo

Conzijo

***

Impareremo a vortacce indietro,

guardanno chi sta peggio in graduatoria,

senza più conzumacce la memoria,

pe quelli avanti a noi de quarche metro?

***

Invece de ’nzeguì la vanagloria,

pe sbatte sempre er grugno a quarche vetro,

ce sentiremmo già in braccio a San Pietro,

avanti a tanti artri ne la storia.

***

Questo è un conzijo che nun cià pretese,

né d’èsse ramanzina, né sermone,

pe quelli già ce sò caserme e chiese.

***

Ché poi guardasse dietro dà occasione,

de evità spiacevoli sorprese,

de chi sta lì pe fàcce “un’ignezzione”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Aprile 2022

25 aprile

25 aprile

***

Giornata de memoria, ortre la festa,

’ndò s’aricorda la Libberazzione,

da infame, lorda e triste occupazzione,

de un reggime che chinò la testa.

 ***

Pe chi nun cià nozzione d’oppressione,

d’assurdità e violenza manifesta,

er venticinque aprile pe lui resta

‘na festa in cui fà ponte a l’occasione.

 ***

Chi invece sa che, dar nazzismo a Mao,

‘gni dittatura cià l’erbaccia inzana

de soffocà ‘gni libbertà e ’gni Tao …

 ***

… ringrazzia l’alleanza americana,

de chi cià libberato e er “bella ciao”,

de la curtura e lotta partiggiana.

**

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Aprile 2022

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparze quela sera,

a li discepoli, giù anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti?

P’er monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e in chi spera,

dà Amore e Pace a la Mia magnera,

mó ite senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno che seppe de tutto ‘sto fatto,

disse: “Io nun ce credo, vò a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun tocco cor tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse attratto:

“Sei Tu Signore, su de Te me baso”,

Gesù rispose: “Credi, senza ‘st’atto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***